Un nuovo farmaco fornisce speranza ai pazienti con distrofia muscolare di Duchenne

distrofia muscolare di Duchenne

Immagine, Credit: Jose Luis Calvo | Shutterstock.

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è una malattia genetica, neuromuscolare causata dalla mancanza di distrofina, una proteina strutturale presente all’interno delle cellule muscolari. Ciò porta all’infiammazione e alla necrosi dei muscoli e alla graduale sostituzione del tessuto muscolare con tessuti grassi e fibrosi, con conseguente debolezza muscolare.

La DMD è una condizione progressiva e irreversibile che colpisce ogni gruppo muscolare. È più comunemente osservata nei ragazzi rispetto alle ragazze e nel tempo, porta ad un declino della funzione respiratoria. Ciò si traduce in pazienti che necessitano di interventi clinici come il supporto del ventilatore, causando maggiore morbilità e mortalità. I ricercatori hanno lavorato sullo sviluppo di strategie per arrestare o rallentare la debolezza muscolare per prolungare la vita e anche migliorare la qualità della vita.

Tre studi clinici (denominati 201, 202 e 204) sono stati condotti su un nuovo farmaco; un oligonucleotide antisenso. Finora, il farmaco ha dimostrato di aiutare i pazienti con DMD.

I risultati degli studi sono stati pubblicati sul Journal of Neuromuscular Disease.

I ricercatori hanno spiegato che la funzione respiratoria può essere misurata in diversi modi, uno dei quali è la capacità vitale forzata (FVC), che è la quantità totale di aria che può essere espirata dai polmoni dopo un’ispirazione profonda. Può essere confrontata con l’FVC prevista di un individuo sano della stessa età per calcolare la percentuale di FVC prevista (FVC% p).

Nei pazienti con DMD che non sono stati trattati, l’FVC% p inizia a diminuire dai 7-10 anni. La DMD compare solitamente all’età di 2 o 4 anni. Tra i pazienti trattati con steroidi, il declino delle funzioni respiratorie è leggermente ritardato. Tuttavia, il declino annuale di FVC% p è di circa il 5% e quando il bambino raggiunge il secondo decennio della sua vita, vi è un significativo declino delle funzioni respiratorie indipendentemente dal trattamento.

Vedi anche,Terapie migliorate per la distrofia muscolare di Duchenne.

Un calo della FVC% p a meno dell’80 percento causa difficoltà respiratorie e un valore inferiore al 50 percento richiede il supporto del ventilatore almeno durante la notte, se non durante il giorno. I ricercatori spiegano che ritardare l’ulteriore deterioramento della funzione respiratoria anche negli anni successivi può migliorare la qualità della vita e le misure per ridurre questo tasso di declino ridurranno significativamente il fabbisogno di interventi clinici in questa popolazione e miglioreranno la morbilità.

Prevenire il declino respiratorio nei pazienti con DMD

Il nuovo farmaco è stato approvato dalla FDA per il trattamento della DMD. È un “oligonucleotide antisenso che modula la genetica dei pazienti DMD per rallentare la progressione della loro malattia, attraverso ” l’exon skipping per far tornare “leggibile” l’RNA messaggero  e consentire la produzione di una proteina “diversa”, meno attiva, ma pur sempre preferibile alla completa assenza della proteina”.

Questo studio è stato condotto dal Dr. Navid Z. Khan, Senior Director, Global Medical Affairs, Sarepta Therapeutics, Inc., Cambridge, MA, USA. Lui e il suo team hanno valutato l’effetto di un nuovo farmaco sulle funzioni respiratorie nei pazienti con DMD in tre studi clinici e li hanno confrontato con i pazienti del database globale di Studio Duchenne (CINRG DNHS) della Cooperative International Neuromuscular Research Group.

I dati di oltre 400 pazienti DMD sono stati suddivisi in tre coorti, di cui il 13% con mutazioni tipiche della DMD. “Queste mutazioni possono essere trattate dalla terapia del salto dell’esone 51″, spiegano i ricercatori.

La prima coorte era rappresentata dai pazienti trattati con glucocorticoidi che potevano essere trattati con esone skipping (20 in numero), la seconda coorte comprendeva tutti i pazienti trattati con glucocorticoidi (172 pazienti) e il terzo gruppo genotipico (148 pazienti), era costituito da tutti i pazienti trattati con glucocorticoidi.

I geni sono fatti di introni ed esoni. Gli esoni vengono trascritti nella proteina finale, mentre gli introni no. Ciò significa che le mutazioni negli esoni spesso si traducono in una malattia.

Il salto degli esoni si riferisce a un metodo mediante il quale una piccola molecola si lega all’esone mutato e impedisce alla cellula di copiare quella parte del gene. Ciò si traduce in una proteina distrofina troncata, ma ancora funzionale che non produce più gli effetti tossici che portano alla DMD.

Il nuovo farmaco utilizza questo meccanismo e ha dimostrato di rallentare la progressione della malattia.

Fonte, IOS Press


Altri articoli su distrofia muscolare di Duchenne