HomeSaluteDiabeteUn peptide analogico potrebbe aiutare a combattere il diabete

Un peptide analogico potrebbe aiutare a combattere il diabete

Gli scienziati hanno scoperto un doppio peptide chiamato ‘PGLP-1’ che promuove la secrezione di insulina e inibisce la gluconeogenesi (un processo metabolico che produce glucosio).

La scoperta è stata pubblicata online in The FASEB Journal.

Un composto correlato chiamato GLP-1 è attualmente utilizzato per il trattamento del diabete. Questo nuovo composto mostra il potenziale di migliorare il controllo glicemico nei pazienti con diabete di tipo 1 e migliorare la resistenza all’insulina nei pazienti con diabete di tipo 2.

- Advertisement -

( Vedi anche:Diabete: nuova possibilità di trattamento).

” E’ noto che il peptide GLP-1 glucagone-like, presenta azione antidiabetica. Ha 2 funzioni distinte, un effetto insulinotropico recettore GLP-1 dipendente(GLP-1R) e un effetto insulinomimetico indipendente GLP-1R. Tuttavia, l’uso di GLP-1 in vivo è limitato dalla sua breve emivita. Pertanto, il nostro laboratorio ha progettato PGLP-1, un nuovo candidato peptide con due funzioni, come potenziale sostituto. Utilizzando un modello di topo iperglicemico indotto da streptozotocina, abbiamo dimostrato in vitro e in vivo che PGLP-1 aveva azioni insulinotropiche dipendenti GLP-1R e funzioni insulinomimetiche indipendenti GLP-1R. In futuro, mi auguro che, nei pazienti con diabete di tipo 1, questo peptide possa mantenere bassa la glicemia a digiuno e mantenere la stabilità del glucosio nel sangue”, ha detto Liang Jin, un ricercatore dello State Key Laboratory of Natural Medicines al Juangsu Key Laboratory of Drug Screening (School of Life Science and Technology, China Pharmaceutical University, Jiangsu Sheng, China). “Nei pazienti con diabete di tipo 2, il composto analogico può stimolare la secrezione di insulina e migliorare la resistenza all’insulina”.

Gli scienziati hanno progettato sei analoghi GLP-1 per ottenere un candidato peptide PGLP-1 che è stato testato in vivo e in vitro. La funzione dell’insulina è stata verificata nei topi normali. Nei topi iperglicemici, i ricercatori hanno dimostrato che PGLP-1 svolge un ruolo insulino-simile (inibizione della gluconeogenesi) e a sua volta protegge le cellule beta del pancreas che producono insulina e favoriscono la riduzione del glucosio nel sangue.

Presi insieme, questi dati indicano che PGLP-1, come un peptide a doppia funzione, migliora il controllo glicemico e inibisce la perdita di peso corporeo, suggerendo che potrebbe essere utile per i pazienti diabetici di tipo 1 come terapia aggiuntiva all’ insulina.

- Advertisement -

“Questo lavoro rivela che il percorso gluconeogenico è soggetto ad un efficace controllo farmacologico da questo peptide”, ha spiegato Thoru Pederson, Editor Chief in The FASEB Journal.

“Nonostante i grandi progressi sia nel diabete di tipo 1 che di tipo 2 nel corso degli anni, ogni nuova scoperta come questa è benvenuta”.

Fonte: The FASEB Journal

ULTIMI ARTICOLI

Ictus: illuminante trattamento da nano-fotosintesi

(Ictus-Immagine: fette di cervello di topi che hanno ricevuto terapia nano-fotosintetica (a destra) hanno meno neuroni danneggiati, mostrati in verde, rispetto ai topi di...

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain). Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia...

Carenza vitamina D: nuovo trattamento

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domsin). Ci sono diversi milioni di persone in tutto il mondo con varie sindromi da malassorbimento dei grassi, comprese quelle che...

Alzheimer: risolto il mistero della beta amiloide

In un importante passo avanti, i ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno scoperto come la beta amiloide, la neurotossina che si ritiene essere...