Pretrattare i globuli rossi con l’ossido nitrico può ridurre gli effetti collaterali legati alle trasfusioni

trasfusioni

Un nuovo trattamento può ridurre un effetto collaterale pericoloso associato alle trasfusioni di globuli rossi (RBC), noto come ipertensione polmonare, una pressione arteriosa elevata nei polmoni e cuore che può portare ad insufficienza cardiaca, secondo un nuovo studio pubblicato nel numero di novembre di Anestesiologia, la rivista medica peer-reviewed della American Society of Anesthesiologists (ASA).

Il trattamento prevede l’esposizione dei globuli rossi prelevati da donatori, al gas ossido di azoto.

“Le trasfusioni di sangue sono una delle prime cinque procedure mediche eseguite da medici di tutto il mondo,” ha dichiarato Warren M. Zapol, MD, autore principale dello studio e Direttore dell’ Anesthesia Center for Critical Care Research at Massachusetts General Hospital a Boston.

“Le trasfusioni possono essere una terapia salva-vita per ripristinare le cellule del sangue o emoderivati persi a seguito di una grave emorragia dopo un trauma, incidente o un intervento chirurgico. La maggior parte delle trasfusioni di sangue non sono trasfusioni ‘di sangue intero”, ma piuttosto trasfusioni di alcuni prodotti del sangue, con i globuli rossi, che è il più comune tipo di trasfusione”.

Poiché le forniture di globuli rossi sono limitate, la Food and Drug Administration consente la trasfusione di globuli rossi umani che sono stati conservati per un massimo di 42 giorni. Tuttavia, studi recenti suggeriscono che le trasfusioni di globuli rossi che sono stati conservati per più di 30 giorni, possono portare a ipertensione polmonare e ridotta sopravvivenza dei globuli rossi trasfusi, con conseguente scarso apporto di ossigeno alle cellule del corpo. Ogni anno, circa 326.000 pazienti negli Stati Uniti ricevono una o più trasfusione di globuli rossi che sono stati conservati per più di 30 giorni.

Nello studio, gli eritrociti prelevati dagli  agnelli sono stati conservati per 40 giorni e poi esposti all’ossido nitrico – un tipo di gas spesso utilizzato per trattare neonati a termine con ipertensione polmonare. Un gruppo di agnelli ha ricevuto la trasfusione con globuli rossi trattati, mentre un altro gruppo ha ricevuto globuli rossi non esposti all’ ossido nitrico.

I ricercatori hanno trovato che la trasfusione con globuli rossi che non erano stati pretrattati con l’ossido nitrico, ha quasi raddoppiato la costrizione dei vasi sanguigni nei polmoni, rispetto ai globuli rossi pretrattati con il gas. Da questo, gli autori hanno concluso che il pretrattamento dei globuli rossi conservati per più di trenta giorni con ossido nitrico, riduce il rischio di ipertensione polmonare.

Inoltre, il trattamento con l’ossido nitrico ha aumentato la sopravvivenza dei globuli rossi, dopo la trasfusione. Quando i globuli rossi conservati per più di 40 giorni sono stati pretrattati e poi trasfusi negli agnelli, l’ 87 per cento delle cellule sono rimaste in circolazione dopo un’ora, rispetto al 75 per cento dei globuli rossi non trattati. Dopo 24 ore, il 78 per cento dei globuli rossi trattati con ossido nitrico è rimasto in circolazione, rispetto al 73 per cento di eritrociti non trattati con ossido nitrico.

“La conservazione prolungata dei globuli rossi li rende rigidi e diminuisce la loro capacità di cambiare forma, che è necessaria mentre viaggiano attraverso piccoli vasi sanguigni”, ha detto il Dr. Zapol. “Abbiamo trovato che il pretrattamento con l’ossido nitrico effettivamente ringiovanisce i globuli rossi rendendoli più flessibili in modo da poter più facilmente viaggiare attraverso i vasi sanguigni. Ciò può ridurre ulteriormente il rischio di ipertensione polmonare”.

“Sono tuttavia necessari ulteriori studi sui globuli rossi umani per confermare gli effetti benefici dell’esposizione all’ossido di azoto”, hanno concluso i ricercatori.

Fonte: SciFeeds

Altri articoli su trasfusioni