Home Salute Virus e parassiti Trattamenti per SARS-CoV-2: qualche progresso, nessuna panacea

Trattamenti per SARS-CoV-2: qualche progresso, nessuna panacea

Immagine: Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0

La pandemia causata da SARS-CoV-2 ha visto sforzi globali senza precedenti per scoprire un trattamento sicuro ed efficace, sviluppando nuovi farmaci per colpire il nuovo coronavirus o riutilizzando i farmaci esistenti.

Ma pochissimi dei farmaci testati e somministrati finora si sono dimostrati efficaci, una conclusione rafforzata da un importante studio sostenuto dall’OMS pubblicato venerdì.

Desametasone

L’unico trattamento dimostrato per ridurre la mortalità da coronavirus, lo steroide Desametasoma ha mostrato risultati promettenti nei primi studi condotti su pazienti ospedalizzati che richiedono ossigeno.

È stato approvato come trattamento COVID-19 sia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che dall’Agenzia europea per i medicinali.

Ma rimane una sorta di farmaco di ultima istanza: le prime prove suggeriscono che è efficace solo nei casi più gravi.

Ricerche più recenti hanno suggerito che anche altri steroidi possono svolgere un ruolo nel ridurre la mortalità tra i pazienti che necessitano di cure ospedaliere.

Remdesivir

Remdesivir, un antivirale originariamente sviluppato per il trattamento dell’Ebola, ha dimostrato di ridurre la durata delle degenze ospedaliere per i malati di coronavirus in media da 15 a 11 giorni, secondo uno studio pubblicato a maggio sul New England Journal of Medicine.

Tuttavia, una pre-stampa dell’OMS venerdì ha rilevato che il farmaco “sembrava avere un effetto minimo o nullo” sulla mortalità da coronavirus o sulla durata del ricovero in oltre 11.000 pazienti ospedalizzati in 30 paesi.

I dati devono ancora essere sottoposti a peer review e sembrano contraddire precedenti studi statunitensi.

– Idrossiclorochina

Forse il farmaco più controverso emerso dalla pandemia, l’idrossiclorochina è un antimalarico salutato come una cura miracolosa dai suoi sostenitori.

I critici, al contrario, avvertono che a causa di potenziali effetti collaterali gravi, il trattamento dei pazienti con coronavirus con idrossiclorochina è persino peggiore di un placebo.

Mentre figure di alto profilo come il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump sembrano convinte dell’efficacia del farmaco, la scienza dice il contrario.

A giugno, il team di test Recovery guidato dal Regno Unito ha affermato che l’idrossiclorochina non fa nulla per ridurre la mortalità da coronavirus, affermazione corroborata dai risultati dello studio dell’OMS venerdì.

Lopinavir-Ritonavir

Usata contro l’HIV, il virus che causa l’AIDS, questa combinazione antivirale si è dimostrato inefficace nel trattamento di COVID-19 in ambito ospedaliero.

Anticorpi

Quando il corpo combatte virus come SARS-CoV-2, sviluppa anticorpi, proteine ​​programmate per colpire patogeni specifici.

Questi anticorpi possono essere sintetizzati in laboratorio e potrebbero in teoria essere somministrati a pazienti malati di COVID-19 per aumentare la propria risposta immunitaria naturale.

Trump ha ricevuto questo trattamento ancora sperimentale quando è stato ricoverato in ospedale con il virus.

Ancora una volta, tuttavia, venerdì l’OMS ha affermato che la tecnologia, sviluppata dalla società biotecnologica statunitense Regeneron, ha mostrato pochi o nessun beneficio tra i pazienti ospedalizzati con coronavirus.

Plasma

Il plasma prelevato dal sangue di pazienti guariti ha mostrato alcune promesse iniziali quando somministrato per via endovenosa a persone malate di COVID-19.

Ha già dimostrato di aiutare ad accelerare il recupero da Ebola e SARS, che è causato dalla stessa famiglia di patogeni del nuovo coronavirus.

Recovery ha una sperimentazione clinica in corso per il trattamento con il plasma.

Altri

L’indagine condotta dal Regno Unito sta attualmente valutando l’efficacia di Tocilizumab, un immunosoppressore che gli scienziati sperano sarà in grado di prevenire un’infiammazione eccessiva e potenzialmente letale nei casi gravi.

E sono in corso una serie di prove che esplorano il riutilizzo di vari farmaci che vengono utilizzati per trattare altre malattie.

Fonte: Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...