Malattie autoimmuni: nuovi trattamenti con minori effetti collaterali

malattie autoimmuni

Un nuovo studio ha sollevato la possibilità di ridurre al minimo gli effetti collaterali del trattamento per i pazienti con malattie autoimmuni, come la sclerosi multipla e la malattia infiammatoria intestinale.

Un gruppo di ricerca ha utilizzato la genetica per produrre nuove terapie per le malattie autoimmuni, ma con minori effetti collaterali.

Molti degli attuali trattamenti per le malattie autoimmuni, tra cui la sclerosi multipla, l’artrite reumatoide e la malattia infiammatoria intestinale, agiscono sul sitema immunitario indebolendolo deliberatamente con conseguente aumento del rischio per il paziente, di sviluppare altre malattie.

( Vedi anche:L’importanza dei livelli di vitamina D nelle malattie autoimmuni).

Studiando le varianti genetiche che la natura utilizza per influenzare i normali meccanismi biologici, un team di Oxford è stato in grado di valutare l’equilibrio tra efficacia e gli effetti collaterali dei trattamenti per le malattie autoimmuni.

La squadra ha specificatamente indagato come la variazione genetica influenza la funzione di un gene chiamato TYK2. La proteina TYK2 prodotta da questo gene svolge un ruolo importante nei processi che aiutano il corpo a combattere le infezioni e il cancro, ma la sua attività può anche promuovere malattie autoimmuni.

Gli scienziati hanno scoperto che una singola variante genetica in TYK2 protegge con forza contro più malattie autoimmuni differenti. Questo effetto protettivo è mediato da un cambiamento molecolare nella proteina TYK2 che riduce la sua funzione e riduce l’attività delle cellule immunitarie che potrebbero favorire lo sviluppo della malattia autoimune.

Lo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, suggerisce che imitando farmaceuticamente il naturale  impatto della variante TYK2 sulla protezione da malattie autoimmuni, si potrebbero sviluppare nuovi trattamenti per le malattia autoimmune, che bilanciano la necessità di efficacia e sicurezza.

Il Prof. Lars Fugger del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche Nuffield, Università di Oxford, che ha guidato la ricerca, ha detto: ‘Lo sviluppo di nuovi farmaci è un processo costoso e che richiede tempo. In media costa oltre 1 miliardo di euro e impiega più di 10 anni per portare un nuovo farmaco sul mercato e più del 90% dei farmaci che entrano in studi clinici non vengono in definitiva approvati. Questo perché la maggior parte dei farmaci non riescono a dimostrare l’efficacia sufficiente per trattare le malattie o sono associati a gravi effetti collaterali indesiderati.

‘ La nostra ricerca indica che TYK2 potrebbe essere un buon bersaglio dei farmaci per il trattamento delle malattie autoimmuni, mentre i farmaci attualmente utilizzati che bloccano l’attività delle cellule del sistema immunitario sono noti per lasciare i pazienti vulnerabili alle infezioni e aumentare il rischio di cancro.

” Inoltre, da un’analisi dei dati disponibili nella UK Biobank, lo studio sanitario più completo nel Regno Unito, abbiamo scoperto che le persone che trasportano la variante genetica protettiva TYK2 non erano a maggior rischio di avere infezioni gravi o di sviluppare il cancro, rispetto alle persone senza la variante”, conclude il Prof. Lars Fugger.

Fonte: University of Oxford

Altri articoli su malattie autoimmuni