Terapia con cellule staminali per lesioni del gomito e della spalla: ancora dubbi sull’efficacia

lesioni del gomito e della spalla

Vi è un interesse significativo per le opzioni di trattamento biologico per migliorare la guarigione e ridurre rapidamente i sintomi nelle lesioni al gomito e alla spalla, come l’artrosi (OA), la tendinopatia, le lesioni ai legamenti e altre condizioni infiammatorie. Tuttavia, c’è incertezza tra medici e pazienti su ciò che funziona e cosa non funziona poiché molti di questi trattamenti non sono ancora stati dimostrati.

L’uso di terapie con cellule staminali per aumentare la guarigione dei tessuti ha superato di gran lunga i dati scientifici e clinici di supporto, in gran parte a causa di un marketing aggressivo che ha portato a un uso diffuso e spesso inappropriato degli approcci di terapia cellulare negli Stati Uniti.

Due revisioni critiche nel Journal of Shoulder and Elbow Surgery esaminano lo stato attuale degli approcci biologici per i problemi comuni di spalla e gomito. Gli autori discutono aree in cui l’attuale base di prove è debole o controversa e raccomandano ulteriori studi.

Gli autori avvertono che le prospettive future sono positive, ma i dati clinici per il loro utilizzo sono attualmente limitati.

Inoltre, un gran numero di fattori specifici del paziente influenzano la composizione e l’attività biologica dei prodotti, tra cui età, sesso, comorbidità mediche, farmaci concomitanti e fattori genetici ed epigenetici. Queste variabili e l’imprevedibilità del “prodotto biologico” vengono quindi aggiunte alla variabilità della patologia di base da trattare.

Gli autori esaminano diversi agenti biologici, tra cui plasma ricco di piastrine (PRP), concentrato di aspirato di midollo osseo (BMAC) e cellule stromali mesenchimali (MSC) derivati ​​da tessuti adiposi, al fine di fornire agli specialisti medici e ai loro pazienti i dati clinici e stimolare ulteriori ricerche in questa importante e crescente area della medicina muscolo-scheletrica.

Gli autori concludono che questi trattamenti hanno un grande potenziale basato su studi di laboratorio che dimostrano un effetto positivo di questi materiali sulla biologia di base della guarigione dei tessuti, tuttavia, i dati clinici per il loro uso in entrambe le patologie della spalla e del gomito sono molto limitati. Gli autori sottolineano che una grave limitazione è la significativa variabilità ed eterogeneità tra queste formulazioni biologiche.

In un’analisi approfondita dei prodotti biologici per la gestione della patologia della spalla, James B. Carr II, dell’ HSS Sports Medicine Institute, Hospital for Special Surgery, New York, NY, USA, e Scott A. Rodeo dell’ HSS Sports Medicine Institute, Hospital per Special Surgery e Weill Medical College della Cornell University, New York, NY, USA, valutano la scienza di base e le prove cliniche per gli agenti biologici più comunemente usati per il trattamento di patologie comuni della spalla come le lacrime della cuffia dei rotatori, osteoartrite della spalla e tendinopatia. Le lacrime della cuffia dei rotatori si verificano in oltre il 20 percento della popolazione adulta generale, con un’incidenza progressivamente più alta con l’aumentare dell’età, mentre si stima che l’osteoartrite della spalla colpisca fino al 33 percento degli individui con più di 60 anni.

Gli obiettivi degli autori sono di aiutare i medici a comprendere meglio la terminologia appropriata per gli agenti biologici più comunemente usati; rivedere criticamente la letteratura attuale sull’uso di vari agenti biologici nel trattamento delle patologie della spalla più comuni; ed evidenziare le terapie emergenti e le potenziali applicazioni future degli agenti biologici nella gestione di queste patologie della spalla.

“Vi è un bisogno critico di strategie per migliorare la guarigione del tendine della cuffia dei rotatori dopo la riparazione chirurgica e di metodi per invertire l’atrofia muscolare progressiva che si verifica nei pazienti con la lacrime della cuffia dei rotatori”, hanno spiegato il Dott. Carr e il Dott. Rodeo. “La spalla è quindi un’area in cui gli agenti biologici sono particolarmente interessanti“.

Sebbene le prospettive possano essere positive, gli autori richiedono ulteriori ricerche di laboratorio e cliniche per definire formulazioni, schemi di dosaggio e approcci ottimali per vari tessuti e lesioni. 

Il gomito del tennista (epicondilite laterale) colpisce dall’uno al tre percento degli adulti ogni anno. Al gomito, l’applicazione della terapia biologica è spesso paragonata alle iniezioni di steroidi. Una recensione dettagliata di Jason L. Dragoo, del Dipartimento di Chirurgia Ortopedica, Università del Colorado, Denver, CO, USA e Molly C. Meadows, Stanford University, Redwood City, CA, USA, ha identificato studi sull’uso di prodotti biologici per il trattamento della patologia del gomito. I ricercatori hanno trovato ricerche significative sull’uso del PRP ( plasma ricco di piastrine) per l’epicondilite laterale, ma pochi studi sul gomito del golfista (epicondilite mediale), lesioni del legamento collaterale ulnare (UCL) e tendinopatia del bicipite. Hanno anche trovato studi che utilizzano la terapia contenente MSC (cellule mesenchimali stromali adulte da midollo osseo) nel trattamento dell’epicondilite laterale, ma generalmente mancavano gli studi che utilizzano MSC in altre aree della patologia del gomito.

Gli autori concludono che, nonostante l’uso abbastanza diffuso di agenti biologici come PRP nell’epicondilite laterale, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare la formulazione e la somministrazione ottimali delle iniezioni di PRP. Ulteriori studi rigorosi sono necessari per fornire dati definitivi. Le attuali ricerche sull’uso della terapia cellulare in altre lesioni al gomito sono limitate e sono necessarie ulteriori ricerche sulla terapia biologica per il gomito del golfista, lesioni UCL e tendinite del bicipite.

“La ricerca scientifica di base suggerisce che l’uso di “terapie biologiche” come PRP e le cellule del midollo osseo hanno il potenziale per migliorare la guarigione dei tessuti in una serie di condizioni”, hanno sottolineato Dragoo e Meadows. Studi clinici dimostrano che le iniezioni di PRP sono più efficaci delle iniezioni di steroidi nel trattamento del gomito del tennista e possono guidare i professionisti a raccomandare opzioni di trattamento più efficaci per i pazienti con questa condizione. Prima di formulare raccomandazioni formali sono necessarie ulteriori ricerche per il trattamento di altre patologie del gomito per queste condizioni. Dobbiamo definire le formulazioni e il dosaggio più efficaci della terapia piastrinica e cellulare per ogni tipo di lesione”.

“I chirurghi ortopedici devono essere ben informati quando discutono di agenti biologici con i pazienti”, ha aggiunto il Dott. Rodeo. “È fondamentale che i chirurghi ortopedici forniscano la leadership in questo settore e lavorino allo sviluppo di linee guida e politiche per l’uso di agenti biologici. È richiesto un approccio rigoroso all’uso delle terapie della “medicina rigenerativa” e al mantenimento di elevati standard clinici e di ricerca per spostare il campo in avanti “.

Gli studi di laboratorio negli Stati Uniti sono ostacolati dalle restrizioni governative sulle applicazioni cliniche della terapia cellulare. Scienziati e clinici non sono in grado di isolare e quindi coltivare le cellule di un paziente per aumentare la popolazione di cellule “desiderate” nell’ambiente di laboratorio. Ciò ha portato molti pazienti statunitensi a perseguire il “turismo medico”, viaggiando all’estero verso paesi come Germania, Repubblica di Corea e Giappone, così come altri paesi europei, alla ricerca di un trattamento con cellule staminali.

Fonte, Journal of Shoulder and Elbow Surgery, 2019