La placenta di donne in gravidanza affette da COVID 19 mostra anomalie

Immagine: Public Domain

Uno studio condotto da ricercatori della Northwestern University di Chicago ha scoperto che le placente di donne in gravidanza che erano state infettate dalla grave sindrome respiratoria acuta coronavirus 2 (SARS-CoV2) che causa COVID 19, mostrano anomalie rispetto a quelle di donne non infette.

Le placente presentavano più caratteristiche di malperfusione vascolare materna (MVM), un modello riconosciuto di danno alla placenta associato a esiti avversi della gravidanza. Esempi di questi esiti avversi sono stati precedentemente dimostrati, tra cui riduzione della crescita fetale, pre-eclampsia, parto prematuro e parto di feto morto.

Jeffery Goldstein e colleghi affermano che i risultati indicano che un aumento del monitoraggio durante la gravidanza deve essere considerato in caso di malattia COVID-19.

Una versione prestampata del documento è disponibile sul server medRxiv *, mentre l’articolo è sottoposto a peer review.

Gli effetti di SARS-CoV-2 sulla gravidanza

Le persone nel campo dell’ostetricia e della pediatria sono attualmente desiderose di comprendere gli effetti che l’infezione da coronavirus SARS-CoV-2 possono avere sulle donne in gravidanza e sui loro bambini.

Si ritiene che l’epidemia di SARS-CoV identificata nel 2003 abbia colpito circa 100 donne in gravidanza a livello globale. Alcuni studi hanno dimostrato che i casi tra donne in gravidanza erano associati a una grave infezione nella madre e ad un aumentato rischio di aborto e morte materna. Gli studi hanno anche suggerito che la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) è associata a esiti avversi per la madre e la gravidanza.

Stanno iniziando a emergere rapporti sull’infezione COVID-19 tra donne in gravidanza; uno studio cinese che riportava risultati sulla placenta descriveva un aumento della deposizione di fibrina perivillare, multipli infarti e corangioma. Tuttavia, “per quanto ne sappiamo, non esistono serie di casi pubblicati nella letteratura inglese sulla patologia della placenta nelle donne con diagnosi di COVID-19 durante la gravidanza”, scrivono Goldstein e il suo team.

Vedi anche: Il mistero dei coaguli di sangue nei pazienti COVID 19

Esame delle placente di donne in gravidanza con COVID-19

Ora, i ricercatori hanno esaminato le placente di 16 donne con COVID-19 che hanno partorito tra il 18 marzo e il 5 maggio 2020. Hanno confrontato i risultati con gli esami di placenta dei controlli storici e con quelli con una storia di melanoma. I ricercatori affermano che un punto di forza del loro studio è l’inclusione di due distinte serie di controlli. Le placente vengono esaminate clinicamente solo nei casi di indicazione, come malattia o complicanze alla nascita. “La storia del melanoma è un’indicazione per l’esame della placenta, ma è considerata indipendente dall’esito della gravidanza e quindi alcuni hanno sostenuto l’utilizzo di questi pazienti come controllo”, spiega il team. Quattordici donne hanno avuto un parto a tempo, una ha partorito a 34 settimane e una donna ha abortito a 16 settimane. Quest’ultimo caso non è stato incluso nell’analisi statistica, che è stata progettata per valutare solo le nascite del terzo trimestre.

Che cosa hanno trovato i ricercatori?

I ricercatori affermano che, nonostante le dimensioni ridotte della popolazione dello studio, sono state osservate alcune tendenze. “Rispetto ai controlli, le placente del terzo trimestre avevano una probabilità significativamente maggiore di mostrare almeno una caratteristica della malperfusione vascolare materna (MVM)“, scrive il team. Dodici delle 15 donne con COVID-19 avevano caratteristiche di MVM, rispetto a 7.754 su 17.479 controlli complessivi e 59 su 215 controlli con una storia di melanoma. Esempi di queste funzionalità MVM includevano trombi intermedi e corangiosi.  In riferimento al significativo aumento relativo dei trombi intermedi tra i casi di COVID-19, gli autori affermano: “Nel contesto della ricerca che suggerisce un aumento dei disturbi trombotici e tromboembolici nel COVID-19, questi possono rappresentare la formazione placentare o la deposizione di trombi in risposta al virus “. Gli autori affermano che anche il fatto che la corangiosi fosse significativamente più comune tra i casi di COVID-19 è interessante poiché è associato a una ridotta saturazione di ossigeno ed è spesso osservata nelle donne che vivono ad alta quota. Tuttavia, “mentre l’associazione tra un virus respiratorio e una scoperta talvolta osservata nell’ipossia materna è interessante, le dimensioni ridotte del campione e i fattori confondenti rendono difficile trarre conclusioni in questo momento“, aggiungono i ricercatori.

Lo studio ha anche scoperto che non vi era alcun aumento dei tassi di patologia infiammatoria acuta (AIP) e patologia infiammatoria cronica (CIP) tra i casi di COVID-19. Gli autori affermano che questo è rilevante, dato che SARS-CoV-2 è un virus e ci si aspetta che scateni un’infiammazione.  “In effetti, entrambe le categorie di malattia erano meno prevalenti nei pazienti COVID-19, AIP in modo significativo“, scrivono i ricercatori.

Tutti i bambini nati da madri con COVID-19 sono risultati negativi a SARS-CoV-2.

I tamponi della gola prelevati da neonati nati da madri con COVID-19 hanno mostrato che tutti erano negativi a SARS-CoV-2. Ciò conferma l’evidenza che la trasmissione verticale del virus è rara e suggerisce che i cambiamenti della placenta, se causati da COVID-19, sono correlati alle infezioni e alle infiammazioni materne piuttosto che alle infezioni fetali“, afferma il team. “Nel determinare quali anomalie della placenta sono attribuibili all’infezione da SARS-CoV-2, vorremmo sostenere che le associazioni statisticamente significative identificate in studi controllati, come questo, sono il primo passo appropriato”.

  “Collettivamente, questi risultati suggeriscono che un aumento della sorveglianza prenatale per le donne con diagnosi di SARS-CoV-2 deve essere considerato”, concludono gli autori.

Fonte: medRxiv