Nuovo cerotto stimola la guarigione delle ferite e riduce il rischio di infezione

ferite

Immagine: ricercatori dell’Ohio State. Da sinistra a destra: Vish Subramaniam,Sashwati Roy e Shaurya Prakash.

Buone notizie per i milioni di persone che soffrono di ferite che non riescono a guarire! Un team di ricercatori della Ohio State University ha creato un nuovo cerotto che genera una piccola corrente elettrica continua per stimolare la guarigione delle ferite e ridurre il rischio di infezione.

Quasi 7 milioni di americani soffrono di ferite croniche, di solito a causa del diabete, obesità o altre condizioni che hanno impatto sulla circolazione. Le ferite che non guariscono sono dolorose, possono danneggiare in modo permanente i nervi, impedire la mobilità e, in casi estremi, causare grave infezione.

Il  nuovo cerotto sfrutta la risposta innata del corpo per guarire le ferite.

“Una ferita produce naturalmente i propri campi elettrici che aiutano a ridurre i batteri e promuovere la rigenerazione delle cellule. Tuttavia, questa funzione è probabilmente compromessa nelle ferite croniche”, ha detto Sashwati Roy, Prof. associato presso il Dipartimento di Chirurgia della Ohio State University of Medicine .

Roy osserva che le ferite croniche sono particolarmente suscettibili alle infezioni perché i batteri, che a volte sono all’interno di una ferita,  possono mobilitarsi e creare colonie coperte da un rivestimento adesivo chiamato biofilm. Il sistema immunitario, così come gli antibiotici, non sono in gradoi di penetrare il biofilm e di conseguenza, si sviluppano infiammazione e infezione costante che ostacolano ulteriormente il processo di guarigione.

In collaborazione con un team aerospaziale guidato da Shaurya Prakash e Vish Subramaniam, gli scienziati hanno ottimizzato il design del cerotto e la quantità di corrente elettrica erogata. Il nuovo prototipo è flessibile, portatile e indipendente. Realizzato in seta e argento, la medicazione sperimentale include una batteria autonoma e corrente elettrica continua a basso livello.

“Speriamo che questo nuovo design possa permettere ai campi elettrici di penetrare più profondamente nella ferite e arrivare dove questi biofilm possono essere nascosti”, ha detto Subramaniam, Presidente del Dipartimento di Meccanica e Ingegneria Aerospaziale presso l’Ohio State. ” La distruzione del biofilm consentirebbe agli antibiotici di uccidere i batteri, ridurre l’infiammazione cronica e rendere efficace la risposta immunitaria naturale del corpo. I batteri sono noti per acquisire rapidamente la resistenza agli antibiotici, ma per quanto ne sappiamo, i batteri non sviluppano resistenza contro gli “electroceuticals“. ( Electroceuticals è un termine recentemente coniato che comprende in linea di massima tutta la medicina bioelettronica che utilizza la stimolazione elettrica per influenzare e modificare le funzioni del corpo).

Per testare il disegno sperimentale, Roy e il team di scienziati hanno creato un modello animale indotto a sviluppare ferite croniche. Questi modelli animali avevano lesioni della pelle con infezione da Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus o Acinetobacter baumannii, tre diversi tipi di batteri che normalmente infettano le ferite e sviluppano biofilm che sono resistenti al trattamento.

I primi risultati, che sono stati presentati alla riunione annuale della Wound Healing Society’s Annual Meeting ad Aprile 2016, indicano che le ferite infette trattate con la medicazione bioelettrica sperimentale sono guarite più rapidamente di quelle trattate con una medicazione standar utilizzata nella cura delle ferite. Gli scienziati ipotizzano che le correnti elettriche possono disturbare i batteri in due modi: interrompendo la produzione di messaggi chimici che istruiscono i batteri a sviluppare biofilm e indebolendo la struttura molecolare del biofilm esistenti, potenzialmente rendendoli più sensibili agli antibiotici o risposta immunitaria naturale del corpo.

La nuova tecnologia potrebbe anche essere usata per trattare le lesioni acute. Roy osserva inoltre che il Dipartimento della Difesa statunitense è molto interessato alla medicazione come una misura per aiutare a prevenire le infezioni delle ferite nei  soldati sul fronte di battaglia.

il team di ricerca spera di testare la nuova tecnologia nei pazienti, prima della fine dell’anno, per determinare la durata ottimale del trattamento e comprendere meglio gli effetti curativi dei campi elettrici sulle cellule della pelle a livello molecolare.

Fonte: Newswise

Altri articoli su ferite