HomeSaluteVirus e parassitiVarianti COVID 19: sorvegliare le acque reflue per monitorare la diffusione

Varianti COVID 19: sorvegliare le acque reflue per monitorare la diffusione

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Un ampio team di ricercatori affiliato a una serie di istituzioni in Austria ha scoperto che la sorveglianza a lungo termine delle acque reflue può essere utilizzata per monitorare la diffusione delle varianti COVID 19 in un intero paese.

Nell’articolo pubblicato sulla rivista Nature Biology, il gruppo descrive lo studio biennale condotto su campioni di acque reflue provenienti da siti in tutta l’Austria.

- Advertisement -

Funzionari sanitari di tutto il mondo continuano a monitorare SARS-CoV-2, temendo l’emergere di una variante che potrebbe eludere le attuali vaccinazioni, mettendo ancora una volta a rischio la popolazione mondiale. In questo nuovo sforzo, i ricercatori in Austria hanno analizzato campioni di acque reflue raccolti dai centri di trattamento in tutto il paese. Ogni campione è stato trattato per estrarre campioni di virus che sono stati quindi sequenziati per saperne di più sulla loro composizione. L’obiettivo principale del progetto biennale è stato quello di monitorare la diffusione di nuove varianti.

Vedi anche:COVID 19: la pandemia non è certamente finita

Il lavoro si è svolto negli anni dal 2020 al 2022, abbastanza a lungo per vedere l’evoluzione del virus e la diffusione delle varianti. Il team ha raccolto campioni sufficienti per coprire il 59% della popolazione del paese. I ricercatori hanno anche confrontato i loro risultati con i dati raccolti dagli operatori sanitari di tutto il paese che riportavano test COVID positivi. Hanno scoperto che erano relativamente gli stessi per quanto riguarda l’identificazione di nuovi ceppi nel paese con il progredire della pandemia. E come hanno scoperto ricercatori di altri paesi, il ceppo dominante in Austria è passato dalla variante delta all’omicron.

I ricercatori suggeriscono che testare le acque reflue è un buon modo per tracciare la diffusione di una malattia virale in una determinata popolazione perché consente alle autorità di vedere quanto sia veramente prevalente: i virus si manifestano nei campioni di feci indipendentemente dal fatto che le persone siano state testate per COVID o meno. È anche un buon modo per tracciare la transizione verso nuove varianti, consentendo ai funzionari di determinare se è necessaria un’azione per rallentarne l’avanzamento.

- Advertisement -

Spiegano gli autori:

La sorveglianza SARS-CoV-2 mediante epidemiologia basata sulle acque reflue è pronta a fornire un approccio complementare al sequenziamento dei singoli casi. Tuttavia, una solida quantificazione delle varianti e il rilevamento de novo delle varianti emergenti rimane una sfida per le strategie esistenti. Abbiamo sequenziato in profondità 3.413 campioni di acque reflue che rappresentano 94 bacini idrici municipali, che coprono più del 59% della popolazione dell’Austria, da dicembre 2020 a febbraio 2022. Il nostro sistema di quantificazione delle varianti nella conduttura delle acque reflue progettato per la robustezza (denominato VaQuERo) ci ha permesso di dedurre l’abbondanza spazio-temporale di varianti predefinite da campioni complessi di acque reflue. Questi risultati sono stati convalidati rispetto a record epidemiologici di >311.000 casi individuali. Inoltre, descriviamo un’elevata diversità genetica virale durante il periodo della variante Delta, forniamo un quadro per prevedere le varianti emergenti e misurare il vantaggio riproduttivo delle varianti preoccupanti calcolando i numeri di riproduzione specifici delle varianti dalle acque reflue. Insieme, questo studio dimostra il potere della WBE su scala nazionale di supportare la salute pubblica e promette un valore particolare per i paesi senza un ampio monitoraggio individuale”.

Il monitoraggio delle acque reflue a lungo termine è anche molto meno costoso dei test convenzionali.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...