Scoperti quattro sottotipi di melanoma

melanoma

È stato dimostrato che il melanoma, un tumore della pelle relativamente raro, ma mortale, commuta gli stati di differenziazione, cioè regredisce a uno stadio precedente di sviluppo, il che può portarlo a diventare resistente al trattamento. Ora, i ricercatori della UCLA hanno scoperto che i melanomi possono essere suddivisi in quattro sottotipi distinti in base ai loro stadi di differenziazione. Sottotipi di cellule che si sono de-differenziati – il che significa che sono tornati a una cellula meno matura – hanno mostrato sensibilità a un tipo di morte cellulare autoinflitta chiamata ferroptosi.

(Vedi anche: Un batterio produce molecole che inducono la morte nelle cellule di melanoma). 

La ricerca ha anche dimostrato che alcuni sottotipi di  di melanoma potrebbero essere trattati con successo utilizzando più terapie contro il cancro in combinazione con farmaci che inducono la ferroptosi.

Il melanoma deriva dai melanociti, cellule che producono pigmenti. Sebbene le terapie mirate e una maggiore comprensione dell’immunologia del cancro abbiano significativamente migliorato la sopravvivenza, molti pazienti o hanno una recidiva o non rispondono al trattamento.

Il team della UCLA, guidato dal Dr. Thomas Graeber, ha analizzato l’ espressione genica delle cellule di melanoma e le ha confrontate con informazioni in database genetici pubblici, per identificare i quattro diversi sottotipi di melanoma con diverse sensibilità ai farmaci. Il team ha organizzato le cellule del melanoma secondo i pattern caratteristici dei geni attivati ​​dalle cellule. Confrontando i modelli di espressione genica con i dati provenienti da cellule staminali indotte a differenziarsi in melanociti, i ricercatori hanno scoperto che i melanomi possono essere classificati in quattro distinti stati di differenziazione.

“Questa raffinata caratterizzazione migliora la nostra comprensione dei cambiamenti progressivi che si verificano nelle cellule di melanoma durante la de/differenziazione e può aiutare a sviluppare strategie migliori per indirizzare questa forma di resistenza alla terapia “, ha detto Jennifer Tsoi, membro del gruppo di ricerca della UCLA, ora borsista postdottorato presso la UCLA.

I ricercatori hanno quindi cercato database di farmacogenomica per trovare composti che potrebbero essere meglio usati per trattare i melanomi caratterizzati dal pattern di espressione di de/differenziazione, sia individualmente che in combinazione con altri farmaci.

Lo studio introduce una nuova area di possibilità terapeutiche per il melanoma perché è il primo a collegare la ferroptosi agli stati di differenziazione del melanoma. Definisce inoltre con precisione, diversi sottotipi di melanoma, in base all’espressione genica specifica e ai profili metabolici. Questi sottotipi caratterizzano quattro fasi lungo una traiettoria presa da cellule di melanoma mentre rispondono a stress esogeni, come i trattamenti farmacologici.

L’approccio per il target dei melanomi de/differenziati potrebbe integrare le terapie standard di cura esistenti, poiché gli inibitori della chinasi e le immunoterapie sono molto più efficaci contro le cellule differenziate rispetto alle cellule de-differenziate.

“Inoltre, queste terapie standard di cura possono indurre la de/differenziazione e quindi in un contesto di co-trattamento, l‘induzione della ferroptosi può potenzialmente bloccare le cellule di melanoma che tentano di prendere questa via di fuga“, ha spiegato Graeber.

La ricerca è stata pubblicata online su Cancer Cel.

Fonte: NewsroomUCLA

Altri articoli su melanoma