Un recettore degli estrogeni può impedire la crescita del cancro del pancreas

Immagine: l’attivazione di un recettore presente sulla superficie di molti tessuti normali e tumorali non solo può impedire la crescita del cancro del pancreas, ma può anche rendere i tumori più visibili al sistema immunitario e quindi più sensibili alla moderna immunoterapia.Credit: Penn Medicine.

È stato dimostrato che l’attivazione del recettore degli estrogeni accoppiato alle proteine ​​G (GPER), un recettore che si trova sulla superficie di molti tessuti normali e cancerosi, ha impedito la crescita del cancro del pancreas, ma può anche rendere i tumori più visibili al sistema immunitario e quindi più sensibili alla moderna immunoterapia.

I ricercatori della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania e del Abramson Cancer Center di Penn hanno osservato gli effetti dell’attivazione di GPER nei modelli di cancro del pancreas umano e di topo e hanno pubblicato oggi le loro scoperte in Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatology.

Per la maggior parte dei tipi di cancro, incluso il pancreas, le donne hanno generalmente risultati migliori rispetto agli uomini. Sebbene le ragioni di ciò stiano emergendo solo ora, i ricercatori sanno da decenni che esiste un legame tra gli ormoni sessuali del corpo e alcuni tipi di cancro, in particolare quelli che si verificano nei tessuti riproduttivi come la mammella e la prostata. Tuttavia, l’idea che i tumori nei tessuti non riproduttivi potrebbero anche essere influenzati dagli ormoni steroidei è stata presa in considerazione solo di recente. Basandosi sulla loro ricerca che mostra l’attività anticancro di GPER nei modelli di melanoma, Todd W. Ridky, MD, Ph.D., un Professore assistente di Dermatologia presso la Penn e l’autore senior dello studio e il suo laboratorio, hanno esaminato se gli attivatori GPER possono inibire anche altri tipi di cancro.

Vedi anche: La privazione di cisteina può uccidere il cancro del pancreas

“Sappiamo che l’attivazione di GPER nei modelli di melanoma arresta la crescita delle cellule tumorali e rende i tumori stessi più immunogenici, quindi volevamo scoprire cosa accadrebbe se attivassimo selettivamente GPER in altri tipi di tumore. In questo studio abbiamo esaminato diversi modelli di cancro del pancreas e abbiamo scoperto che gli attivatori sintetici di piccole molecole GPER inibivano potentemente le cellule tumorali del pancreas e contemporaneamente rendevano le cellule tumorali più sensibili ad altre terapie anticancro “, ha detto Ridky.

Per questo studio, il laboratorio di Ridky ha lavorato con il Penn Pancreatic Cancer Research Center (PCRC), diretto dal co-autore dello studio Ben Z. Stanger, MD, Ph.D., Hanna Wise Professor presso il  Cancer Research. Utilizzando nuovi modelli di cancro del pancreas del PCRC, il team multidisciplinare è stato in grado di mostrare l’impatto di GPER sulla crescita del cancro del pancreas. In alcuni modelli, l’attivazione di GPER ha inibito la crescita e ha reso i tumori più sensibili all’immunoterapia anti-PD-1, indicando il potenziale traslazionale di migliorare l’efficacia dei trattamenti esistenti in un tipo di cancro in cui gli inibitori di PD-1 non sono stati storicamente molto efficaci.

L’uso di attivatori GPER è una nuova idea nella terapia del cancro e ha una differenza fondamentale dalla maggior parte degli agenti anti-cancro. Quasi tutti gli attuali farmaci antitumorali agiscono per bloccare l’attività delle proteine ​​cellulari necessarie non solo alle cellule tumorali, ma anche alle cellule normali. Di conseguenza, la maggior parte dei farmaci antitumorali è associata a grave tossicità. Al contrario, l’analogo estrogenico utilizzato nello studio della Penn attiva GPER. Questo approccio rispecchia qualcosa che si verifica naturalmente nel corpo, poiché GPER è già presente e normalmente attivata dagli estrogeni, specialmente nelle donne durante la gravidanza.

“Probabilmente poichè questo è qualcosa a cui il corpo umano è già abituato, l’evidenza di studi preclinici sugli animali ha suggerito che gli effetti collaterali di questo approccio sarebbero probabilmente minimi anche nella clinica”, ha detto il primo autore dello studio Christopher Natale, Ph.D. , ex studente laureato di Ridky.

Natale è attualmente Vice Presidente della Ricerca presso Linnaeus Therapeutics, una società che lui e Ridky hanno co-fondato per studiare ulteriormente il potenziale traslazionale di questo lavoro. È attualmente in corso uno studio di fase I su più siti in pazienti con carcinoma avanzato.

Fonte: Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatology