Studio individua i tipi di cellule colpite nel cervello di pazienti con sclerosi multipla

sclerosi multipla

Gli scienziati hanno scoperto che una specifica cellula cerebrale nota come “neurone di proiezione” ha un ruolo centrale nei cambiamenti cerebrali osservati nella sclerosi multipla (SM).

La ricerca, pubblicata oggi su Nature, mostra che i neuroni di proiezione sono danneggiati dalle proprie cellule immunitarie e che questo danno potrebbe sostenere il restringimento del cervello e i cambiamenti cognitivi associati alla SM. 

Queste nuove scoperte forniscono una piattaforma per nuove terapie per la SM specifiche che mirano a sviluppare cellule cerebrali danneggiate.

La sclerosi multipla è una condizione del cervello e del midollo spinale che colpisce oltre due milioni di persone in tutto il mondo. I potenziali sintomi della SM sono di ampia portata e possono includere problemi di vista, movimento e abilità cognitive. Ricerche precedenti hanno dimostrato che una regione del cervello chiamata corteccia si restringe nel tempo nei pazienti con SM, condizione nota come atrofia corticale. I processi alla base di questa contrazione corticale finora non sono stati chiariti.

In un nuovo studio internazionale dell’Università di Cambridge, dell’Università di Heidelberg e dell’Università della California, a San Francisco, i ricercatori hanno utilizzato campioni di cervello umano post-mortem da pazienti affetti da SM, per studiare un’ampia gamma di tipi cellulari implicati nella malattia e hanno confrontato i loro risultati con i campioni di cervello donati da persone che non avevano la SM.

“Usando una nuova tecnica chiamata sequenziamento dell’RNA di un singolo nucleo, siamo stati in grado di studiare la composizione genetica delle singole cellule cerebrali per capire perché alcune cellule potrebbero essere più suscettibili ai danni nella SM di altre”, ha detto il Dott. Lucas Schirmer, scienziato capo del progetto dell’Università di Heidelberg.

“I nostri risultati hanno mostrato che un particolare tipo di cellula nervosa chiamata “neurone di proiezione” era particolarmente vulnerabile ai danni nel cervello dei pazienti con SM”.

Nelle persone sane, questi neuroni di proiezione sono coinvolti nella comunicazione di informazioni tra diverse aree del cervello. È quindi possibile che il danno a queste cellule possa influire sulle capacità cognitive nei pazienti con SM. Inoltre, la perdita di questo particolare tipo di cellule aiuta a spiegare perché il cervello dei pazienti con SM si restringe nel tempo: più cellule sono danneggiate e perse, minore è lo spazio occupato dal cervello.

I ricercatori hanno anche dimostrato che le cellule immunitarie nel cervello dei pazienti affetti da SM stavano prendendo di mira i neuroni di proiezione, causando stress e danni alle cellule.

Vedi anche, Trattamento nanotecnologico inverte i sintomi della sclerosi multipla nei topi.

“Abbiamo scoperto che le cellule immunitarie che producono anticorpi sono correlate al danno degli importanti neuroni di proiezione nei cervelli della SM”, ha affermato il Professor David Rowitch dell’Università di Cambridge, lo scienziato senior che coordina la ricerca. “Questo suggerisce che le terapie cellulari indirizzate a queste cellule immunitarie potrebbero proteggere i neuroni di proiezione e fornire un nuovo trattamento per la SM progressiva”.

Il Dott. Dmitry Velmeshev e il Professor Arnold Kriegstein dell’Università della California, San Francisco, hanno lavorato insieme per sviluppare le tecniche utilizzate per analizzare il codice genetico all’interno delle singole cellule cerebrali .

“Queste nuove tecniche hanno un’ampia applicabilità nella comprensione dei disordini neurologici e dello sviluppo umano e stanno fornendo nuove conoscenze non solo sulla SM, ma anche sul disturbo dello spettro autistico”, ha affermato il Professor Arnold Kriegstein.

Il Dott. Andrew Welchman, Direttore di Neuroscience presso la Wellcome, ha dichiarato: “Questo studio utilizza misurazioni allo stato dell’arte dell’espressione genica per fornire una nuova preziosa finestra sul processo attraverso il quale l’infiammazione nel cervello fa progredire la SM. L’intuizione dovrebbe stimolare l’ulteriore sviluppo di trattamenti che potrebbero congelare la malattia nelle sue tracce: è un progresso eccitante che attesta l’importanza di strumenti genetici all’avanguardia nella comprensione delle malattie del cervello “.

Il Dr. Bruce Bebo, Vicepresidente esecutivo della ricerca presso la National MS Society (USA), ha dichiarato: “La ricerca, come quella del Professor Rowitch sui neuroni di proiezione nel tessuto cerebrale SM, contribuisce alla nostra comprensione della patologia di base nella SM ed è probabile che porti a modi migliori e mirati per fermare la malattia, proteggere il sistema nervoso da ulteriori lesioni e rallentare la progressione”.

Fonte, Nature


Altri articoli su sclerosi multipla