Tamoxifen migliora i sintomi di distrofia muscolare di Duchenne

0
11

Un nuovo studio ha trovato che il tamoxifene, un noto farmaco per il cancro al seno è in grado di contrastare alcune caratteristiche patologiche in un modello murino di distrofia muscolare di Duchenne (DMD). Allo stato attuale, nessun trattamento è noto per la produzione di miglioramento a lungo termine dei sintomi nei ragazzi con DMD, un disturbo debilitante muscolare che è caratterizzata da deperimento muscolare progressivo, alterazioni respiratorie e cardiache, paralisi e morte prematura.

Lo studio sarà pubblicato nel numero di Febbraio 2013  del The American Journal of Pathology.

Utilizzando il mdx 5cv modello murino di DMD, gli investigatori hanno trovato che il tamoxifene, somministrato per via orale per più di un anno, “ha causato notevoli miglioramenti della  forza muscolare e del diaframma e struttura cardiaca,” secondo l’autore Olivier M. DORCHIES, PhD, del Dipartimento di Farmacologia, Ginevra-Losanna Scuola di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Ginevra e dell’Università di Losanna. Ad esempio, nel cuore, la fibrosi era diminuita di circa il 50%, il muscolo del diaframma del topo distrofico trattato con  tamoxifene, ha ridotta la fibrosi aumentando lo spessore così come il numero e il diametro medio delle fibre muscolari. L’effetto netto è che il tamoxifene ha sollevato la quantità di tessuto contrattile disponibile per la respirazione del 72%.

In  pazienti affetti da degenerazione muscolare DMD spettacolo, le fibre muscolari diventano eccessivamente sensibili allo stress. Lo studio su  animali trattati con tamoxifene, ha dimostrato che la struttura dei muscoli delle gambe è migliorata,è rallentata la contrazione muscolare, aumentata la funzione muscolare globale e reso i muscoli delle gambe più resistente alla stimolazione ripetitiva e alla fatica. In realtà, il tamoxifene ha reso i  muscoli distrofici ancora più forti di quelli di non-distrofici topi di controllo. “I nostri risultati di una minore velocità di contrazione e una maggiore resistenza alla fatica nei muscoli di topi trattati con tamoxifene distrofici, sono importanti per la fisiopatologia della distrofia muscolare”, dicono gli autori.

Un test ha rivelato che il trattamento di maschi mdx 5cv topi, con tamoxifene per più di un anno, ha  aumentato la forza intera del corpo  di 2/3 volte, avvicinandola  a quella dei topi normali.

Ulteriori risultati fanno  luce sul meccanismo di azioni terapeutiche di tamoxifene. Per esempio, creatina chinasi plasmatica (CK) è risultata essere di circa 3 volte superiore nei topi distrofici maschi che  non in  non-distrofici maschi, e Tamoxifene ha normalizzato i livelli di CK dei topi distrofici. Gli autori suggeriscono che questo effetto è mediato da un recettore di estrogeni (ER) meccanismo dipendente. Altri effetti, come ad esempio un aumento dei livelli di calcineurina e l’accumulo di diverse proteine strutturali, indicano un effetto protettivo del tamoxifene sui muscoli distrofici. Gli autori sottolineano che gli effetti benefici del tamoxifene sono stati osservati con livelli di tessuto muscolare molto inferiori rispetto a quelli riportati negli studi precedenti di roditori normali, suggerendo che dosi inferiori a quelle utilizzate per il trattamento di cancro al seno possono  essere efficaci nel trattamento della DMD.

Fonte:The American Journal of Pathology , Volume 182, Issue 2 (febbraio 2013) DOI :10.1016/j.ajpath.2012.10.018