HomeSaluteCuore e circolazioneTrombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain).

Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i neutrofili iperattivi, un tipo specifico di globuli bianchi, per prevenire quasi tutti i tipi di coaguli di sangue senza causare un aumento del rischio di sanguinamento.

I risultati preclinici, pubblicati su Science Translational Medicine, potrebbero portare a modi più sicuri per prendersi cura dei pazienti colpiti da coaguli di sangue. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa 900.000 persone negli Stati Uniti soffrono ogni anno di coaguli di sangue pericolosi per la vita.

- Advertisement -

“Quello che stiamo dimostrando per la prima volta è che i neutrofili sono fattori chiave della trombosi arteriosa e venosa. E quando si prende di mira un neutrofilo, non si aumenta il rischio di sanguinamento, si riduce solo il rischio di coagulazione, ha affermato Lalitha Nayak, MD, autrice principale dello studio, ematologa/oncologa presso l’UH Seidman Cancer Center, membro del programma di terapia dello sviluppo presso Case Comprehensive Cancer Center e Professore associato presso la Case Western Reserve School of Medicine.

Storicamente, la trombosi arteriosa e venosa è stata considerata come eventi molecolari distinti che richiedono paradigmi di trattamento separati. La trombosi arteriosa (un coagulo dell’arteria), che può causare infarto o ictus, è comunemente trattata con agenti antipiastrinici come l’aspirina, mentre gli anticoagulanti sono usati per trattare la trombosi venosa (un coagulo venoso), una causa di dolore o gonfiore alle gambe o coaguli nei polmoni.

Più recentemente, tuttavia, gli esperti hanno iniziato a sospettare somiglianze tra i due eventi che potrebbero essere sfruttatie come nuovi bersagli terapeutici.  

Nel nuovo studio, Nayak e colleghi utilizzano modelli animali per dimostrare che i neutrofili iperattivi partecipano sia alla trombosi arteriosa che venosa attraverso una maggiore capacità di migrare e aderire ai siti della lesione. Dimostrano anche che i neutrofili iperattivi aumentano la produzione di fattori chiave utilizzati come elementi costitutivi per i coaguli. 

- Advertisement -

Vedi anche:Trombosi venosa cerebrale: scoperto il meccanismo molecolare

Nel tentativo di fermare il processo, i ricercatori hanno identificato un cluster di recettori unici per i neutrofili attivati ​​e hanno sviluppato nanoparticelle rivestite di anticorpi che colpiscono specificamente quei cluster.

“Poiché i neutrofili hanno un ruolo importante nella funzione immunitaria innata, se prendessimo di mira tutti i neutrofili, aumenteremo il nostro rischio di infezioni. Ma qui, stiamo iniziando a dire che possiamo identificare i neutrofili attivati ​​e impedire solo a loro di partecipare al coagulo”, ha detto Nayak.

Altri meccanismi terapeutici per prendere di mira i neutrofili attivati ​​possono dipendere dal fattore 2 simile a Krüppel (KLF2), un fattore di trascrizione che i ricercatori hanno identificato come centrale per l’attivazione dei neutrofili.

“È stato interessante cambiare un fattore di trascrizione nel neutrofilo”, ha detto Nayak. “Possiamo guardare a terapie che aumentino semplicemente KLF2 per mantenere i neutrofili quiescenti? Abbiamo tante strade per la terapia individuate in questo studio”.

Nayak sottolinea che mentre è probabile che questa ricerca abbia un impatto sul campo della trombosi in generale, questi risultati possono avere un impatto particolare per i pazienti con cancro al pancreas o altri tumori per i quali i coaguli di sangue sono una complicanza comune. I coaguli di sangue sono una delle principali cause di morte nelle persone con cancro dopo il cancro stesso, secondo il CDC.

“Circa il 40% di tutti i malati di cancro al pancreas può sviluppare un coagulo pericoloso per la vita”, ha detto. “I prossimi passi della nostra ricerca prevedono l’utilizzo di un modello murino di trombosi associata al cancro per vedere se potremmo usare le nanoparticelle come terapia mirata in questo caso”.

Fonte:Science

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...