VirScan rivela la presenza di anticorpi anti-SARS-CoV-2

0
5

I ricercatori del Blavatnik Institute della Harvard Medical School (HMS) e del Brigham and Women’s Hospital stanno adattando uno strumento di rilevazione degli anticorpi per studiare le conseguenze delle infezioni del nuovo coronavirus SARS-CoV-2che sta causando l’attuale pandemia globale.

Lo strumento, chiamato VirScan, rileva nel sangue delle persone, gli anticorpi che indicano infezioni attive e passate da virus e batteri. È stato sviluppato nel 2015 da Stephen Elledge, il Professore di genetica e medicina del Gregor Mendel presso HMS e Brigham and Women’s e da George Xu e Tomasz Kula, ricercatori del suo Laboratorio

Come funziona VirScan? In cosa differisce dai test diagnostici?

Da una singola goccia di sangue, VirScan verifica la presenza di anticorpi contro più di 1.000 diversi ceppi di virus e batteri che potrebbero aver infettato una persona, sia durante i test che decenni prima. In questo differisce dai tipici esami del sangue noti come saggi ELISA, che cercano un patogeno alla volta. Si differenzia anche dai test attualmente utilizzati per diagnosticare COVID-19. Questi test si basano su tamponi di muco dal naso e dalla gola e cercano acidi nucleici che segnalano che il virus SARS-CoV-2 è contenuto nel campione.

Vedi anche: Il pangolino confermato ospite intermedio per la diffusione di SARS-CoV-2

“Il CDC e altre strutture che utilizzano i di test stanno cercando la presenza del nuovo coronavirus nelle persone, il che è fondamentale”, ha affermato Elledge. “Il nostro test è in grado di rilevare se il sistema immunitario di qualcuno ha coinvolto il virus. Possiamo dire quando qualcuno ha ospitato il virus, anche se non ce l’ha più”.

Per creare VirScan, Elledge, Kula e Xu hanno creato una libreria di epitopi: brevi frammenti proteici derivati ​​dalle superfici dei virus. Se una persona ha incontrato un particolare ceppo virale, il suo sistema immunitario ha generato anticorpi contro di esso. Tali anticorpi riconosceranno quindi l’epitopo nella libreria VirScan e si legheranno ad esso, dando un risultato positivo.

Il laboratorio di Elledge utilizza epitopi di diversi coronavirus nella collezione originale VirScan. Il team sta ora aggiungendo epitopi dal nuovo coronavirus e tutti gli altri coronavirus noti non già inclusi.

VirScan può essere utilizzato per verificare se le persone hanno attualmente COVID-19?

Per diversi motivi, incluso il fatto che ci vuole almeno una settimana per generare risultati, VirScan non può essere utilizzato come test diagnostico in tempo reale.

“Non è utilizzabile come test point-of-care”, ha detto Elledge. Tuttavia, ha aggiunto che il suo team potrebbe essere in grado di utilizzare le informazioni acquisite per generare una versione più veloce di VirScan. Quando il progetto sarà avviato, sarà fondamentale garantire che i campioni di sangue vengano prelevati solo da persone che si sono completamente riprese dalle infezioni SARS-CoV-2, in modo che le fiale non contengano particelle di coronavirus attive quando entrano nel laboratorio. “Non vogliamo infettare i nostri ricercatori”, ha affermato Elledge.

L’esecuzione di analisi VirScan sul sangue o sul siero da un ampio segmento della popolazione può fornire “una stima affidabile” di quante persone sono state infettate in una determinata area geografica”, ha affermato Elledge. Riferimenti incrociati con le cartelle cliniche di coloro che sono risultati positivi e deceduti, possono illuminare il vero tasso di mortalità del virus.

In quale altro modo il laboratorio lavora per assistere gli sforzi di un vaccino?

Gli anticorpi non sono i soli elementi del corpo che attaccano gli invasori. Le cellule immunitarie chiamate cellule T reagiscono anche a epitopi specifici, non sui virus, ma sulla superficie delle cellule infette. Allertati del pericolo da questi epitopi, le cellule T possono uccidere le cellule infette da virus e limitare il numero di virus prodotti nel corpo.

Fonte: Medicalxpress