HomeSaluteCervello e sistema nervosoScoperto un legame molecolare tra Parkinson e malattie prioniche

Scoperto un legame molecolare tra Parkinson e malattie prioniche

La malattia di Parkinson e le malattie prioniche sono molto diverse per quanto riguarda le origini e il corso. Tuttavia, un gruppo di ricerca di SISSA, guidato dal Professor Giuseppe Legname, ha scoperto un legame inaspettato e importante tra le due patologie.

Secondo lo studio, recentemente pubblicato nella rivista Scientific Reports, le due patologie sono legate dall’interazione complessa tra due proteine ​​presenti nelle cellule nervose: la cosiddetta α-sinucleina nella sua forma aggregata e la prion proteina PrPC, la molecola responsabile, nella versione modificata, di gravi sindromi come la malattia di Creutzfeldt-Jakob.

( Vedi anche:Nuovo test può diagnosticare il Parkinson fino a 10 anni prima).

- Advertisement -

La presenza di depositi di α-sinuclein nelle cellule cerebrali è tipica delle malattie chiamate sinucleinopatie, che includono la malattia di Parkinson, caratterizzata da demenza con corpi di Lewy e atrofia multipla del sistema. Tuttavia, le modalità secondo cui questi aggregati si formano e si diffondono sono fino ad ora sconosciuti.

Questi ricercatori hanno scoperto che la α-sinucleina utilizza effettivamente l’azione della proteina prionica per diffondersi e depositarsi nel cervello. Questo sembra favorire la formazione di questi depositi e la loro diffusione tra le cellule cerebrali .

Inoltre, mentre l’attività della proteina prionica sembra sostenere lo sviluppo delle sinucleopatie, i depositi di α-sinucleina sembrano allentare il corso delle malattie prioniche.

Infatti, questa ricerca ha dimostrato che fibrille α-synuclein bloccano il deposito di prioni nelle cellule nervose, impedendo così la loro replicazione. Questo effetto sorprendente è corroborato da ulteriori prove già riscontrate nella patologia, infatti il ​​corso della malattia è più lento nei pazienti affetti da malattie prioniche che presentano depositi di α-sinucleina nelle cellule nervose.

- Advertisement -

Fonte: Scientific Reports

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...