HomeSaluteVirus e parassitiVariante Delta: anticorpo monoclonale CT-P59 dimostra una potente efficacia

Variante Delta: anticorpo monoclonale CT-P59 dimostra una potente efficacia

Uno studio coreano ha recentemente dimostrato la potenza antivirale dell’anticorpo monoclonale CT-P59 contro la variante delta di SARS-CoV-2. Gli esperimenti condotti su animali infettati con la variante delta hanno dimostrato che CT-P59 è in grado di ridurre l’intensità dei sintomi e la replicazione virale nel tratto respiratorio.

Lo studio è attualmente disponibile sul server di prestampa bioRxiv * .

Le nuove varianti di SARS-CoV-2 appartenenti al lignaggio B.1.617 hanno recentemente causato un aumento significativo dei tassi di infezione e mortalità in India. Tra tre importanti sottolinee di B.1.617, la variante delta (B.1.617.2) mostra infettività e patogenicità significativamente più elevate e, quindi, è riconosciuta come Variante di preoccupazione (VOC) dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Poco dopo la sua prima identificazione in India, la variante delta è diventata dominante in molti paesi, inclusi Stati Uniti e Regno Unito.

- Advertisement -

Le mutazioni presenti nel dominio di legame del recettore della spike di SARS-CoV-2 (RBD) sono principalmente responsabili dell’elevata infettività e della capacità di evasione immunitaria delle nuove varianti di SARS-CoV-2. Secondo la letteratura disponibile, la mutazione spike L452R delle varianti delta ed epsilon (identificata per la prima volta in California) è specificamente associata a una ridotta neutralizzazione virale da parte di anticorpi indotti dal vaccino e anticorpi monoclonali terapeutici.

In questo studio, gli scienziati hanno studiato l’efficacia antivirale dell’anticorpo monoclonale CT-P59 contro le varianti delta, Kappa (B.1.617.1) ed epsilon (B.1.427/B.1.429) di SARS-CoV-2. .

Vedi anche:La variante delta attacca il sitema immunitario

Meccanicisticamente, l’anticorpo CT-P59 si lega alla proteina spike virale e blocca la sua interazione con l’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) del recettore di ingresso della cellula ospite. In studi sia su cellule che su animali, l’anticorpo ha mostrato una significativa efficacia antivirale contro il ceppo SARS-CoV-2 originale e le varianti B.1.351 (identificate per la prima volta in Sud Africa) e P1 (identificate per la prima volta in Brasile).

Efficacia neutralizzante di CT-P59 nei test cellulari

- Advertisement -

Gli scienziati hanno determinato l’affinità di legame, la capacità antivirale e l’efficacia neutralizzante di CT-P59 contro le varianti delta, epsilon e kappa con RBD mutati. I risultati hanno rivelato che l’anticorpo ha un’efficacia di legame 10 volte inferiore contro gli RBD mutati rispetto a quella contro l’RBD wild-type.

Ulteriori esperimenti condotti utilizzando virus vivi o pseudotipizzati hanno rivelato che l’anticorpo ha una capacità antivirale ridotta di 183, 74 e 24 volte contro le varianti delta, epsilon e kappa, rispettivamente, rispetto a quella contro il virus wild-type. È importante sottolineare che i risultati del test di neutralizzazione del virus hanno rivelato che l’anticorpo ha un’efficacia neutralizzante ridotta di 98, 31 e 50 volte contro le varianti delta, epsilon e kappa, rispettivamente, rispetto a quella contro la variante D614G di SARS-CoV- 2.

Nel loro insieme, i risultati rivelano che, nonostante un’affinità di legame e una capacità antivirale relativamente inferiori, CT-P59 è in grado di neutralizzare tutte le varianti testate di SARS-CoV-2.

Test di sensibilità in vitro di CT-P59 contro le varianti Delta, Epsilon e Kappa.

Test di sensibilità in vitro di CT-P59 contro le varianti Delta, Epsilon e Kappa.

Efficacia terapeutica di CT-P59 negli animali con variante delta

Gli scienziati hanno studiato l’efficacia terapeutica di CT-P59 nei topi infettati dalla variante delta. Hanno usato sia dosi elevate (clinicamente rilevanti) che basse dell’anticorpo per trattare successivamente i topi infetti.

I risultati hanno rivelato che rispetto ai topi non trattati che hanno mostrato un tasso di sopravvivenza dello 0% al giorno 6 dopo l’infezione, tutti i topi nel gruppo trattato con anticorpi hanno mostrato un tasso di sopravvivenza del 100%. Inoltre, i topi trattati con CT-P59 hanno mostrato una riduzione significativamente inferiore del peso corporeo rispetto ai topi di controllo non trattati. È importante sottolineare che il trattamento con CT-P59 ha ridotto con successo la replicazione virale nel tratto respiratorio inferiore dei topi infetti. In particolare, al giorno 6 dopo l’infezione, non sono stati rilevati titoli virali nei polmoni dei topi trattati con dosi anticorpali sia alte che basse.

Significato dello studio

I risultati dello studio rivelano che, nonostante mostri una ridotta efficacia antivirale tramite configurazioni in vitro, l’anticorpo monoclonale CT-P59 è in grado di migliorare significativamente i sintomi indotti da SARS-CoV-2 e ridurre la replicazione virale nei polmoni dei topi infettati con la variante delta.

Sulla base dei risultati dello studio, CT-P59 potrebbe essere utilizzato in configurazioni cliniche per trattare pazienti COVID-19 infettati dalla variante delta e varianti associate con mutazioni simili.

*Avviso IMPORTANTE

bioRxiv pubblica rapporti scientifici preliminari che non sono ancora sottoposti a peer review e, pertanto, non devono essere considerati conclusivi.

Fonte:  bioRxiv *

ULTIMI ARTICOLI

Variante Delta: anticorpo monoclonale CT-P59 dimostra una potente efficacia

Uno studio coreano ha recentemente dimostrato la potenza antivirale dell'anticorpo monoclonale CT-P59 contro la variante delta di SARS-CoV-2. Gli esperimenti condotti su animali infettati...

Vaccino COVID 19: gli anticorpi diminuiscono in poco tempo

(Vaccino COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I livelli totali di anticorpi sembrano iniziare a diminuire già a partire da sei settimane dopo la vaccinazione COVID...

Il grasso corporeo aumenta il rischio di demenza e ictus

(Grasso corporeo-Immagine Credit Public Domain). L'obesità è una epidemia globale che colpisce due adulti su cinque e poiché continua ad aumentare il girovita in tutto...

Glioma: semplice test urine o sangue per la diagnosi

(Glioma-Immagine: rilevamento del ctDNA nel liquido cerebrospinale, plasma e urina di pazienti con glioma utilizzando pannelli di sequenziamento specifici del paziente e analisi Credito:...

Epilessia: nuovo trattamento da una recente scoperta

(Epilessia-Immagine:Credito: Ziniu Chen, Comunicazioni universitarie). I ricercatori della School of Medicine dell'Università della Virginia hanno scoperto un processo di riparazione precedentemente sconosciuto nel cervello che...