HomeSaluteCuore e circolazioneAcidi grassi omega 3 e rischio fibrillazione atriale

Acidi grassi omega 3 e rischio fibrillazione atriale

(Acidi grassi omega 3-Immagine Credit Public Domain).

La fibrillazione atriale (FA) è l’aritmia cardiaca sostenuta più diffusa in tutto il mondo ed è associata a morbilità e mortalità elevate, rendendola in definitiva un grave onere per la salute pubblica. 

L’integrazione di acidi grassi omega-3 (O3FA) viene utilizzata nella pratica clinica per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari (CVD) nei pazienti con trigliceridi plasmatici elevati. La sicurezza è stata, tuttavia, messa in dubbio poiché diversi studi sugli esiti cardiovascolari (CV) dell’integrazione di O3FA hanno mostrato un potenziale aumento della fibrillazione atriale, rispetto al placebo.

- Advertisement -

In questa meta-analisi di studi randomizzati controllati (RCT), i ricercatori hanno indagato se la supplementazione di O3FA è associata a un aumento del rischio di FA rispetto al placebo. “Abbiamo condotto una ricerca sistematica di RCT di integrazione di O3FA sugli esiti CV, che includeva anche dati sull’incidenza di FA fino a novembre 2020.L’endpoint principale dello studio era l’inizio della FA.

Gli integratori di Omega-3 sono associati ad una maggiore probabilità di sviluppare fibrillazione atriale nelle persone con lipidi nel sangue alti. Questo è il risultato di uno studio pubblicato oggi su European Heart Journal – Cardiovascular Pharmacotherapy, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

“Attualmente, gli integratori di olio di pesce sono indicati per i pazienti con elevati trigliceridi plasmatici per ridurre il rischio cardiovascolare”,  ha detto l’autore dello studio il Dottor Salvatore Carbone della Virginia Commonwealth University, negli Stati Uniti. “A causa dell’elevata prevalenza di trigliceridi elevati nella popolazione, possono essere comunemente prescritti. Da notare, gli acidi grassi omega-3 a basso dosaggio sono disponibili al banco, senza la necessità di una prescrizione”.

Alcuni studi clinici hanno suggerito che gli acidi grassi omega-3 possono essere associati a un aumentato rischio di fibrillazione atriale, il disturbo del ritmo cardiaco più comune. Le persone con questo disturbo hanno una probabilità cinque volte maggiore di avere un ictus. Questi studi hanno testato diverse formulazioni di acidi grassi omega-3 a dosi diverse. Gli autori hanno quindi eseguito una meta-analisi completa di studi randomizzati controllati per rispondere alla domanda se gli oli di pesce fossero costantemente correlati a un aumento del rischio di fibrillazione atriale.

- Advertisement -

L’analisi includeva cinque studi randomizzati controllati che studiavano gli effetti dell’integrazione degli acidi grassi omega-3 sugli esiti cardiovascolari. I partecipanti avevano livelli elevati di trigliceridi ed erano ad alto rischio di malattie cardiovascolari o avevano una malattia cardiovascolare accertata. Un totale di 50.277 pazienti ha ricevuto olio di pesce o placebo e sono stati seguiti per un periodo compreso tra 2 e 7,4 anni. La dose degli oli di pesce variava da 0,84 gr a 4 gr al giorno.

Vedi anche:Bassi livelli plasmatici di acidi grassi omega 3 associati alla nascita pretermine

I ricercatori hanno scoperto che l’integrazione di O3FA era associata a un rischio significativamente aumentato di fibrillazione atriale rispetto al placebo con un rapporto del tasso di incidenza di 1,37 (intervallo di confidenza al 95% 1,22-1,54; p <0,001).

Il Dott. Carbone ha affermato: “Il nostro studio suggerisce che gli integratori di olio di pesce sono associati a un rischio significativamente maggiore di fibrillazione atriale nei pazienti ad elevato rischio cardiovascolare. Sebbene uno studio clinico abbia indicato effetti cardiovascolari benefici dell’integrazione, il rischio di fibrillazione atriale dovrebbe essere considerato quando tali agenti vengono prescritti o acquistati al banco, specialmente in soggetti suscettibili di sviluppare il disturbo del ritmo cardiaco”.

Spiegano gli autori:

“I risultati contrastanti degli effetti benefici della supplementazione di acidi grassi omega-3 sugli esiti di malattie cardiovascolari insieme al loro potenziale rischio di danno, evidenziano la necessità di studi futuri per confermare in definitiva i potenziali effetti benefici di questa classe di farmaci. Inoltre, i meccanismi attraverso i quali l’integrazione di acidi grassi omega-3 può aumentare il rischio di fibrillazione atriale rimangono in gran parte sconosciuti, evidenziando chiaramente la necessità di studi clinici per indagare su tali effetti. E’  stato precedentemente dimostrato che l’integrazione di acidi grassi omega 3 stabilizza la membrana cardiaca con conseguenti effetti protettivi contro le aritmie, comprese le aritmie ventricolari. Tuttavia, alcuni studi precedenti hanno riportato una fibrillazione atriale post-operatoria più alta in pazienti con livelli elevati di O3FA. Da notare, gli studi dedicati che indagano gli effetti della supplementazione di O3FA sulle aritmie ventricolari in popolazioni ad alto rischio (ad esempio pazienti post-infarto miocardico) rimangono da determinare e ulteriori studi vanno incoraggiati”.

In conclusione, il nostro studio suggerisce che la supplementazione di acidi grassi omega 3  è associata ad un aumentato rischio di fibrillazione atriale nei pazienti con elevati livelli di trigliceridi plasmatici e ad elevato rischio CV. Ciò propone di considerare il rischio di FA quando si prescrive l’integrazione di O3FA in questa popolazione.

Fonte:Cardiovascular Pharmacotherapy

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...