Uno studio potrebbe accelerare la diagnosi e il trattamento della SLA

sla

Una nuova ricerca condotta dal Professor Molly Gale Hammell, Professore associato del Cold Spring Harbor Laboratory, potrebbe aprire la strada a una migliore diagnosi e trattamenti più efficaci per la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

La SLA attualmente non ha cura. La malattia è caratterizzata dalla morte di neuroni che controllano i movimenti muscolari volontari.

La progressione della condizione vede i muscoli indebolirsi, il linguaggio e la capacità di deglutire diminuiscono e i pazienti alla fine hanno difficoltà a respirare. La causa esatta della SLA non è stata ancora identificata, sebbene gli scienziati ritengano che sia i fattori genetici che ambientali abbiano un ruolo.

Il nuovo studio, pubblicato su Cell Reports, ha analizzato le proteine ​​TDP-43 per il loro ruolo nella creazione di una proteina di legame del DNA.

Queste proteine ​​si accumulano nelle cellule nervose presenti nel cervello e nel midollo spinale e formano ammassi (o aggregati), causando la morte di un gran numero di cellule nervose. È questa eradicazione di massa delle cellule nervose che porta i pazienti con SLA a paralizzarsi nel corso della malattia.

Analizzando le funzioni delle proteine ​​TDP-43, che si trovano all’interno dei nuclei cellulari nella maggior parte dei tessuti, Hammell e il suo team di ricerca miravano a scoprire se c’erano differenze tra i casi di SLA nei pazienti.

Questo perché i pazienti non sviluppano sempre lo stesso insieme di sintomi, con alcuni che presentano debolezze alle gambe prima che la condizione progredisca e altri che riscontrano problemi con il linguaggio all’inizio della SLA. Alcuni pazienti sviluppano anche demenza frontotemporale (FTD), mentre altri no e le ragioni di queste differenze non sono chiare.

TDP-43 è stata identificata come una delle principali proteine ​​patologiche nella SLA, con almeno 60 mutazioni del gene TARDBP che causano un malfunzionamento della proteina TDP-43 e formano i grumi proteici nei motoneuroni.  TDP-43 è stata anche implicata nella FTD, che ora gli scienziati ritengono sia una condizione strettamente correlata alla SLA.

Vedi anche,Alla ricerca di un trattamento migliore per la SLA.

In uno studio pubblicato su Current Opinion in Neurology, gli autori scrivono che la scoperta di “livelli plasmatici elevati di TDP-43, in alcuni pazienti con malattia neurodegenerativa, supporta il possibile uso di TDP-43 come biomarcatore in vivo per aiutare nella diagnosi e monitorare gli effetti della terapia“.

Gli autori proseguono affermando che nello scoprire che TDP-43 svolge un ruolo importante sia nella SLA e sia nella FTD, si è registrato un “importante” progresso verso una gestione efficace di entrambe queste gravi condizioni.

Lo studio di Hammell si è interrogato sui collegamenti tra TDP-43 e retrotrasposoni, che sono anche chiamati geni saltatori per la loro capacità di spostarsi da una posizione in un genoma a un’altra. Quest’area è stata interessante per i team di ricerca in quanto TDP-43 è una proteina che è in grado di mantenere silenziosi i geni saltatori che sono stati trovati a livelli elevati in alcuni pazienti con SLA.

Tuttavia, TDP-43 non è in grado di mettere a tacere i geni saltatori quando cresce in gruppi di cellule nervose e, studiando l’espressione genica nei campioni di tessuto cerebrale di pazienti con SLA post mortem, sia con che senza patologia TDP-43, i ricercatori hanno scoperto che i geni saltatori non sono stati messi a tacere tanto ampiamente nei pazienti con alti livelli di proteine ​​TDP-43.

“Questi geni saltellanti ci parlano di pazienti con patologia TDP-43. Non sappiamo davvero perché un paziente abbia una serie di sintomi rispetto a un altro e stiamo cercando di rispondere a questa domanda”, dice Molly Gale Hammell, Professore associato, Cold Spring Harbor Laboratory.

I ricercatori ipotizzano che alti livelli di geni saltatori possono imitare i patogeni virali o altre infezioni nei tessuti, il che significa che i farmaci antivirali o le terapie alternative potrebbero colpire specificamente questi geni.

Questa è una delle cose di cui siamo davvero entusiasti come possibilità”, ha continuato Hammell. “Andando avanti, vogliamo capire se i trasposoni stanno causando la malattia e se sono coinvolti in altre malattie che tendono anche ad avere aggregati TDP-43, come la demenza frontotemporale e alcuni sottogruppi con Alzheimer”.


Altri articoli su sla