Home Salute Cervello e sistema nervoso Salbutamolo, comune farmaco per l'asma, può trattare l'Alzheimer

Salbutamolo, comune farmaco per l’asma, può trattare l’Alzheimer

Immagine; Public Domain.

Un nuovo studio rivela che il Salbutamolo, un comune farmaco per l’asma, può offrire un potenziale trattamento per la malattia di Alzheimer.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza che colpisce 47 milioni di persone in tutto il mondo e si prevede che la sua prevalenza triplicherà a oltre 130 milioni di casi entro il 2050.

- Advertisement -

Non sono stati scoperti trattamenti efficaci che curino la malattia o ne rallentino la progressione. Tuttavia, questo nuovo studio in fase iniziale ha rivelato che il riutilizzo di un farmaco esistente, il Salbutamolo, offre un potenziale significativo come opzione a basso costo e risposta rapida.

I numerosi esperimenti analitici in vitro condotti dal gruppo di ricerca dimostrano che il Salbutamolo è efficace nel ridurre l’accumulo di fibre insolubili della proteina tau, che si trova nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer. Queste fibre microscopiche si accumulano nei grovigli neurofibrillari e possono causare destabilizzazione dei neuroni, morte delle cellule cerebrali e sono una caratteristica chiave della progressione della malattia.

Gran parte della ricerca sulla malattia di Alzheimer si è concentrata sull’accumulo di placche amiloidi, causate dall’errato ripiegamento della proteina amiloide-β. Tuttavia, a causa dei risultati deludenti di numerose terapie mirate all’aggregazione di Aβ, maggiore attenzione si sta spostando verso tau.

Questo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Lancaster, ha utilizzato un nuovo approccio di screening automatizzato “ad alto rendimento” per studiare la struttura della proteina tau mal ripiegata con una speciale tecnica analitica chiamata “Synchrotron Radiation Circular Dichroism” (SRCD) presso Diamond Light Source del Regno Unito nell’Oxfordshire. Con questa potente tecnica, i ricercatori sono stati in grado di esaminare contemporaneamente una selezione di oltre 80 composti e farmaci esistenti per determinare la loro efficacia nel prevenire la formazione di fibrille tau.

- Advertisement -

Vedi anche: Perché i neuroni che formano la memoria sono vulnerabili all’Alzheimer

Questo metodo ha confermato che l’epinefrina composta, più comunemente nota come adrenalina, è risultata efficace nel stabilizzare le proteine ​​tau e nel prevenire la formazione di grovigli di tau. Tuttavia, i nostri corpi non assorbono facilmente l’epinefrina, quindi gli scienziati hanno esaminato una gamma di composti facilmente disponibili con strutture chimiche simili. Questa ricerca ha rivelato quattro possibili farmaci possibili candidati: Etamivan, Fenoterolo, Dobutamina e Salbutamolo.

Si è scoperto che Etaminvan e Fenoterolo hanno scarso effetto sull’assemblaggio di grovigli di tau. La Dobutamina, che viene utilizzata per il trattamento rapido di attacchi di cuore e insufficienza cardiaca, è risultata avere alcuni benefici. Tuttavia, poiché i suoi effetti sono di breve durata e poiché deve essere somministrato per via endovenosa, non è l’ideale come base per il trattamento della malattia di Alzheimer.

Ulteriori test che utilizzano una serie di tecniche analitiche hanno rivelato che il Salbutamolo ha inibito l’aggregazione tau in vitro. I test in cui il Salbutamolo è stato aggiunto a soluzioni contenenti tau hanno determinato una riduzione drastica della densità delle strutture fibrose di tau responsabili dei grovigli neurofibrillari di tau.

I ricercatori ritengono che il Salbutamolo interagisca con una fase iniziale della formazione di fibrille tau, riducendo la loro capacità di formare un nucleo iniziale che guida il processo di aggregazione.

Poiché è facilmente ingerito, assorbito nel cervello e rimane nel corpo per diverse ore, il Salbutamolo ha proprietà interessanti come via di ricerca per un potenziale nuovo trattamento per l’Alzheimer.

Il dottor David Townsend, dell’Università di Lancaster e autore principale della ricerca, ha dichiarato: “Il nostro lavoro mette in evidenza il potenziale impatto del riproporre farmaci per usi medici secondari, scoprendo una nuova strategia terapeutica che impedisce la patologia molecolare del morbo di Alzheimer”.

Il Salbutamolo ha già subito ampie revisioni sulla sicurezza umana e, se la ricerca di follow-up rivelasse la capacità di ostacolare la progressione della malattia di Alzheimer in modelli cellulari e animali, questo farmaco potrebbe offrire un passo avanti, riducendo drasticamente i costi e i tempi associati allo sviluppo di farmaci tipici.

Il Professor David Middleton, coautore della ricerca, ha dichiarato: “Questo lavoro è nelle primissime fasi e siamo in qualche modo lontani dal sapere se il Salbutamolo sarà efficace nel trattamento della malattia di Alzheimer nei pazienti umani. Tuttavia, i nostri risultati giustificano ulteriori test del Salbutamolo e farmaci simili, su modelli animali della malattia e, infine, in caso di successo, in studi clinici”.

Il Dott. Rohanah Hussain, della Diamond Light Source, Senior Beamline Scientist e co-autore, ha dichiarato: “L’esclusivo fascio micro-collimato della linea di luce Diamond B23 ha reso possibile un CD ad alto rendimento che consente lo screening di molti composti attraverso una correlazione strutturale delle attività cruciale nella scoperta di farmaci”.

I ricercatori affermano che gli attuali inalatori per l’asma inducono solo una piccola quantità di Salbutamolo a raggiunge il cervello e quindi se ulteriori ricerche hanno successo, dovrebbe essere sviluppato anche un nuovo metodo di somministrazione. Aggiungono che la ricerca futura potrebbe anche concentrarsi su altri farmaci per l’asma che sono chimicamente simili al Salbutamolo, ma che circolano nel sangue per molto più tempo.

Fonte: Lancaster University

ULTIMI ARTICOLI

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...

COVID 19: gravissimi i danni ai polmoni in alcuni casi

COVID 19-Immagine Credito Public Domain. COVID-19 può causare danni polmonari così gravi che i pazienti richiedono un trapianto di polmone per sopravvivere, secondo quanto confermato...

Distrofie retiniche: scoperto nuovo obiettivo farmacologico

Immagine Credito: Louisiana State University. Un team di ricercatori della LSU Health New Orleans riferisce per la prima volta che l'eliminazione di uno degli inibitori...

HIV: come è diventato “il virus che possiamo curare”

Come l'HIV è diventato "il virus che possiamo curare"? Con l'aumento del numero di infezioni da COVID-19, è facile dimenticare che ci sono ancora...

Declino cognitivo legato all’età: nuovo farmaco lo inverte

Declino cognitivo-Immagine: Public Domain. Il declino cognitivo legato all'età può essere causato da una sorta di "blocco fisiologico reversibile piuttosto che da una degradazione permanente. Secondo...