HomeSaluteVirus e parassitiVirus dell'influenza aviaria: possibile un'altra pandemia?

Virus dell’influenza aviaria: possibile un’altra pandemia?

Virus dell’influenza aviaria-Immagine Credit  Christian Charisius/Aliance Picture

 

Il primo focolaio confermato di virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAIV) negli uccelli è stato documentato in Scozia nel 1959 con il sottotipo H5N1 dell’influenza A, sebbene ci siano stati numerosi focolai sospetti di HPAIV documentati a livello globale dal 1878. H5N1 e i suoi riassortanti genetici (inclusi H5N2 H5N5, H5N6 e H5N8) si è scoperto che causano migliaia di focolai in tutto il mondo sia nel pollame d’allevamento che negli uccelli selvatici, con massiccia mortalità. Tra i quattro tipi (da A a D) di virus influenzali, il tipo A tende ad essere zoonotico e gli ospiti naturali sono considerati uccelli acquatici. Il virus dell’influenza A è ulteriormente suddiviso in diversi sottotipi in base all’antigenicità di due glicoproteine ​​virali: emoagglutinina ( HA , di cui esistono 18 sottotipi, da H1 a H18) e neuraminidasi ( NA , di cui esistono 11 sottotipi, da N1 a N11); la maggior parte delle combinazioni HA-NA negli AIV sono state identificate.

- Advertisement -

Immagine Credit: N. Cary / Science

Virus dell’influenza aviaria H5

Il sottotipo H5 dei virus aviari può essere filogeneticamente sottoclassificato in cladi e sotto cladi in base alla loro somiglianza di sequenza con il gene dell’emoagglutinina ( HA ) (numeri nei cerchi). Molti dei cladi H5 hanno causato infezioni umane e, in particolare, il clade 2.3.4.4b circolava in Eurasia e Africa durante il 2020 e ha causato infezioni umane in Russia.

Ora, due ricercatori che ai occupano di virus in Cina stanno raccomandando misure di sicurezza dopo che sette lavoratori agricoli russi sono stati infettati da un virus influenzale incrociato lo scorso anno. Nel loro articolo “Perspectives” pubblicato dalla rivista Science, Weifeng Shi e George Gao, entrambi affiliati a più istituzioni in Cina, suggeriscono che la composizione e la storia del ceppo H5N8 del virus dell’influenza aviaria minacciano la possibilità di un’altra pandemia.

- Advertisement -

Vedi anche:Influenza aviaria H5N8: primo caso in Russia

Il nuovo ceppo di virus dell’influenza è stato scoperto per la prima volta in un’anatra in Cina nel 2010. Nel 2014, in Giappone e Corea del Sud erano stati osservati focolai sia in uccelli domestici che in uccelli selvatici. E nel 2016 il virus H5N8 era stato trovato negli uccelli in India, Russia, Mongolia, Stati Uniti e parti d’Europa. Entro il 2020 si erano verificati focolai in 46 paesi. Shi e Gao fanno notare che questa storia indica che il virus è in grado di diffondersi molto rapidamente. Ancora più preoccupante è stato un rapporto di infezioni crossover in sette lavoratori agricoli russi lo scorso dicembre. Gli autori fanno notare che i lavoratori infetti non presentavano alcun sintomo (sono stati testati per motivi di sicurezza) e non vi era alcuna indicazione che il virus fosse trasmissibile da una persona all’altra. Ma fanno notare anche che una volta che è stato effettuato un crossover, generalmente non ci vuole molto per un virus, adattarsi e diffondersi ad altre vittime. I ricercatori fanno notare quanto velocemente il virus è mutato per saltare da anatra ad anatra e poi ad altre specie di uccelli. Notano anche che il virus è risultato essere piuttosto letale, con massicce morie in più epidemie. I lavoratori russi sono stati testati, ad esempio, dopo la morte di 101.000 galline.

In una nota più ottimistica, Shi e Gao riferiscono che non è troppo tardi per prendere misure preventive che potrebbero prevenire una pandemia. Suggeriscono che la sorveglianza vigile di allevamenti, mercati di uccelli vivi e selvatici, insieme all’implementazione di misure standard di controllo delle infezioni, potrebbe rallentare la diffusione del virus , dando alle aziende farmaceutiche il tempo di sviluppare un vaccino.

Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

Virus dell’influenza aviaria: possibile un’altra pandemia?

Virus dell'influenza aviaria-Immagine Credit  Christian Charisius/Aliance Picture   Il primo focolaio confermato di virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAIV) negli uccelli è stato documentato in...

La peste bubbonica ha avuto effetto sui geni dell’immunità

(Peste bubbonica-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati che hanno esaminato i resti di 36 vittime della peste bubbonica da una fossa comune del XVI secolo...

Cancro ai polmoni: AI prevede la malignità dei noduli polmonari

(Cancro ai polmoni-Immagine: rappresentazione schematica delle reti neurali convoluzionali (CNN) utilizzate nell'algoritmo di apprendimento profondo per la stima del rischio di malignità dei noduli...

Cancro al seno: nuovo biosensore per diagnosi precoce

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Un team di ricercatori spagnoli ha sviluppato, a livello di laboratorio, un prototipo di un nuovo biosensore per aiutare...

COVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

Entro il prossimo decennio, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 potrebbe diventare poco più che un fastidio, causando nient'altro che comuni tosse e...