HomeSaluteCervello e sistema nervosoTrattare le malattie del motoneurone sfruttando i segreti della tossicità del tetano

Trattare le malattie del motoneurone sfruttando i segreti della tossicità del tetano

Gli scienziati della UCL hanno scoperto il modo in cui la neurotossina del tetano entra nelle cellule nervose. La scoperta apre la strada ad un modo tutto nuovo di trattare i disturbi neurologici come la malattia del motoneurone

Gli scienziati della UCL, hanno dimostrato che questo processo può essere bloccato, offrendo un potenziale di intervento terapeutico per il tetano. Questo percorso, scoperto di recente, potrebbe essere sfruttato per fornire terapie per il sistema nervoso, aprendo un modo tutto nuovo per il trattamento di disturbi neurologici come la malattia dei motoneuroni e neuropatie periferiche.

La ricerca sui topi, pubblicata sulla rivista Science e finanziata dal Medical Research Council, dimostra che le proteine ​​chiamate nidogens che sono situate sulle superfici delle cellule nervose, sono la chiave utilizzata dalla neurotossina del tetano, per entrare nel sistema nervoso. La neurotossina del tetano attacca le proteine nidogens sulla superficie delle cellule nervose per diffondersi e provocare danni in tutto il sistema nervoso.

Sebbene un vaccino efficace contro il tetano sia disponibile, fino ad ora non era chiaro come la tossina entrata nel sistema nervoso. L’ultima ricerca non solo spiega come la neurotossina del tetano è in grado di entrare nel sistema nervoso, ma spiega anche perché è così tossica anche in piccole quantità.

- Advertisement -

“Il rivestimento nidogen intorno alle cellule nervose si comporta come una carta moschicida, attirando le neurotossine del tetano che si  raggruppano intorno ad esso”, dice il primo autore dello studio, il Prof. Kinga Bercsényi, dell’  UCL Institute of Neurology and Cancer Research UK London Research Institute. “Questo spiega perché la neurotossina del tetano è così velenosa anche a basse dosi, in quanto si concentra in gran parte intorno ai terminali dei neuroni motori, che sono circondati da alti livelli di nidogens”.

La scoperta apre la possibilità di erogare farmaci nel sistema nervoso, sfruttando le proteine nidogens nello stesso modo in cui fa il tetano. Simile alla viroterapia, un settore in crescita, in cui i virus modificati vengono usati per fornire farmaci a cellule o parti del corpo specifiche, quest’ultima ricerca offre un nuovo percorso attraverso il quale le terapie possono essere consegnate.

“Curare i disturbi neurologici è incredibilmente difficile”, dice l’autore senior professor Giampietro Schiavo dell’Istituto UCL di Neurologia, che ha condotto lo studio. “Ora che abbiamo capito come il tetano entra nelle cellule nervose, speriamo di imitare il meccanismo per fornire terapie avanzate”.

“Approcci di viroterapia per le malattie del motoneurone sono già stati sviluppati. La nostra scoperta dovrebbe integrare la viroterapia, grazie a queste proteine utilizzate come navette molecolari che entrano nelle cellule nervose nello stesso modo delle neurotossine del tetano. Le caratteristiche che rendono il tetano una potente neurotossina potrebbero aiutarci a sviluppare trattamenti mirati per i pazienti con alcune delle condizioni più debilitanti e paralizzanti”.

- Advertisement -

“Questi risultati forniscono un cambiamento di paradigma nella nostra comprensione su come ligandi naturali come fattori di crescita e minacce infettive come agenti patogeni, possono accedere al nostro sistema nervoso. Ora abbiamo dimostrato che la matrice intorno ai neuroni svolge un ruolo importante per l’ingresso nelle cellule nervose. Questa scoperta ci aiuterà a sviluppare trattamenti più efficaci, a dosi più basse e con minori effetti collaterali”.

Fonte http://www.eurekalert.org/pub_releases/2014-11/ucl-sot112114.php

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...