Sclerosi multipla: nuovo biomarcatore potrebbe migliorare la diagnosi

KIR4.1,SM

La diagnosi della sclerosi multipla  ( SM ) è una sfida anche per i neurologi più esperti. Questa malattia autoimmune ha molti sintomi e presenta raramente un quadro clinico uniforme. Una nuova scoperta scientifica sulla risposta immunitaria coinvolta nella malattia, potrebbe contribuire a migliorare la sua diagnosi. Gli scienziati che hanno analizzato il sangue di pazienti affetti da SM, hanno scoperto degli auto anticorpi che attaccano i canali di potassio nella membrana cellulare. I canali di potassio svolgono un ruolo importante per la trasmissione degli impulsi dalle cellule nervose ai muscoli ed è proprio questo processo che è inibito nei pazienti con sclerosi multipla. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine. Per la prima volta, gli scienziati dell’Università di Munchen hanno potuto identificare un anticorpo  che si lega al canale di potassio KIR4.1. L’  auto anticorpo individuato,  potenziale biomarcatore, è stato travato in quasi la metà dei pazienti che hanno collaborato allo studio ed non era presente nelle persone sane.  I risultati potrebbero quindi indicare che KIR4.1 è uno degli obiettivi della risposta immunitaria nella SM. Gli esseri umani in cui KIR4.1 non  è attivo, non possono coordinare i movimenti in modo corretto e non hanno sufficiente mielina, sostanza isolante che riveste i nervi. KIR4.1 è principalmente presente nella membrana delle cellule gliali, responsabili del controllo del metabolismo nel cervello e della produzione di mielina. I neurologi stanno ora conducendo studi di follow-up su come KIR4.1 anticorpo, influenza lo sviluppo della SM. Questo auto anticorpo è estremamente raro in altre malattie neurologiche il che lo rende un importante potenziale marcatore diagnostico per la SM, in futuro.

Altri articoli su KIR4.1, SM