HomeSaluteFegatoTrapianto di fegato umano: nuova strategia rivoluzionaria

Trapianto di fegato umano: nuova strategia rivoluzionaria

(Trapianto di fegato-Immagine:il Prof. Pierre-Alain Clavien e il Prof. Philipp Dutkowski durante il trapianto del fegato trattato in una macchina. Credito: USZ).

Prima mondiale: la ricerca Liver4Life ha sviluppato una macchina per la perfusione che consente di impiantare un organo umano in un paziente dopo un periodo di conservazione di tre giorni fuori dal corpo. La macchina imita il corpo umano nel modo più accurato possibile, al fine di fornire le condizioni ideali per i fegati umani. Una pompa funge da cuore sostitutivo, un ossigenatore sostituisce i polmoni e un’unità di dialisi svolge le funzioni dei reni. Inoltre, numerose infusioni di ormoni e nutrienti svolgono le funzioni dell’intestino e del pancreas.

Come il diaframma nel corpo umano, anche la macchina muove il fegato al ritmo della respirazione umana. Nel gennaio 2020, il team di ricerca multidisciplinare di Zurigo, che coinvolge la collaborazione dell’Ospedale Universitario di Zurigo (USZ), dell’ETH di Zurigo e dell’Università di Zurigo (UZH), ha dimostrato per la prima volta che la tecnologia di perfusione consente di conservare un fegato al di fuori del corpo per diversi giorni.

- Advertisement -

Il team ha preparato il fegato nella macchina con vari farmaci. In questo modo è stato possibile trasformare il fegato in un buon organo umano anche se originariamente non era approvato per il trapianto a causa della sua scarsa qualità. La perfusione di più giorni – la circolazione meccanica dell’organo – consente, ad esempio, terapie antibiotiche o ormonali o l’ottimizzazione del metabolismo del fegato. Inoltre, è possibile eseguire lunghi test di laboratorio o sui tessuti senza la pressione del tempo. In circostanze normali, ciò non è possibile perché gli organi possono essere conservati solo per 12 ore se vengono conservati convenzionalmente su ghiaccio e in macchine per perfusione disponibili in commercio.

Una prima mondiale: per la prima volta, un fegato umano è stato trattato in una macchina e poi trapiantato con successo
Il Wyss Zurich Team collega il fegato del donatore alla macchina di perfusione nella camera bianca. Credito: USZ

Tentativo di trattamento riuscito

Nell’ambito di un tentativo di trattamento individuale approvato, i medici hanno dato a un malato di cancro nella lista d’attesa svizzera di trapianto, la scelta di utilizzare il fegato umano trattato. A seguito del suo consenso, l’organo è stato trapiantato nel maggio 2021. Il paziente ha potuto lasciare l’Ospedale pochi giorni dopo il trapianto e ora sta bene: “Sono molto grato per l’organo salvavita. A causa del mio tumore in rapida progressione, avevo poche possibilità di ottenere un fegato dalla lista d’attesa in un periodo di tempo ragionevole”.

Vedi anche:ll nuovo orizzonte del trapianto di fegato diviso: scissione epatica ex situ

- Advertisement -

Salvare più vite

L’articolo sul primo trapianto di fegato preparato in una macchina per perfusione è stato pubblicato su Nature Biotechnology il 31 maggio 2022. “La nostra terapia mostra che trattando i fegati nella macchina per perfusione, è possibile alleviare la mancanza di organi umani funzionanti e salvare vite umane”, spiega il Prof. Pierre-Alain Clavien, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Viscerale e Trapianti dell’Ospedale Universitario di Zurigo (USZ).

Una prima mondiale: per la prima volta, un fegato umano è stato trattato in una macchina e poi trapiantato con successo
La macchina di perfusione sostituisce le funzioni di vari organi al fine di mantenere in vita il fegato del donatore al di fuori del corpo. Credito: USZ

Il Prof. Mark Tibbitt, Professore di ingegneria macromolecolare all’ETH di Zurigo, aggiunge che “l’approccio interdisciplinare alla soluzione di complesse sfide biomediche racchiuso in questo progetto è il futuro della medicina. Questo ci consentirà di utilizzare le nuove scoperte ancora più rapidamente per il trattamento dei pazienti”.

Il passo successivo nel progetto Liver4Life è rivedere la procedura su altri pazienti e dimostrarne l’efficacia e la sicurezza sotto forma di uno studio multicentrico. Il suo successo significherebbe che in futuro un trapianto di fegato, che di solito costituisce una procedura d’urgenza, si trasformerebbe in una procedura elettiva pianificabile. Allo stesso tempo, viene sviluppata una nuova generazione di macchine. Inoltre, coloro che sono coinvolti nella ricerca di base continuano a cercare modi per curare altre malattie del fegato con farmaci, molecole o ormoni.

Fonte:Nature Biotechnology

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...