Salmonella: come il corpo reagisce

salmonella

Immagine, la salmonella crea un biofilm. Credito CDC.

Una nuova ricerca dell’Università dell’East Anglia mostra come il corpo umano alimenta la sua risposta di emergenza all’infezione da salmonella.

Uno studio, pubblicato oggi sulla rivista PNAS, rivela come le cellule staminali del sangue rispondono nelle prime ore successive all’infezione, acquisendo energia dalle cellule di supporto del midollo osseo.

Si spera che i risultati possano essere utili per lo sviluppo di nuovi approcci per curare le persone con Salmonella e altre malattie batteriche.

Il principale ricercatore dello studio, il Dr. Stuart Rushworth della Norwich Medical School della UEA, ha dichiarato: “La Salmonella è una delle cause più comuni di intossicazione alimentare in tutto il mondo. I sintomi includono diarrea, vomito, dolore addominale e febbre. La maggior parte delle persone guarisce senza cure, ma i bambini piccoli, gli anziani e le persone che hanno un sistema immunitario che non funzionano correttamente hanno un rischio maggiore di ammalarsi gravemente. Volevamo scoprire come il sistema immunitario risponde all’infezione batterica da Salmonella. Sapere di più su come i nostri corpi rispondono potrebbe aiutare a sviluppare nuovi modi di trattare le persone con sistema immunitario debole, come gli anziani”.

Il team UEA ha collaborato con i colleghi del Norwich Research Park presso il Norfolk and Norwich University Hospital (NNUH), il Quadram Institute e il Earlham Institute (EI), per studiare i mitocondri, le minuscole centrali elettriche che vivono all’interno delle cellule e forniscono loro energia.

I ricercatori hanno analizzato la risposta immunitaria all’infezione batterica da Salmonella usando cellule del sangue e del midollo osseo donate per la ricerca dai pazienti NNUH.

Hanno anche lavorato con esperti di infezione da Salmonella di Quadram per studiare il modo in cui i mitocondri si muovono tra i diversi tipi di cellule, usando microscopi specializzati e analisi del DNA ed hanno scoperto che nel midollo osseo dove vengono prodotte le cellule del sangue, le cellule di supporto o “stromali” sono state costrette a trasferire i loro mitocondri generatori di energia alle cellule staminali del sangue vicine.

Vedi anche, Come batteri di Salmonella contaminano le foglie di insalata.

Il Dott. Rushworth ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che queste cellule di supporto stavano effettivamente “caricando” le cellule staminali e permettendo loro di produrre milioni di globuli bianchi in più per combattere i batteri. In precedenza non era noto come le cellule staminali del sangue acquisiscano l’energia di cui hanno bisogno per innescare una risposta immunitaria alle infezioni. I mitocondri sono come minuscole batterie che alimentano le cellule. In risposta alle infezioni, il sistema immunitario prende i mitocondri dalle cellule di supporto circostanti per potenziare la risposta immunitaria”.

Oltre a identificare come e perché i mitocondri vengono trasferiti, lo studio discute il potenziale impatto sul modo in cui le infezioni verranno trattate in futuro.

“I nostri risultati forniscono informazioni su come il sangue e il sistema immunitario sono in grado di rispondere così rapidamente alle infezioni“, ha affermato il Dott. Rushworth. “Elaborare il meccanismo attraverso il quale funziona questo “potenziamento del potere” ci dà nuove idee su come rafforzare la lotta del corpo contro le infezioni in futuro. Questo lavoro potrebbe aiutare a trattare le persone anziane con infezioni. È un primo passo essenziale verso lo sfruttamento terapeutico di questa funzione biologica in futuro”.

La Prof. Federica Di Palma, Direttrice scientifica dell’EI, ha dichiarato: “Questa collaborazione dimostra come gli approcci di ricerca interdisciplinare siano fondamentali per soddisfare le esigenze sanitarie del futuro. Gli sforzi integrati di tre istituti con diverse competenze scientifiche ci hanno permesso di comprendere i meccanismi importanti utilizzati dalle nostre cellule per combattere le infezioni batteriche, fornendo preziose informazioni sulle future applicazioni terapeutiche “.

Fonte, Medicalxpress


Altri articoli su salmonella