HomeSaluteVirus e parassitiVaccino COVID 19 e analgesici: cosa devi sapere

Vaccino COVID 19 e analgesici: cosa devi sapere

(Vaccino COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Dopo o prima la vaccinazione COVID 19, si possono assumere farmaci analgesici per controllare gli effetti collaterali o questi farmaci potrebbero influenzare l’efficacia del vaccino?

  • Dolori e febbre soo effetti collaterali comuni della vaccinazione contro il coronavirus SARS-CoV-2. Ma l’assunzione di paracetamolo o ibuprofene influirà sul funzionamento del vaccino?
  • Gli effetti collaterali mostrano che il vaccino sta insegnando al tuo sistema immunitario come riconoscere e attaccare SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19, se lo incontra.
  • Gli esperti dicono di non assumere antidolorifici prima del vaccino.

Il vaccino contro il coronavirus SARS-CoV-2 ti aiuta a proteggerti da COVID-19. Può anche impedirti di avere i problemi di salute di lunga durata riscontrati da alcuni pazienti COVID-19Come con tutti i vaccini, potresti avere alcuni effetti collaterali, come dolore o gonfiore nel sito di iniezione, febbre, brividi, stanchezza o mal di testa. Il Dr. David J. Cennimo, medico specializzato in malattie infettive e assistente Professore presso la Rutgers New Jersey Medical School, ha affermato che questi sono “segni di un adeguato riconoscimento e reazione immunitaria al vaccino“. Gli effetti collaterali mostrano che il vaccino sta insegnando al tuo sistema immunitario come riconoscere e attaccare SARS-CoV-2 se lo incontra.

- Advertisement -

Sebbene alcuni degli effetti collaterali del vaccino siano simili ai sintomi di COVID-19, i vaccini contro il coronavirus non trasmetteranno COVID-19. Inoltre, i vaccini non ti renderanno contagioso. Per la maggior parte delle persone, gli effetti collaterali del vaccino sono lievi o moderati e durano solo uno o due giorni. Tuttavia, per alcune persone gli effetti collaterali li fanno sentire come se avessero l’influenza o influenzano la loro capacità di svolgere le attività quotidiane.

Di fronte a un paio di giorni di disagio simile all’influenza, molte persone, compresi i medici, ricorrono a farmaci da banco come l’ibuprofene (Advil, Motrin) o il paracetamolo (Tylenol) per alleviare la febbre e il dolore. Ma se questi farmaci riducono gli effetti collaterali del vaccino, c’è la possibilità che deprimano anche la risposta benefica del sistema immunitario alla vaccinazione? Esistono pochi dati sugli analgesici e vaccino COVID-19.

Vedi anche:Vaccini COVID 19: solo 1 persona su 4 sperimenta lievi effetti collaterali

 

- Advertisement -

Non è stata condotta alcuna ricerca per esaminare specificamente se il paracetamolo o l’ibuprofene possono interferire con il funzionamento del vaccino contro il coronavirus. Ma Cennimo ha riferito che alcune ricerche precedenti suggeriscono che alcuni farmaci possono influenzare la risposta immunitaria ai vaccini.

“Ci sono dati nella letteratura sui vaccini, a lungo antecedenti alla COVID-19 e quasi tutti [fatti] sui bambini, che la premedicazione con [farmaci che riducono la febbre] come il paracetamolo o l’ibuprofene riduce la risposta anticorpale alla prima dose di vaccino“, ha detto Cennimo. A volte i genitori davano ai loro figli un analgesico prima della loro iniezione di vaccino per evitare il disagio. Cennimo ha detto che non è noto come questi farmaci interferiscano con i vaccini, ma possono smorzare la risposta infiammatoria, che si manifesta come febbre e dolori. “Con meno infiammazione“, ha detto Cennimo, “potrebbe esserci anche una risposta immunitaria inferiore al vaccino“.

Più recentemente, uno studio pubblicato questo mese sul Journal of Virology ha scoperto che i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), che includono l’ibuprofene, riducono la produzione di anticorpi e altri aspetti della risposta immunitaria a SARS-CoV-2.

Gli anticorpi sono proteine ​​prodotte dal sistema immunitario per combattere virus come SARS-CoV-2. I vaccini COVID-19 stimolano il corpo a produrre anticorpi che mirano specificamente al coronavirus senza causare malattie. Gli autori di questo studio hanno affermato che ciò solleva la possibilità che i FANS possano anche influenzare la risposta immunitaria alla vaccinazione contro il coronavirus. Ma sarebbero necessari ulteriori studi per saperlo con certezza. Alcune ricerche condotte in laboratorio suggeriscono che i farmaci antidolorifici che riducono la febbre possono attenuare la risposta anticorpale alla vaccinazione, ma non è chiaro cosa significhi nel mondo reale.

Ovviamente sono necessarie ulteriori studi anche se gli studi sul vaccino COVID-19 che sono già stati condotti suggeriscono che l’assunzione di un analgesico dopo l’iniezione, se necessaria, potrebbe non causare un gran problema.

I protocolli per gli studi clinici in fase avanzata dei vaccini contro il coronavirus Pfizer-BioNTech e Moderna-NIAID non hanno impedito alle persone di assumere farmaci antidolorifici se sentivano di averne bisogno. Nonostante la necessità di ulteriori dati, Cennimo non pensa che sia un problema l’assunzione di ibuprofene o paracetamolo dopo l’iniezione di vaccino contro il coronavirus SARS-CoV-2, purché non si superi la quantità raccomandata.

Fonte: Healthline

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...