Scoperta molecola anti-invecchiamento

invecchiamento

La proteina klotho ha dimostrato di promuovere la longevità e contrastare le menomazioni legate all’invecchiamento. Avere più proteina klotho sembra consentire vite più lunghe e più sane, mentre un esaurimento di questa molecola accelera l’invecchiamento e può contribuire alle malattie legate all’età. Curiosamente, all’interno del cervello, una struttura contiene livelli molto più elevati di klotho.

Questa struttura è il plesso coroideo, che comprende un complesso complesso di cellule che producono il liquido cerebrospinale e formano un’importante barriera tra il sistema nervoso centrale e il sangue.

Un gruppo di scienziati degli Istituti di Gladstone, guidati da Lennart Mucke, ha deciso di indagare sul perché il plesso coroideo contenga molto più khloto di altre regioni del cervello. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica PNAS, i ricercatori hanno dimostrato che klotho funziona come un guardiano che protegge il cervello dal sistema immunitario periferico.

“Abbiamo scoperto, nei modelli murini, che i livelli di klotho nel plesso coroideo diminuiscono naturalmente con l’età”, ha detto Mucke, ricercatore senior e Direttore del Gladstone Institute of Neurological Disease. “Abbiamo poi imitato questo processo di invecchiamento riducendo i livelli di klotho in questa struttura sperimentalmente e abbiamo scoperto che l’esaurimento di questa molecola aumenta l’infiammazione del cervello “.

Mucke e il suo team hanno ulteriormente studiato l’impatto di questo fenomeno su altre regioni del cervello ed hanno scoperto che nei topi con meno klotho nel plesso coroideo, le cellule immunitarie innate, in un importante centro di memoria, reagivano in modo più aggressivo quando altre parti del corpo erano esposte a sfide immunitarie che imitavano le infezioni.

Vedi anche, Il ruolo del gene della fosfatasi alcalina (Alpl) nella prevenzione dell’ invecchiamento osseo prematuro.

“La barriera tra cervello e sistema immunitario sembra essere abbattuta da bassi livelli di klotho“, ha detto Lei Zhu, uno scienziato del laboratorio di Mucke e primo autore dello studio. “I nostri risultati indicano che klotho aiuta a mantenere la barriera chiusa. Quando i livelli di questa molecola sono impoveriti nel plesso coroideo, la barriera diventa più porosa e consente alle cellule immunitarie e alle molecole infiammatorie di passare attraverso di essa più facilmente”.

Questo tipo di maggiore risposta da parte delle cellule immunitarie innate può essere dannoso perché producono alcuni fattori che hanno dimostrato di compromettere le funzioni cerebrali.

“I cambiamenti molecolari che abbiamo osservato nel nostro studio suggeriscono che l’esaurimento di klotho dal plesso coroideo potrebbe contribuire al declino cognitivo nelle persone anziane attraverso l’inflammaging cerebrale“, ha aggiunto Mucke, che è anche un Professore di neurologia e neuroscienza all’Università di San Francisco. ” Questi risultati potrebbero aiutare a spiegare, almeno in parte, perché notiamo spesso deterioramenti nelle funzioni cognitive negli anziani ospedalizzati quando hanno infezioni, come polmonite o infezioni del tratto urinario. Questa complicanza tende ad essere particolarmente importante nei pazienti con malattia di Alzheimer, in cui l’infiammazione è emersa come un importante fattore della patologia “.

Ora che hanno dimostrato che l’esaurimento di klotho dal plesso coroideo porta ad un aumento dell’infiammazione cerebrale, Mucke e il suo team stanno pianificando il loro prossimo esperimento per determinare se l’aumento dei livelli di klotho nel plesso coroideo può aiutare a sopprimere il declino cognitivo correlato all’età .

Il documento, “Klotho controlla l’interfaccia del sistema immunitario cerebrale nel plesso coroideo “, è stato pubblicato online da PNAS ( Atti della National Academy of Sciences ) il 9 novembre 2018.

Fonte, PNAS


Altri articoli su invecchiamento