Studio scopre il legame tra rischio di malattia celiaca e un RNA non codificante

celiachia

Immagine: Espressione lnc13 RNA in un individuo che segue una dieta senza glutine (Credit: Dr. Govind Bhagat, Department of Pathology and Cell Biology, Columbia University Medical Center)

I ricercatori hanno identificato una variante comune in un RNA non codificante che può contribuire all’ infiammazione intestinale che si verifica nelle persone con malattia celiaca. I risultati indicano un possibile nuovo fattore di rischio per lo sviluppo di celiachia nelle persone con fattori di rischio genetici.

Lo studio è stato pubblicato oggi in Science .

La celiachia è un disturbo autoimmune degli individui geneticamente predisposti a sviluppare una risposta immunitaria al glutine, una proteina presente nei cereali, frumento, segale e orzo. Si stima che circa il 40 per cento della popolazione ha la variante del gene primario associato con la malattia celiaca, ma solo l’1 per cento delle persone con questi geni sviluppano l’infiammazione intestinale e danno intestinale (che sono le caratteristiche della malattia), dopo il consumo di glutine.

“Non sappiamo il motivo per cui solo una frazione degli individui con fattori di rischio genetici per lo sviluppo della malattia celiaca effettivamente diventano intolleranti al glutine”, ha dichiarato Peter Green, MD, Professore di Medicina alla  Columbia University Medical Center (CUMC) , Director of the Celiac Disease Center at Columbia University e co-autore dello studio. “E’ solo attraverso il lavoro delicato della ricerca traslazionale che possiamo iniziare a scoprire i meccanismi che scatenano i sintomi della malattia celiaca”.

Recentemente, i ricercatori si sono concentrati sulla capacità di RNA non codificante, la porzione del nostro genoma che non codifica per la produzione di proteine, di regolare una varietà di processi biologici. Si pensa che l’RNA non codificante lungo (lncRNA) Inc13, che contiene più di 200 nucleotidi, svolge un ruolo nelle malattie autoimmuni e tumori interagendo con altri RNA, DNA e proteine. Tuttavia, non è chiaro se i cambiamenti nei geni lncRNA potrebbero mettere le persone a rischio di sviluppare malattie complesse nello stesso modo dei cambiamenti nei geni codificanti.

Studio scopre il legame tra rischio di malattia celiaca e un RNA non codificante
Piccole biopsie intestinali da nuova diagnosi di pazienti celiaci che mostrano atrofia dei villi, iperplasia delle cripte e l’aumento dei linfociti intraepiteliali. 

. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con la malattia celiaca avevano insolitamente bassi livelli di lnc13 nei loro intestini, suggerendo che la sottoregolazione di questo gene può contribuire alla infiammazione osservata nella malattia celiaca.

“Questi risultati aggiungono un dettaglio importante alla nostra comprensione di come la malattia celiaca si sviluppa”, ha detto Sankar Ghosh, PhD, Professor of Microbiology and Immunology, Chairman of the Department of Microbiology and Immunology al CUMC e  autore principale dello studio . “….Negli studi futuri, speriamo di indagare i fattori che portano alla soppressione di lnc13, che possono causare la malattia celiaca in persone che in precedenza erano in grado di tollerare il glutine”.

Fonte: Science

Altri articoli su celiachia