Home Salute Virus e parassiti SARSCoV-2 può rimanere infettivo nelle acque reflue e nell'acqua potabile. Come rimuoverlo

SARSCoV-2 può rimanere infettivo nelle acque reflue e nell’acqua potabile. Come rimuoverlo

Immagine: Public Domain

Gli scienziati sanno che i coronavirus, incluso il virus SARS-CoV-19 responsabile della pandemia di COVID-19, possono rimanere infettivi per giorni – o anche più a lungo – nelle acque reflue e nell’acqua potabile. Due ricercatori, Haizhou Liu,Pprofessore associato di ingegneria chimica e ambientale all’Università della California, a Riverside e il Professor Vincenzo Naddeo, direttore della divisione di ingegneria ambientale sanitaria dell’Università di Salerno, hanno svolto ulteriori test per determinare se i metodi di trattamento delle acque sono efficaci nell’uccidere SARS-CoV-19 e i coronavirus in generale.

“Il virus può essere trasportato in microscopiche goccioline d’acqua o aerosol, che entrano nell’aria attraverso l’evaporazione o lo spruzzo”, hanno scritto i ricercatori in un editoriale di Environmental Science: Water Research & Technology, una delle principali riviste ambientali della Royal Society of Chemistry negli Stati Uniti Regno.

L’attuale pandemia di COVID-19 evidenzia l’urgente necessità di un’attenta valutazione del destino e del controllo di questo virus contagioso nell’ambiente“, ha detto Liu. “Gli ingegneri ambientali come noi sono ben posizionati per applicare le loro competenze per rispondere a queste esigenze con collaborazioni internazionali per proteggere la salute pubblica”.
Durante un’epidemia di SARS del 2003 a Hong Kong, una perdita di liquami ha causato lo sviluppo di un gruppo di casi attraverso l’aerosol. Sebbene nessun caso noto di COVID-19 sia stato causato da perdite di liquami, il nuovo coronavirus è strettamente correlato a quello che causa la SARS e l’infezione attraverso questa via potrebbe essere possibile. Il nuovo coronavirus potrebbe anche colonizzare i biofilm che allineano i sistemi di acqua potabile, rendendo questi sistemi una possibile fonte di trasmissione per aerosol. Si ritiene che questa via di trasmissione sia una delle principali fonti di esposizione ai batteri che causano, ad esempio, la malattia del legionario.
Fortunatamente, si pensa anche che la maggior parte delle routine di trattamento delle acque uccida o rimuova efficacemente i coronavirus sia nell’acqua potabile che nelle acque reflue. Si pensa che l’ossidazione con acido ipocloroso o acido peracetico e l’inattivazione da parte dell’irradiazione ultravioletta, così come il cloro, uccidano i coronavirus. Negli impianti di trattamento delle acque reflue che utilizzano bioreattori a membrana, gli effetti sinergici dei microrganismi benefici e la separazione fisica dei solidi sospesi filtrano i virus concentrati nei fanghi di depurazione.
Liu e Naddeo avvertono, tuttavia, che la maggior parte di questi metodi non è stata studiata per l’efficacia specifica su SARS-CoV-19 e altri coronavirus e richiedono ulteriori ricerche.
I ricercatori suggeriscono anche di migliorare le infrastrutture esistenti per il trattamento delle acque reflue e delle acque nei punti caldi dell’epidemia che possibilmente ricevono il coronavirus da luoghi come Ospedali, cliniche della comunità e case di cura. Occorre disinfettare l’acqua prima che entri nel sistema di trattamento pubblico. I ricercatori hanno scritto che i sistemi di riutilizzo dell’acqua potabile, che purificano le acque reflue, necessitano di un’attenta analisi per la rimozione del coronavirus e, possibilmente, di nuovi standard normativi per la disinfezione. La misura in cui i virus possono colonizzare i biofilm non è ancora nota. I biofilm sono escrescenze batteriche sottili e viscose che rivestono le tubature di molti vecchi sistemi di acqua potabile. Potrebbe essere necessario un migliore monitoraggio dei coronavirus nei biofilm per prevenire le epidemie.
L’impennata nell’uso domestico di battericidi, virucidi e disinfettanti probabilmente causerà un aumento dei batteri resistenti agli antibiotici nell’ambiente. Le acque reflue trattate scaricate in corsi d’acqua naturali richiedono un attento monitoraggio durante l’intero ciclo dell’acqua. Liu e Naddeo si rivolgono a chimici, ingegneri ambientali, microbiologi e specialisti della sanità pubblica per sviluppare soluzioni pratiche e multidisciplinari per acqua potabile sicura e ambienti acquatici sani.
Infine, i paesi in via di sviluppo e alcune regioni all’interno di nazioni altamente sviluppate, come le comunità rurali e povere, che non dispongono delle infrastrutture di base per rimuovere altri contaminanti comuni potrebbero non essere in grado di rimuovere SARS-CoV-19. Questi luoghi potrebbero sperimentare frequenti focolai COVID-19 che si diffondono facilmente attraverso il commercio e i viaggi globalizzati. Liu e Naddeo suggeriscono che i governi dei paesi sviluppati devono sostenere e finanziare i sistemi idrici e igienico-sanitari ovunque sia necessario.
“Ora è chiaro a tutti che la globalizzazione introduce anche nuovi rischi per la salute. Laddove i sistemi idrici e igienico-sanitari non sono adeguati, il rischio di trovare nuovi virus è molto elevato“, ha affermato Naddeo. “In uno scenario responsabile e ideale, i Governi dei paesi sviluppati devono sostenere e finanziare i sistemi idrici e igienico-sanitari nei paesi in via di sviluppo, al fine di proteggere anche i cittadini dei loro paesi”.

ULTIMI ARTICOLI

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...

Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

Immagine: Public Domain. Un nuovo farmaco offre speranza ai giovani ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD), malattia neuromuscolare progressiva, offrendo potenzialmente un'alternativa ai...

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...