Tumore al seno triplo negativo : terapia deplezione rame offre risultati sorprendenti


Terapia deplezione  rame ha mostrato risultati sorprendentemente buoni nel prevenire la diffusione del tumore agli organi ad alto rischio nel triplo negativo, una forma di cancro molto difficile da trattare.

Uno studio, condotto da ricercatori del Weill Cornell Medical College e pubblicato nella rivista Annals of Oncology , ha scoperto che il trattamento con deplezione di rame ha la capacità di porre fine alla diffusione delle cellule i tumorali. La sopravvivenza media, per i pazienti affetti cancro al seno metastatico triplo negativo , è di 9 mesi . Tuttavia, lo studio ha trovato che i pazienti che erano ad alto rischio di recidiva di cancro e che hanno ricevuto una terapia deplezione di rame – in forma di tetrathiomolybdate farmaco (TM) – hanno registrato un incremento complessivo del tempo di sopravvivenza, oltre che una diminuzione del rischio di recidiva. Il processo clinico è iniziato nel 2007 e comprendeva 60 pazienti, di cui  il 50% aveva  sofferto di triplo negativo cancro al seno. Secondo il ricercatore senior dello studio e direttore del programma di ricerca sul cancro, il Dr. Linda Vahdat:

 “Questi risultati sono molto promettenti e potenzialmente un progresso molto emozionante dei nostri sforzi per aiutare le donne che sono a più alto rischio di recidiva. L’anti-rame composto sembra mantenere i tumori che vogliono diffondersi in uno stato inattivo. Crediamo che il composto lavori sia influenzando il microambiente del tumore  che  le cellule, in particolare del midollo osseo, che sono fondamentali per la progressione delle metastasi. “

Recenti scoperte hanno migliorato la comprensione di come esattamente e perché il corpo umano usa il rame ed il suo ruolo nella diffusione dei tumori. I ricercatori del Weill Cornell hanno identificato l’importante ruolo del rame sulle cellule del midollo osseo – in particolare VEGFR1 + emopoietiche progenitrici cellule (HPC) – che giocano un ruolo nelle metastasi e sono  responsabili della preparazione di siti speciali negli organi che accettano di  nutrire le cellule tumorali che migrano e  invitano le cellule progenitrici endoteliali (EPC) ad alimentare le cellule cancerose. Immediatamente prima della recidiva del cancro, i livelli di EPC e HPC aumentano  in modo significativo. Ciò indica che il targeting EPCs con deplezione di rame è praticabile. Il rame è uno dei componenti chiave di enzimi che controllano il microambiente tumorale, così come appare avere un ruolonella migrazione delle cellule tumorali. “La deplezione di rame diminuisce la proliferazione delle EPC” conclude il Dr. Vahdat.