Troppo sale nella dieta aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e morte

sodio

Mangiare cibi ricchi di sale è noto per contribuire all’ipertensione, ma questa relazione lineare si estende ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e morte? Recenti studi di coorte hanno contestato tale relazione, ma un nuovo studio pubblicato sull’ International Journal of Epidemiology dai ricercatori del Brigham e Women’s Hospital e dai loro colleghi che hanno usato misurazioni multiple, lo conferma. 

Lo studio suggerisce che un modo impreciso di stimare l’assunzione di sodio può contribuire a spiegare risultati paradossali.

“Il sodio è notoriamente difficile da misurare”, ha detto Nancy Cook, ScD, un biostatista del Dipartimento di Medicina della BWH. “Il sodio è spesso nascosto, il che rende difficile stimare quanto sodio una persona ha consumato da un questionario dietetico. Le escrezioni di sodio sono la misura migliore. Nel nostro lavoro, abbiamo usato più misure per ottenere un’immagine più accurata”.

( Vedi anche: Una dieta ad alto contenuto di sale danneggia il cervello).

L’assunzione di sodio può essere misurata usando un test a campione per determinare quanto sale è stato escreto nell’urina di una persona. Tuttavia, i livelli di sodio nelle urine possono fluttuare durante il giorno, quindi una misura accurata dell’assunzione di sodio di una persona in un dato giorno richiede un campione completo di 24 ore. Inoltre, il consumo di sodio può cambiare di giorno in giorno, il che significa che il modo migliore per ottenere un quadro completo dell’assunzione di sodio è di prelevare campioni in più giorni.

Mentre studi precedenti hanno utilizzato campioni spot e la formula Kawasaki, il team ha valutato l’assunzione di sodio in molti modi, comprese le stime basate sul metodo gold standard, che utilizza la media di campioni di urina multipli non consecutivi. I ricercatori hanno valutato i risultati dei partecipanti alla Trial of Hypertension Prevention che comprendeva circa 3.000 individui con pre-ipertensione.

Il metodo gold standard mostrava una relazione lineare diretta tra l’aumentato apporto di sodio e l’aumento del rischio di morte. Il team ha scoperto che la formula di Kawasaki suggeriva una curva a forma di J, il che implicherebbe che sia i bassi livelli che gli alti livelli di consumo di sodio erano associati ad un aumento della mortalità.

“I nostri risultati indicano che misurazioni imprecise di assunzione di sodio potrebbero essere un contributo importante ai risultati paradossali riportati in alcuni studi di coorte. Gli studi epidemiologici non dovrebbero associare gli esiti di salute con stime non attendibili di assunzione di sodio”, hanno scritto gli autori.

Fonte: International Journal of Epidemiology 

Altri articoli su sodio