Home Salute Cuore e circolazione Trovato collegamento tra la clusterina proteica e sindrome cardiometabolica

Trovato collegamento tra la clusterina proteica e sindrome cardiometabolica

Nel corso di uno studio durato circa un decennio, i ricercatori del College of Medicine dell’Ohio State University, dello Houston Methodist Research Institute e Houston Methodist Cancer Center, hanno collegato per la prima volta la clusterina proteica a molti aspetti diversi della sindrome cardiometabolica attraverso le sue azioni nel fegato.

La sindrome cardiometabolica (CMS) è un insieme di condizioni che si verificano insieme e aumentano il rischio di una persona di malattie cardiache, ictus e diabete. Queste condizioni includono ipertensione, glicemia alta, grasso corporeo in eccesso intorno alla vita e livelli anormali di colesterolo o trigliceridi. Il rischio di sviluppare la sindrome cardiometabolica è maggiore per i pazienti che sono fisicamente inattivi o fumano.

Vedi anche, Diabete di tipo 1: come il sistema immunitario attacca le cellule che producono insulina.

- Advertisement -

I risultati dello studio che ha coinvolto umani e topi sono stati pubblicati online sulla rivista Diabetes Care.

“Il nostro obiettivo era scoprire nuovi fattori prodotti dalle cellule del tessuto adiposo che hanno un impatto sulla malattia cardiometabolica, in particolare, abbiamo voluto identificare quelli importanti per mantenere la struttura del tessuto grasso, chiamata matrice extracellulare, che diventa disfunzionale nell’obesità “, ha detto il primo autore dello studio Dr. David Bradley, assistente Professore nella divisione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo presso il Wexner Medical Center dell’Ohio State University e membro del Centro di ricerca sul diabete e sul metabolismo dello stato dell’Ohio.

Lo studio ha scoperto che una particolare proteina della matrice extracellulare chiamata clusterina, che è sovraprodotta dalle cellule di grasso dei pazienti obesi, è fortemente correlata alla resistenza all’insulina ed è anche collegata all’aumento del rischio di malattie cardiovascolari e mortalità, ipertensione, livelli di colesterolo dannosi e malattie del fegato grasso.

L’insulino-resistenza è una delle principali cause del diabete di tipo 2 e i pazienti con obesità hanno comunemente complicanze sia metaboliche che cardiovascolari.

- Advertisement -

Durante lo studio, i ricercatori hanno eseguito l’espressione genica, analisi di correlazione e misurazioni del sangue in 54 pazienti obesi e 18 magri sottoposti a chirurgia elettiva presso il Wexner Medical Center dell’Ohio. Lo studio ha coinvolto anche cellule umane in coltura e topi inclini a sviluppare complicazioni associate all’obesità.

“Questa ricerca collaborativa sta gettando nuova luce sull’importanza della clusterina nella “sindrome cardiometabolica” e potrebbe alla fine portare a sviluppare nuovi trattamenti per questa combinazione pericolosa che aumenta il rischio di diabete, ipertensione e obesità”, ha detto il Dott. K. Craig Kent , decano dell’Ohio State College of Medicine. “Precedentemente questa clusterina proteica è stata studiata principalmente per il suo ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, ma ora sembra avere un ruolo più ampio nella fisiologia e nelle malattie umane”.

La sindrome cardiometabolica che colpisce circa il 25% della popolazione mondiale, è ora riconosciuta come entità di malattia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Società Americana di Endocrinologia. Le persone con CMS hanno due volte più probabilità di morire per malattia coronarica e tre volte più probabilità di avere un infarto o ictus rispetto a quelle che non hanno la sindrome.

“La proteina clusterina è un componente chiave della matrice extracellulare, quindi questo lavoro offre una nuova visione per comprendere il ruolo di clusterina nel crosstalk intercellulare in microambienti tissutali di varie malattie, tra cui diabete, cancro e neurodegenerazione“, ha detto l’autore co-corrispondente, il Dott. Stephen TC Wong, Professore e Presidente del Dipartimento di Medicina dei Sistemi e Bioingegneria presso Houston Methodist Cancer Center.

Sono necessarie ulteriori ricerche traslazionali che coinvolgano modelli di topo per imparare di più su come la clusterina influisce su ciascuno dei componenti CMS e se la somministrazione di anticorpi inibitori della clusterina inibisce la sindrome cardiometabolica.

Un problema cruciale è stato quello di identificare un meccanismo unificante per i componenti della sindrome cardiometabolica“, ha detto la ricercatrice capo Dr. ssa Willa Hsueh, Direttore del Diabetes and Metabolism Research Center e Professore di medicina nella Divisione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo dell’Ohio State Wexner Medical Center. “Le cellule di grasso aumentano la produzione di cluster in quanto si espandono nell’obesità. La clusterina può essere un biomarker, nonché un obiettivo terapeutico per prevenire potenzialmente questa malattia“.

Fonte, Diabetes

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: nuova terapia antifibrotica

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Scienziati dell'Università di Birmingham, Regno Unito, hanno dimostrato che un nuovo destrano-solfato a basso peso molecolare, ILB, potrebbe svolgere un ruolo...

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...