Riscrivere la nostra comprensione dei tumori gastrici

tumori gastrici


E’ necessario riscrivere la nostra comprensione dei tumori gastrici: il sistema immunitario può essere un importante alleato nella lotta contro il cancro. Uno studio degli scienziati della McGill University, pubblicato su Science, suggerisce che potrebbe anche essere vero il contrario – che l’infiammazione anomala innescata dal sistema immunitario potrebbe essere alla base dello sviluppo di tumori dello stomaco in pazienti con una sindrome da cancro ereditaria nota come sindrome di Peutz-Jeghers (PJS)

È probabile che i risultati suggeriscano un ripensamento di come i tumori gastrici si formano inei pazienti con questa sindrome e in altri con tumori gastrointestinali. Lo studio potrebbe anche aprire la strada a potenziali nuovi trattamenti basati sul target dell’infiammazione piuttosto che sulle cellule tumorali. 

( Vedi anche:Uno studio genetico predice il cancro allo stomaco).

Una sindrome da cancro ereditaria rara

La sindrome di Peutz-Jeghers (PJS) è una malattia genetica rara che colpisce circa 1 persona su 150.000 in tutto il mondo. La sindrome PJS è causata da una versione mutante e inattiva di un gene ( STK11 / LKB1 ) che agisce come soppressore del tumore e regolatore della crescita cellulare, del metabolismo, della sopravvivenza e della polarità (il modo in cui i diversi elementi della cellula sono organizzati). I primi segni della malattia sono lo sviluppo di lentiggini blu scuro o marrone attorno alla bocca, agli occhi e alle narici. I pazienti sviluppano anche polipi benigni – masse di cellule che si formano sul rivestimento interno del loro stomaco e del loro tratto digestivo.  

Dall’età di 65 anni, le persone con la sindrome hanno una probabilità superiore al 90% di sviluppare il cancro, incluso il cancro al pancreas, allo stomaco, alle ovaie, al collo, al colon o al seno. Non esiste attualmente una cura per PJS. I pazienti sono monitorati per lo sviluppo del cancro e spesso richiedono un intervento chirurgico per rimuovere i polipi per prevenire il blocco intestinale e il sanguinamento.  

I ricercatori in cerca di una cura per l PJS si sono a lungo concentrati sul ruolo che il  gene STK11  svolge nelle cellule epiteliali del tratto gastrointestinale, dove si formano i polipi e infine i tumori. Ma una scoperta fortuita nei topi ha portato i ricercatori dell McGill a rivolgere la loro attenzione in una direzione completamente diversa: il sistema immunitario. 

Una nuova attenzione al sistema immunitario

La Dr. Julianna Blagih, che stava studiando il ruolo di  STK11 / LKB1  nelle cellule immunitarie come parte del suo dottorato, ha osservato che i topi con disfunzione del  gene STK11  solo nelle cellule T – soldati del sistema immunitario che proteggono i nostri corpi dalle infezioni – hanno sviluppato tumori gastrointestinali simili a quelli riscontrati nelle persone con PJS. Questa osservazione ha portato il Dr. Blagih e il suo dottorando supervisore, Dr. Russell Jones, ad esplorare come le cellule immunitarie possono contribuire allo sviluppo della malattia.  

“Questo è un grande esempio di come una scoperta casuale in laboratorio può portare a nuove idee su come le malattie sono causate e potenzialmente anche a nuovi trattamenti”, ha detto il Dott. Jones, corrispondente autore dello studio e Professore associato presso il Dipartimento di Fisiologia al Goodman Cancer Research Center della McGill. “Quando abbiamo studiato ulteriormente, abbiamo confermato che questi non erano semplicemente risultati casuali e che i topi con cellule T con queste mutazioni hanno sviluppato un’infiammazione nel loro tratto gastrointestinale e polipi simili a quelli nei pazienti con PJS“.  

Inoltre, la Dottoressa Maya Poffenberger, l’autrice principale e membro del gruppo di ricerca del Dott. Jones, ha scoperto che segni rivelatori di infiammazione nei polipi di pazienti PJS umani. Ha anche scoperto che lo sviluppo dei polipi poteva essere ridotto nei topi geneticamente suscettibili quando venivano somministrati con farmaci che interrompevano specifici percorsi infiammatori. 

Cambiare paradigmi per la sindrome di Peutz-Jeghers

Il Dott. Jones aggiunge: “Fondamentalmente, il nostro lavoro cambia il modo in cui pensiamo a questa malattia, concentrandoci ora sulla comprensione di come il sistema immunitario contribuisca allo sviluppo dei polipi. Speriamo che la nostra scoperta possa portare a nuovi trattamenti per i pazienti PJS e altri con tumori gastrointestinali. Ne siamo piuttosto entusiasti”.

Il prossimo passo del Dr. Jones è quello di lavorare con modelli murini e continuare a collaborare con colleghi come George Zogopoulos e William Foulkes presso il McGill University Health Center (MUHC) per studiare nei pazienti il ​​ruolo dell’infiammazione nella malattia. 

La ricerca è stata finanziata dalla Canadian Cancer Society, dal Canadian Institutes of Health Research (CIHR), dal McGill Integrated Cancer Research Training Program e dal Fonds de Recherche du Québec – Santé (FRQS). 

Informazioni sul Goodman Cancer Research Center 
Il  Goodman Cancer Research Center (GCRC), situato all’interno del Life Sciences Complex della McGill University, è un centro all’avanguardia per la ricerca sul cancro che attrae e conserva i migliori scienziati di tutto il mondo. Fondato originariamente nel 1978 come McGill Cancer Center, il Centro offre progressi scientifici che ci permettono di studiare il cancro a livello genomico, cellulare e molecolare e capire come il cancro progredisce, si diffonde e resiste alle terapie. Attualmente il Centro comprende 27 gruppi di ricerca, personale di ricerca e supporto e oltre 200 tirocinanti. Le attività di ricerca presso il GCRC rappresentano una prima linea di difesa nella lotta contro il cancro, con particolare attenzione alla ricerca fondamentale per capire perché i tumori non rispondono al trattamento e traducono i risultati in nuovi obiettivi e terapie. 

Fonte: McGill News


Altri articoli su tumori gastrici