HomeAlimentazione & BenessereTroppo sale sopprime i fagociti

Troppo sale sopprime i fagociti

(Sale-Immagine Credit Public Domain).

Per molti di noi, aggiungere sale a un pasto è una cosa perfettamente normale. Non ci pensiamo davvero. Ma in realtà dovremmo. Oltre ad aumentare la nostra pressione sanguigna, troppo sale può interrompere gravemente l’equilibrio energetico delle cellule immunitarie e impedire loro di funzionare correttamente.

Già nel 2015, il gruppo di ricerca guidato dal Professor Dominik Müller del Max Delbrück Center for Molecular Medicine in the Helmholtz Association (MDC) e dell’ Experimental and Clinical Research Center (ECRC), ha scoperto che elevate concentrazioni di sodio nel sangue influenzano sia l’attivazione che la funzione di pattugliamento dei monociti, che sono i precursori dei macrofagi. “Ma non sapevamo esattamente cosa stesse accadendo nelle cellule”, afferma la Dottoressa Sabrina Geisberger dell’Istituto di Berlino per la biologia dei sistemi medici (BIMSB) presso l’MDC che è autrice principale dello studio di un gruppo di ricerca internazionale guidato da scienziati MDC insieme a colleghi dell’Università di Regensburg e del Flanders Institute for Biotechnology (VIB) / Hasselt University in Belgio, pubblicato in Circulation.

- Advertisement -

Il sale interrompe la catena respiratoria nelle cellule

Lavorando con il Dr.Stefan Kempa del BIMSB, biochimico ed esperto di metabolomica, i ricercatori hanno iniziato ad osservare in laboratorio il metabolismo delle cellule immunitarie che erano state esposte ad alte concentrazioni di sale. Le modifiche sono apparse dopo sole tre ore. “Troppo sale interrompe la catena respiratoria, inducendo le cellule a produrre meno ATP e consumare meno ossigeno“, spiega Geisberger. “L’ATP (adenosina trifosfato) è il carburante universale che alimenta tutte le cellule. Fornisce energia per il “lavoro chimico” – sintetizzare proteine ​​e altre molecole – necessarie per la potenza muscolare e la regolazione metabolica. L’ATP viene prodotto nei mitocondri, la “centrale elettrica” ​​della cellula, utilizzando una complessa serie di reazioni biochimiche note come catena respiratoria“.

Ciò ha delle conseguenze: la mancanza di energia fa maturare i monociti in modo diverso. “I fagociti, il cui compito è identificare ed eliminare i patogeni nel corpo, sono stati in grado di combattere le infezioni in modo più efficace. Ma questo potrebbe anche promuovere l’infiammazione che potrebbe aumentare il rischio cardiovascolare”, spiega Müller.

Gli effetti del sale sono reversibili

- Advertisement -

Il Professor Markus Kleinewietfeld dell’Università di Hasselt e della VIB e il Professor Jonathan Jantsch dell’Universität Regensburg, sono stati fortemente coinvolti nel lavoro di indagine sui monociti e macrofagi umani. Sono stati in grado di dimostrare che il sale influenza il funzionamento dei fagociti umani allo stesso modo.

Vedi anche:Dieta ad alto contenuto di sale blocca la crescita del tumore nei topi

I ricercatori dell’ECRC, gestito congiuntamente da MDC e Charité – Universitätsmedizin Berlin, hanno quindi condotto uno studio in cui partecipanti maschi sani hanno integrato la loro dieta abituale con sei grammi di sale in compresse ogni giorno per 14 giorni. In un altro studio clinico, i ricercatori hanno studiato uno scenario familiare: mangiare una pizza consegnata da un ristorante italiano. Hanno quindi analizzato i monociti nel sangue dei partecipanti. I risultati hanno mostrato che l’effetto smorzante sui mitocondri non si verifica solo dopo un periodo prolungato di maggiore assunzione di sale, ma anche dopo una singola pizza. I dati dell’esperimento sulla pizza hanno mostrato quanto è durato l’effetto: il sangue è stato prelevato dai partecipanti dopo tre e otto ore e l’effetto era appena misurabile nel secondo campione.

“Questa è una buona cosa. Se fosse stato un disturbo prolungato, saremmo preoccupati che le cellule non ricevessero abbastanza energia per molto tempo”, dice Müller. L‘attività mitocondriale non è quindi inibita in modo permanente. Detto questo, il rischio continuo di sodio sulla funzione mitocondriale se una persona mangia cibo molto salato più volte al giorno non può essere escluso, ma deve essere testato in futuro. La pizza, per inciso, conteneva dieci grammi di sale. Gli esperti di nutrizione raccomandano che gli adulti limitino l’assunzione giornaliera a cinque o sei grammi al massimo. Il calcolo include il sale nascosto negli alimenti trasformati.

Piccolo ione, grande effetto

“La scoperta fondamentale del nostro studio è che una molecola piccola come lo ione di sodio può essere estremamente efficiente nell’inibire un enzima che svolge un ruolo cruciale nella catena respiratoria”, afferma Kempa. “Quando questi ioni si riversano nei mitocondri – e lo fanno in una varietà di condizioni fisiologiche – regolano la parte centrale della catena di trasporto degli elettroni”. Sembra quindi essere un meccanismo di regolazione molto fondamentale nelle cellule.

Ora il compito è indagare se il sale può influenzare questo meccanismo anche in altri tipi di cellule. Kleinewietfeld ritiene che ciò sia estremamente probabile perché i mitocondri non sono presenti solo nelle cellule immunitarie; ad eccezione dei globuli rossi, esistono in ogni cellula del corpo. Possono essere trovati in numero particolarmente elevato ovunque venga consumata molta energia: nelle cellule muscolari, nei neuroni, nei recettori e negli ovociti.

Non è ancora del tutto chiarito come i diversi tipi di cellule regolino l’afflusso di sodio nei mitocondri. Tuttavia, lo studio conferma che consumare troppo sale può essere dannoso per la nostra salute. “Ovviamente la prima cosa a cui pensi è il rischio cardiovascolare. Ma diversi studi hanno dimostrato che il sale può influenzare le cellule immunitarie in vari modi. Se un meccanismo cellulare così importante viene interrotto per un lungo periodo, potrebbe avere un impatto negativo e potrebbe potenzialmente causare malattie infiammatorie dei vasi sanguigni o delle articolazioni o malattie autoimmuni “, afferma Kleinewietfeld.

Fonte:Circulation

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...