Una potente miscela di farmaci individuata per combattere il coronavirus cinese

0
8

Immagine: Bangkok (AFP)

In tutto il mondo medici e scienziati stanno affrettandosi a cercare soluzioni per contenere il coronavirus cinese a rapida diffusione. Ora, una potente miscela di farmaci antiretrovirali e influenzali è emersa come possibile difesa contro la malattia che ha ucciso già centinaia di persone.

Purtoppo gli esperti sostengono che un trattamento specifico di questo genere potrebbe richiedere anni per essere sviluppato.

Ecco cosa sappiamo – e non sappiamo – sui farmaci contro il coronavirus cinese simile alla SARS

Perché gli anti-retrovirali?

Ai pazienti con diagnosi di influenza comune viene spesso prescritto un farmaco antivirale ampiamente noto come Tamiflu. Ma l’influenza stagionale è “molto diversa dal coronavirus cinese”, ha affermato Sylvie van Der Werf all’Istituto Pasteur di Parigi. Finora il nuovo coronavirus ha infettato decine di migliaia di persone in tutto il mondo e ucciso oltre 420 persone, principalmente nella Cina continentale. Due settimane fa i medici cinesi hanno confermato di aver somministrato farmaci anti-HIV ai pazienti con coronavirus a Pechino, sulla base di uno studio del 2004 pubblicato dopo lo scoppio della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) che mostrava risposte “favorevoli”.

Usati insieme, Lopinavir e Ritonavir riducono la quantità di cellule HIV nel sangue di un paziente, riducendo la capacità del virus di riprodursi e attaccare il sistema immunitario.

I medici hanno anche combinato il trattamento con un altro farmaco antinfluenzale chiamato Oseltamivir, sperando che il cocktail potesse indebolire il nuovo coronavirus della sua forza.

In Tailandia, dove ora ci sono 25 casi confermati, un paziente cinese di 71 positivo al coronavirus cinese, è risultato negativo al virus entro 48 ore dall’assunzione dei tre farmaci.

Ma i medici tailandesi hanno sollecitato cautela, dicendo che il farmaco doveva essere somministrato sotto controllo a causa di possibili effetti collaterali.

La combinazione funziona davvero?

In breve, non lo sappiamo per certo. “Lo studio del 2004 ha mostrato che gli antiretrovirali utilizzati sui pazienti con la SARS avevano “sostanziali benefici clinici“, hanno affermato gli esperti cinesi. Ma studi casuali su 41 pazienti con coronavirus hanno mostrato dei “limiti”, secondo una ricerca pubblicata su The Lancet il 24 gennaio.

“I medici di Singapore, in cui vi sono 24 casi, hanno seguito l’esempio del trattamento antiretrovirale”, ha affermato il principale scienziato del paese Tan Chorh Chuan, senza entrare nei dettagli sui risultati.

Vedi anche: The Lancet: il nuovo coronavirus cinese è geneticamente diverso dalla SARS umana

Altri studi sembravano “promettenti” e una sperimentazione clinica è iniziata a Wuhan.

Questi agenti sembrano essere efficaci, ma al momento non possiamo esserne certi “, ha detto martedì Tan Chorh Chuan.

Le ditte biotecnologiche stanno lavorando su una serie di opzioni di trattamento. Gilead Sciences, con sede in California, ha affermato di lavorare con le autorità cinesi su studi clinici per determinare se Remdesivir, un farmaco usato per trattare la SARS, sia efficace contro il corornavirus cinese.

E’ in corso anche lo sviluppo di trattamenti completamente nuovi. Il dipartimento US Health and Human Services sta collaborando con Regeneron Pharmaceuticals per sviluppare anticorpi monoclonali per combattere l’infezione, una classe di farmaci che l’azienda ha usato con successo per aumentare i tassi di sopravvivenza tra i pazienti con Ebola.

“Nel frattempo, tre team in tutto il mondo – in Cina, in Australia e nel Pasteur Institute in Francia sono ora riusciti a coltivare il coronavirus in laboratorio. Ciò potrebbe portare a individuare il suo “tallone d’Achille” e a capire come si replica nelle cellule”, ha affermato Christophe d’Enfert, Direttore scientifico dell’istituto.

Ma per i pazienti già infetti, gli Ospedali devono fornire supporto per prevenire le complicanze. Le probabilità sono che se hai già condizioni mediche di base … le tue difese sono deboli e i tuoi organi potrebbero essere già compromessi, e quindi il rischio di morte è più alto“, ha detto lunedì Christophe d’Enfert.

Rimedi casalinghi e ciarlatani

La disinformazione è proliferata online su rimedi domestici e tradizionali.

Inizialmente si affermava in Cina che un liquido prodotto con caprifoglio e piante da fiore usate nella medicina tradizionale “inibiva” il virus, scatenando un frenetico acquisto in Cina. Ma i media statali cinesi in seguito hanno incitato alla cautela poiché i ricercatori hanno avvertito di potenziali effetti collaterali.

In India, dove sono stati segnalati tre casi confermati, il governo ha propagandato l’antica omeopatia e i rimedi ayurvedici come risposta, ma l’efficacia sul coronavirus e la sicurezza di questi rimedi non sono state ancora dimostrate e i medici raccomandano ancora che i pazienti vengano curati in Ospedale. Le medicine tradizionali cinesi sono state pubblicizzate come trattamento per il coronavirus. I post online hanno erroneamente identificato la soluzione salina come un killer del coronavirus in Australia, mentre in Thailandia i social media hanno suggerito che l’antisettico dovrebbe essere spruzzato nella bocca di ogni persona.

Fonte, Medicalxpress