Home Salute Diabete Trapianto sottocutaneo di cellule delle isole pancreatiche per trattare il diabete

Trapianto sottocutaneo di cellule delle isole pancreatiche per trattare il diabete

Immagine: Public Domain.

Un team di ricercatori affiliati a più istituzioni negli Stati Uniti ha testato con successo l’idea di trapiantare cellule di isole pancreatiche sotto la pelle per trattare il diabete nei topi e nelle scimmie.

Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Nature Metabolism, il gruppo descrive una nuova tecnica sviluppata per trapiantare le cellule delle isole pancreatiche sotto la pelle e come ha funzionato.

- Advertisement -

Il diabete di tipo I si manifesta nelle persone quando il loro sistema immunitario, per ragioni sconosciute, attacca e distrugge le cellule del pancreas che creano insulina. Le persone con diabete di tipo 1 gestiscono le loro condizioni con iniezioni di insulina, controllando i livelli di zucchero nel sangue. Ma poiché le iniezioni quotidiane non sono un trattamento ottimale e poiché le iniezioni non raggiungono lo stesso grado di controllo del livello di zucchero nel corpo del pancreas, gli scienziati cercano modi migliori per trattare la condizione.

Negli ultimi anni, alcuni gruppi di ricerca hanno provato a trapiantare cellule di isole pancreatiche nel fegato di animali da laboratorio. Sfortunatamente, questo approccio non ha funzionato come sperato; le cellule delle isole non sono sopravvissute molto a lungo e talvolta hanno causato infiammazione. Altri ricercatori hanno provato a trapiantare le cellule delle isole pancreatiche sotto la pelle dove sono più accessibili se qualcosa va storto. Ma anche questi sforzi sono falliti. Le cellule non potevano sopravvivere a lungo, ma per un motivo diverso. Non hanno ricevuto abbastanza ossigeno. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno trovato un modo per aggirare questo problema.

Per aiutare le cellule delle isole a vivere più a lungo dopo essere state trapiantate sotto la pelle, i ricercatori le hanno prima racchiuse in una matrice a base di collagene. Questo non solo è servito da protezione per le cellule, ma ha avviato un processo che ha permesso loro di ricevere più ossigeno. I ricercatori riconoscono di non sapere ancora molto su questo processo, ma hanno scoperto che ha funzionato bene nei topi. Hanno provato la tecnica trapiantando cellule di isole di topi, maiali e umani in 100 topi con pancreas rimosso. La procedura ha permesso ai topi di sopravvivere senza iniezioni di isolamento fino a 100 giorni.

E’ necessario più lavoro per testare la tecnica. I ricercatori non sanno ancora se la matrice proteggerà le cellule da una risposta immunitaria o se gli esseri umani risponderebbero allo stesso modo dei topi.

- Advertisement -

Fonte: Nature Metabolism

ULTIMI ARTICOLI

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...

COVID 19: gravissimi i danni ai polmoni in alcuni casi

COVID 19-Immagine Credito Public Domain. COVID-19 può causare danni polmonari così gravi che i pazienti richiedono un trapianto di polmone per sopravvivere, secondo quanto confermato...

Distrofie retiniche: scoperto nuovo obiettivo farmacologico

Immagine Credito: Louisiana State University. Un team di ricercatori della LSU Health New Orleans riferisce per la prima volta che l'eliminazione di uno degli inibitori...

HIV: come è diventato “il virus che possiamo curare”

Come l'HIV è diventato "il virus che possiamo curare"? Con l'aumento del numero di infezioni da COVID-19, è facile dimenticare che ci sono ancora...

Declino cognitivo legato all’età: nuovo farmaco lo inverte

Declino cognitivo-Immagine: Public Domain. Il declino cognitivo legato all'età può essere causato da una sorta di "blocco fisiologico reversibile piuttosto che da una degradazione permanente. Secondo...