Terapia ormonale legata a grasso cardiaco e aterosclerosi

terapia ormonale sostitutiva

Nuove ricerche della Graduate School of Public Health dell’Università di Pittsburgh rafforzano l’importanza di personalizzare la terapia ormonale sostitutiva utilizzata per il trattamento dei sintomi legati alla menopausa, sulla base dei suoi singoli fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

In uno studio pubblicato oggi sul Journal of American Heart Association, i ricercatori dell’Università di Pittsburg hanno mostrato per la prima volta che la terapia ormonale sostitutiva influenza l’accumulo di grasso cardiaco, un nuovo fattore di rischio per le malattie cardiovascolari nelle donne di mezza età.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno scoperto che la formulazione e la via di consegna degli ormoni sia come una pillola assunta per via orale o cerotto posto sulla pelle contava quando si trattava dei tipi di grasso accumulato dalle donne e se quei depositi di grasso si traducevano in indurimento delle arterie.

“Non possiamo utilizzare allo stesso modo tutti i tipi di terapia ormonale per la menopausa”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Samar El Khoudary, Professore associato di epidemiologia presso la Pitt Public Health. “Stiamo aggiungendo la terapia ormonale per la menopausa, all’elenco riconosciuto degli effetti cardiovascolari e mostrando un nuovo fattore di rischio cardiovascolare che è specifico per le donne in menopausa”.

La menopausa comporta spesso una serie di sintomi tra cui vampate di calore, sudorazione notturna, secchezza vaginale e aumento del rischio di osteoporosi e la terapia ormonale è il trattamento principale.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 474 donne in buona salute dai 42 ai 58 anni arruolati nel Kronos Early Estrogen Prevention Study (KEEPS), che era uno studio clinico multicentrico, randomizzato, controllato con placebo sugli effetti degli estrogeni equini coniugati orali e del 17βestradiolo, un principio attivo sintetico che è chimicamente e biologicamente identico all’estradiolo endogeno umano, sulla progressione dell’aterosclerosi.

I partecipanti allo studio si sono iscritti tra il 2005 e il 2008 e sono stati seguiti per quattro anni.

“Lo studio KEEPS è unico perché si concentra su donne più giovani vicine all’inizio della menopausa e ha testato sia una formulazione in compresse che in patch della terapia ormonale in menopausa“, ha affermato il coautore dello studio JoAnn Manson, medico del Brigham e Women’s Ospedale e Harvard Medical School. “Questo ci ha permesso di vedere gli effetti di diversi tipi di terapia ormonale – orale o attraverso la pelle – e se ha influenzato la salute del cuore in donne altrimenti sane”.

Uno studio precedente del gruppo di El Khoudary ha mostrato che le donne in postmenopausa con livelli sierici di estrogeni più bassi avevano un volume maggiore di grasso paracardico – che significa grasso che si accumula fuori dal pericardio – e anche tassi più elevati di calcificazione delle arterie coronarie, rispetto alle donne in premenopausa.

El Khoudary e il suo team hanno ipotizzato che la terapia ormonale sarebbe stata protettiva contro l’accumulo di grasso cardiaco, ma ciò che ha scoperto non è stato così semplice: il tipo di terapia ormonale e la via di somministrazione erano importanti.

Il cerotto transdermico di estradiolo, generalmente considerato più sicuro, ha aggravato gli effetti dannosi della deposizione di grasso paracardico sulla progressione della calcificazione delle arterie coronarie (CAC). Al contrario, le donne che assumevano la pillola di estrogeni avevano meno probabilità di vedere un aumento del grasso cardiaco nello spazio epicardico immediatamente circostante il cuore o il peggioramento della calcificazione delle arterie coronarie.

“È stato sorprendente”, ha detto El Khoudary. “Si ritiene che il cerotto sia più sicuro perché non è sistemico e non ha un impatto sull’infiammazione o sui livelli di trigliceridi come gli ormoni orali”.

El Khoudary mette in guardia dal fare generalizzazioni sulla consegna ormonale e spera che i clinici prenderanno in considerazione questi risultati nel trattamento di donne in menopausa in buona salute, con i farmaci utilizzati nello studio.

“Molte linee guida cliniche raccomandano la considerazione dell’estradiolo transdermico come trattamento di prima linea per la terapia ormonale perché è associato a un minor rischio di eventi di coaguli di sangue rispetto agli estrogeni coniugati per via orale”, ha detto la coautrice dello studio Nanette Santoro, Professore di ostetricia e ginecologia presso l’Università del Colorado. “Questo studio ci fa riflettere due volte su quella raccomandazione e ci ricorda che c’è più complessità nella storia di come o se gli ormoni utilizzati dalle donne in menopausa le proteggono dalle malattie cardiache più avanti nella vita o aumentano il loro rischio”.

Fonte, Journal of American Heart Association (2019)


Altri articoli su terapia ormonale sostitutiva