HomeAlimentazione & BenessereVerdure a foglia verde riducono il rischio di malattie cardiache

Verdure a foglia verde riducono il rischio di malattie cardiache

(Verdure a foglia verde-Immagine Credit Public Domain).

La ricerca della New Edith Cowan University (ECU) ha scoperto che consumando solo una tazza di verdure a foglia verde ricche di nitrati ogni giorno, le persone possono ridurre significativamente il rischio di malattie cardiache.

Lo studio ha verificato se le persone che mangiavano regolarmente quantità maggiori di verdure ricche di nitrati, come verdure a foglia verde e barbabietola rossa, avessero la pressione sanguigna più bassa e hanno anche esaminato il rischio di malattie cardiache per queste stesse persone, molti anni dopo. Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte a livello globale, con circa 17,9 milioni di vittime ogni anno.

- Advertisement -

I ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 50.000 persone residenti in Danimarca che hanno preso parte allo studio danese su dieta, cancro e salute per un periodo di 23 anni. Hanno scoperto che le persone che consumavano le verdure più ricche di nitrati avevano una pressione sistolica inferiore di circa 2,5 mmHg e un rischio di malattie cardiache inferiore dal 12 al 26%.

La ricercatrice capo, la Dott.ssa Catherine Bondonno dell’Istituto per la ricerca sulla nutrizione di ECU, ha affermato che individuare le diete che possono prevenire le malattie cardiache è una priorità. “I nostri risultati hanno dimostrato che semplicemente mangiando una tazza di verdure a foglia verde crude (o mezza tazza di cotte) ricche di nitrati ogni giorno, le persone possono essere in grado di ridurre significativamente il rischio di malattie cardiovascolari”, ha detto il Dott. Bondonno. La maggiore riduzione del rischio ha coinvolto la malattia delle arterie periferiche (26 per cento), un tipo di malattia cardiaca caratterizzata dal restringimento dei vasi sanguigni delle gambe, tuttavia abbiamo anche scoperto che le persone avevano un minor rischio di attacchi di cuore, ictus e insufficienza cardiaca”.

Vedi anche:Composto naturale nelle verdure aiuta a combattere la malattia del fegato grasso non alcolica

Dimentica gli integratori

- Advertisement -

Lo studio ha rilevato che la quantità ottimale di verdure ricche di nitrati era una tazza al giorno e mangiare di più non sembrava dare alcun beneficio aggiuntivo. “Le persone non hanno bisogno di assumere integratori per aumentare i loro livelli di nitrati perché lo studio ha dimostrato che una tazza di verdure a foglia verde ogni giorno è sufficiente per raccogliere i benefici per combattere le malattie cardiache“, ha detto il Dr. Bondonno. “Non abbiamo visto ulteriori benefici nelle persone che avevano assunto quantità maggiori di verdure ricche di nitrati”.

I frullati sono ok

Il Dr. Bondonno ha detto che includere una tazza di spinaci in un frullato di banana o frutti di bosco potrebbero essere un modo semplice per consumare le nostre verdure a foglia verde quotidiane. “Frullare verdure a foglia va bene, ma non spremerle. Spremere le verdure significa rimuovere la polpa e la fibra”, ha spiegato il Dr. Bondonno.

Il documento “Assunzione di nitrati vegetali, pressione sanguigna e malattie cardiovascolari incidenza: studio danese sulla dieta, il cancro e la salute” è stato pubblicato sull’European Journal of Epidemiology ed è il risultato di una collaborazione tra la Edith Cowan University, la Danish Cancer Society e l’Università dell’Australia occidentale.

La ricerca si aggiunge alla crescente evidenza che collega le verdure in generale e le verdure a foglia verde in particolare con una migliore salute cardiovascolare e forza muscolare. Questa evidenza include due recenti studi ECU che esplorano le verdure crocifere e la salute dei vasi sanguigni, le verdure a foglia verde e la forza muscolare.

Spiegano gli autori:

“L’identificazione di strategie basate sull’evidenza per prevenire le malattie cardiovascolari (CVD) è una priorità di ricerca globale. Una strategia importante per ridurre il rischio di CVD è identificare le diete ottimali e le loro componenti cardioprotettive. Uno di questi componenti potenzialmente cardioprotettivi è il nitrato inorganico alimentare, una fonte esogena di ossido nitrico (NO). L’NO gioca un ruolo chiave nella salute cardiovascolare. Prodotto principalmente attraverso la via endogena L-arginina-NO sintasi, ci sono poche opzioni per aumentare l’NO. La scoperta che i prodotti finali del metabolismo di NO, nitrati e nitriti, vengono riciclati nuovamente in NO attraverso un percorso enterosalivare nitrato-nitrito-NO ha sollevato la possibilità che il nitrato alimentare possa essere un’importante fonte esogena di NO a beneficio della salute cardiovascolare. Le principali fonti alimentari di nitrato sono le verdure, in particolare le verdure a foglia verde e le barbabietole. Se gli effetti vascolari dei nitrati inorganici, osservati negli studi clinici, si traducono in una riduzione delle malattie cardiovascolari (CVD) con l’assunzione abituale di nitrati nella dieta, merita un’indagine in studi prospettici. Abbiamo cercato di determinare se il nitrato vegetale, la principale fonte alimentare di nitrati, è associato a una pressione sanguigna (BP) più bassa e a un minor rischio di CVD. Tra i 53.150 partecipanti al Danish Diet, Cancer, and Health Study, senza CVD al basale, l’assunzione di nitrati vegetali è stata valutata utilizzando un database completo di nitrati vegetali. Una moderata assunzione di nitrati vegetali è stata associata rispettivamente a un rischio inferiore del 12%, 15%, 17% e 26% di cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca, ictus ischemico e ricoveri per malattia delle arterie periferiche. Il consumo di almeno ~ 60 mg / giorno di nitrato vegetale (~ 1 tazza di verdure a foglia verde) può mitigare il rischio di CVD“.

Fonte:European Journal of Epidemiology

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...