Rischi per la salute da biossido di titanio in cosmetici, prodotti alimentari e creme solari

biossido di titanio

 Il biossido di titanio è principalmente usato nella produzione di vernici, ma lo si trova anche in numerosi altri prodotti come cosmetici (filtri solari), prodotti per l’igiene personale (dentifrici) e negli alimenti.Come additivo alimentare, usato come colorante, il biossido di titanio compare sotto la sigla E171. Gli alimenti più ricchi di questa sostanza sono le gomme da masticare, le caramelle e alcuni dolciumi.

Alcuni studi recenti hanno attribuito proprietà proinfiammatorie alle particelle inalate, inoltre le interazioni con la superficie gastro-intestinale potrebbero essere coinvolte nell’insorgenza del morbo di Chron . Al biossido di titanio è stato attribuito un ruolo potenzialmente carcinogenico dalla Canadian Centre for Occupational Health and Safety (CCOHS) e dall’International Agency for Research on Cancer (IARC).

 

 La relazione sulla sostanza, prodotta in milioni di tonnellate ogni anno per il mercato globale, appare nella rivista ACSChemical Research in Toxicology.

Francesco Turci e colleghi spiegano che il biossido di titanio (TiO 2 ) è generalmente considerato un ingrediente sicuro nei prodotti per la pelle disponibili in commercio perché non penetra la pelle sana. Ma c’è un problema. La ricerca ha dimostrato che TiO 2 può causare effetti potenzialmente tossici quando esposto a luce ultravioletta, che è nei raggi del sole ed è lo stesso tipo di luce per cui  il composto si suppone, offra protezione.Tuttavia, per progettare un TiO 2 più sicuro per l’uso umano, i ricercatori hanno deciso di testare diverse forme del composto, ciascuno con la propria architettura.

i ricercatori hanno testato polveri di biossido di titanio sulla pelle di maiale (che spesso sostituisce la pelle umana in questi tipi di test) con illuminazione interna, che ha pochissima luce ultravioletta. Hanno scoperto che una delle due forme cristalline più comunemente usate di TiO 2, chiamate rutili, si lava via facilmente e ha poco effetto sulla pelle. Anatasio, l’altra forma comunemente usata, tuttavia, era difficile da eliminare e ha danneggiato lo strato più esterno della pelle – anche con luce ultravioletta bassa, tramite “radicali liberi”, che sono associati con l’invecchiamento della pelle.

 “I risultati attuali incoraggiano fortemente l’uso del meno reattivo rutilo con carica negativa, per la produzione di TiO più sicuro per i prodotti cosmetici e farmaceutici “, concludono i ricercatori.

 

Fonte Chemical Research in Toxicology , 2013;: 130.912.183.629.009 DOI: 10.1021/tx400285j

Altri articoli su biossido di titanio