Sepsi: speranza di nuove strategie

sepsi

Sepsi: speranza di nuove strategie. Gli scienziati del Center for Translational Medicine presso la Temple University School of Medicine stanno avvicinandosi sempre più alla soluzione di un mistero di lunga data nella sepsi, una condizione complessa e spesso letale.  Bloccando l’attività di una proteina chiamata  STIM1 nelle  cellule che rivestono l’interno dei vasi sanguigni nei topi, hanno fermato una cascata di eventi cellulari che culminano nell’infiammazione  fuori controllo che segna la sepsi e protetto i polmoni da danni gravi . I risultati, riportati on line sulla rivista  Journal of Clinical Investigation , fornisce  nuovi dettagli molecolari alla base della  sepsi e dei suoi effetti sui polmoni.

Nell’individuare STIM1 come potenziale bersaglio, i risultati potrebbero portare a nuove strategie di trattamento nei confronti della  sepsi. L’autore senior Muniswamy Madesh, PhD, Professore Associato di Biochimica presso la Temple University School of Medicine e membro del Centro di Tempio per la medicina traslazionale, ha affermato: “Abbiamo fornito la prova che indica che senza STIM1 , l’aggravamento dell’infiammazione non può avvenire.I  nostri risultati potrebbero portare a tutta una serie di nuove direzioni di ricerca terapeutiche “. STIM1 svolge una varietà di ruoli nelle cellule, incluso quello di  sensore per la quantità di calcio all’interno di una cella, importante per la comunicazione cellulare. Nella  sepsi, un’infezione batterica produce tossine che causano la reazione normale del corpo alle infezioni , spingendo il sistema immunitario ad attaccare gli organi del proprio corpo ed i tessuti.

Secondo il Dott. Madesh, queste tossine – piccole molecole chiamate lipopolisaccaridi – innescano una catena di eventi. Inizialmente si legano ai recettori delle cellule endoteliali e ‘inviano segnali chimici che possono provocare danni “ossidativi” alle cellule. Le proteine STIM possono rilevare questo danno cellulare e guidare il flusso di ioni di calcio nella cellula, aumentando la segnalazione di calcio. Le fluttuazioni dei livelli di calcio risultanti, attivano le cellule endoteliali. “Quando le cellule endoteliali vengono attivate, esprimono diverse molecole pro-infiammatorie, che facilitano le cellule bianche del sangue ad aderire alle cellule endoteliali e favoriscono  la migrazione dal sangue al tessuto polmonare.”  “Questa migrazione cellulare stimola ulteriormente il sistema immunitario, aumentando il rilascio di molecole di segnalazione e di altri fattori. Ma come questo si verifica non è stato completamente compreso.” Il Dr. Madesh ed i suoi colleghi volevano capire meglio come le proteine STIM sono coinvolte nel processo infiammatorio polmonare e causano lesioni, comunemente viste nella  sepsi. Tale condizione può portare ad edema  o fluido nei polmoni ed eventualmente causare la morte.

Una  loro precedente ricerca  aveva indicato che STIM1 svolge un ruolo importante nel danno ossidativo cellulare alterando  i livelli di calcio. Per scoprirlo, i ricercatori hanno creato topi privi di STIM1 nelle cellule endoteliali e in una serie di esperimenti, questi topi, rispetto ai topi normali, sono stati  esposti alla tossina della  sepsi. Essi hanno scoperto che senza STIM1 nelle cellule, le fluttuazioni di calcio non si sono  verificate e le cellule endoteliali sono state protette contro la tossina che induce il danno polmonare. Il Dr. Madesh  ha detto. “Sebbene questo STIM-via di segnalazione è essenziale per lo sviluppo e altre funzioni, in caso di infiammazione vascolare, bloccando il suo percorso, abbiamo protetto l’animale dal danno in questione. Mentre diversi altri percorsi sono stati stabiliti nel modello di sepsi, la nostra scoperta è una nuova via di segnalazione che può essere oggetto di interventi terapeutici. ” Il dottor Madesh ha anche dichiarato che  uno dei prossimi obiettivi della sua squadra è quello di “progettare nuove molecole che colpiscono l’attivazione della proteina STIM.” Questa stessa strategia potrebbe essere utilizzata per altre malattie o condizioni che coinvolgono STIM nel controllo di  segnalazione del calcio, come l”ictus” ha osservato.

Altri articoli su sepsi