Home Salute Tumori Trattamento del cancro del colon-retto: le combinazioni vincenti

Trattamento del cancro del colon-retto: le combinazioni vincenti

Immagine: un disegno schematico del colon e del carcinoma del colon-retto. @ UNIGE / Nowak-Sliwinska.

Una tecnica sviluppata dagli scienziati della Università di Ginevra e HUG ha permesso di identificare in vitro e validare in vivo, una combinazione ottimizzata di farmaci antitumorali per il trattamento del cancro del colon-retto, più efficaci della chemioterapia e che non hanno effetti collaterali.

Il trattamento del cancro basato sulla chemioterapia ha effetti collaterali angoscianti per i pazienti e aumenta il rischio di sviluppare resistenza al trattamento. Nel tentativo di risolvere questi problemi, gli scienziati dell’Università di Ginevra (UNIGE) hanno sviluppato una tecnica per identificare rapidamente, da un gran numero di farmaci esistenti, la combinazione sinergica ottimale e la dose di prodotti che possono uccidere le cellule tumorali senza influenzare le cellule sane. In collaborazione con l’Ospedale Universitario di Ginevra (HUG) e il Centro medico universitario di Amsterdam, i ricercatori hanno dimostrato l’efficacia di questo approccio nel cancro del colon-retto.

I risultati dello studio sono stati pubblicati in Molecular Oncology

 Le migliori combinazioni di farmaci identificate sono state valutate utilizzando test in vitro e, per la prima volta, in vivo su modelli murini. Tutte le combinazioni si sono dimostrate più efficaci della chemioterapia e non hanno causato alcuna apparente tossicità nelle cellule sane o negli animali. Questo studio apre ulteriormente la strada a un trattamento del cancro personalizzato, efficace e sicuro.

“La tecnica che abbiamo progettato e brevettato si chiama TGMO, che sta per ottimizzazione multidrug. Combina test e analisi statistica altamente avanzata”, inizia Patrycja Nowak-Sliwinska, Professore presso la School of Pharmaceutical Sciences dell’UNIGE Facoltà di Scienze. “Può essere utilizzato per eseguire rapidamente – in pochi passaggi – test simultanei su cellule cancerose e sane (dello stesso paziente), e valutare tutte le possibili combinazioni di farmaci che abbiamo selezionato allo scopo. Le sinergie positive vengono preservate, mentre gli antagonismi vengono respinti”.

L’esperimento comprendeva 12 farmaci, tutti recentemente approvati per la commercializzazione o nella fase finale dei test clinici. Linee cellulari di cancro del colon-retto che erano state perfettamente caratterizzate per i requisiti degli studi scientifici sono state sottoposte al “macchinario” basato sul TGMO. Lo scopo della ricerca era determinare la combinazione di prodotti più vicini al risultato desiderato: la morte della cellula cancerosa insieme all’assenza di effetto sulla cellula sana – e tutti utilizzando le dosi di farmaco più basse possibili. La procedura ha portato a combinazioni di tre o quattro farmaci, tutti leggermente diversi l’uno dall’altro.

Riduzione dell’80% della crescita del tumore

L’attività delle combinazioni è stata quindi verificata in condizioni un po’ più complesse rispetto a una singola cellula: prima su un modello tridimensionale di un tumore umano contenente cellule cancerose e altri tipi, come avviene nella realtà, e infine su topi che fungono da modello sperimentale per il cancro del colon-retto. Le combinazioni di farmaci hanno ridotto la crescita del tumore di circa l’80% e hanno costantemente superato l’efficacia della chemioterapia. Hanno rivelato una totale assenza di tossicità nelle cellule sane – a differenza della chemioterapia – e un’attività significativa sulle cellule tumorali appena prelevate dai pazienti attuali in Svizzera.

“È la prima volta che vengono eseguiti test in vivo con combinazioni di farmaci derivate dalla nostra tecnologia TGMO”, afferma con entusiasmo Patrycja Nowak-Sliwinska. “Lo studio mostra che è possibile identificare in modo efficiente combinazioni di farmaci a basso dosaggio sinergiche e selettive ottimizzate, indipendentemente dallo stato di mutazione del tumore, e che sono più efficaci della chemioterapia convenzionale. Stiamo attualmente discutendo la creazione di uno studio clinico sui pazienti. Ma questa fase, il cui finanziamento dipende molto dall’interesse che un settore privato potrebbe avere nel nostro approccio, è prima di tutto il lavoro dei medici clinici “.

Risultati in meno di due settimane

La tecnologia TGMO è progettata in modo tale da ottenere risultati in meno di due settimane, che è lo stesso tempo che i medici impiegano per determinare il trattamento da somministrare a un paziente non appena è stata fatta una diagnosi. “Questo approccio rappresenta chiaramente il futuro per i pazienti di oncologia”, continua Thibaud Koessler, capo dell’oncologia gastrointestinale presso il dipartimento di oncologia HUG e uno degli autori dell’articolo. “La capacità di testare diversi farmaci ex vivo e di selezionare la combinazione per ogni paziente a cui il cancro sarà più sensibile dovrebbe aumentare l’efficacia dei trattamenti riducendo la tossicità, due degli aspetti più problematici nelle terapie attuali”.

Fonte: Università di Ginevra

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...