HomeSaluteDiabeteResistenza all'insulina e tessuto adiposo in eccesso

Resistenza all’insulina e tessuto adiposo in eccesso

(Insulino-resistenza-Immagine Credit Pulic Domain).

Il trattamento senolitico riduce al minimo il contributo del tessuto adiposo in eccesso alla resistenza all’insulina nei topi,

Le cellule senescenti si accumulano con l’età in tutto il corpo e contribuiscono direttamente all’insorgenza e alla progressione di un’ampia gamma di condizioni legate all’età. Sebbene non siano mai presenti in gran numero rispetto alle normali cellule somatiche, le cellule senescenti sono metabolicamente attive, secernono segnali che provocano infiammazione cronica, comportamento cellulare alterato e numerose forme di disfunzione tissutale.

- Advertisement -

Le terapie senolitiche colpiscono selettivamente le cellule senescenti per la distruzione, la maggior parte forzando queste cellule erranti nel processo programmato di morte cellulare dell’apoptosi. Le cellule senescenti sono predisposte all’autodistruzione e la soppressione dei meccanismi anti-apoptosi per un po’ può spingerle oltre il limite lasciando le cellule normali in gran parte inalterate.

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno dimostrato che molti degli effetti dannosi dell’eccesso di tessuto adiposo viscerale sono mediati dalla presenza di cellule senescenti in quel tessuto adiposo. Questo non è solo legato all’età: il grasso viscerale in eccesso genera cellule senescenti anche in gioventù, ma peggiora con l’età. Pertanto, l’eliminazione periodica delle cellule senescenti tramite l’uso di terapie senolitiche può consentire un certo disaccoppiamento del grasso viscerale in eccesso dalla cattiva salute e dall’invecchiamento accelerato. Una delle conseguenze più importanti dell’aumento di troppo tessuto adiposo è l’insorgenza del diabete di tipo 2, una condizione che può essere invertita anche in una fase relativamente avanzata da diete ipocaloriche che portano alla perdita di peso. Le cellule senescenti sembrano svolgere qui un ruolo importante, causando la morte e la disfunzione delle cellule delle isole del pancreas, cellule necessarie per il corretto funzionamento del metabolismo dell’insulina.

Vedi anche:Insulino-resistenza: nuovi indizi sulla causa

I ricercatori in questo studio dimostrano che l’eliminazione delle cellule senescenti nel tessuto adiposo provoca un notevole miglioramento delle manifestazioni del diabete di tipo 2 nei topi. Non è la prima volta che la comunità scientifica produce risultati di questo tipo e i dati qui riportati possono essere aggiunti a quelli di studi simili condotti negli ultimi anni. Poiché la maggior parte di questi studi utilizzava il trattamento senolitico prontamente disponibile di Dasatinib e Quercetina, attualmente in studi sull’uomo per altre condizioni, è forse sorprendente vedere poco movimento verso l’uso off-label negli esseri umani, date le dimensioni considerevoli della comunità dei pazienti diabetici.

- Advertisement -

L’eliminazione delle cellule disfunzionali allevia il diabete.

Le cellule del tuo corpo si rinnovano costantemente, con le cellule più vecchie che invecchiano e muoiono, mentre ne nascono di nuove. Ma a volte quel processo va storto. Le cellule danneggiate occasionalmente persistono. Chiamate cellule senescenti, restano in giro, agendo come una cattiva influenza su altre cellule vicine. La loro cattiva influenza modifica il modo in cui le cellule vicine gestiscono gli zuccheri o le proteine ​​e quindi causa problemi metabolici. Il diabete di tipo 2 è la malattia metabolica più comune negli Stati Uniti. La maggior parte delle persone con diabete ha una resistenza all’insulina che è associata a obesità, mancanza di esercizio fisico e cattiva alimentazione. Ma ha anche molto a che fare con le cellule senescenti nel grasso corporeo delle persone, secondo nuove scoperte. E l’eliminazione di quelle cellule senescenti sembra fermare il comportamento diabetico nei topi obesi.

“Alleviare gli effetti negativi del grasso sul metabolismo è stato un risultato impressionante”, hanno detto i ricercatori. Se questa terapia funzionasse così bene anche negli esseri umani, sarebbe un trattamento rivoluzionario per il diabete. I ricercatori hanno testato l’efficacia di una combinazione di farmaci sperimentali, Dasatinib e Quercetina che avevano già dimostrato di prolungare la durata della vita e la buona salute nei topi anziani. In questo studio, hanno scoperto che questi farmaci possono uccidere le cellule senescenti da colture di tessuto grasso umano. Il tessuto è stato donato da individui con obesità noti per avere problemi metabolici. Senza trattamento, i tessuti grassi umani hanno indotto problemi metabolici nei topi immunodeficienti. Dopo il trattamento con Dasatinib e Quercetina, gli effetti dannosi del tessuto adiposo sono stati quasi eliminati.

Mirare alle cellule ad alta espressione di p21Cip1 nel tessuto adiposo allevia la resistenza all’insulina nell’obesità

L’insulino-resistenza è uno stato patologico spesso associato all’obesità, che rappresenta un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2. Esistono strategie limitate basate su meccanismi per alleviare la resistenza all’insulina. Qui, utilizzando la trascrittomica unicellulare, identifichiamo una popolazione cellulare piccola, criticamente importante, ma precedentemente non esaminata, cellule altamente esprimenti p21Cip1 (p21high), che si accumulano nel tessuto adiposo con obesità. Sfruttando un modello murino p21- Cre, dimostriamo che la clearance intermittente delle cellule p21high può sia prevenire che alleviare la resistenza all’insulina nei topi obesi.

L’inattivazione esclusiva della via NF-kB all’interno delle cellule p21high, senza ucciderle, attenua la resistenza all’insulina. Inoltre, esperimenti di trapianto di grasso stabiliscono che le cellule p21high all’interno del grasso sono sufficienti a causare insulino-resistenza in vivo. È importante sottolineare che un cocktail senolitico, dDsatinib più Quercetina, elimina le cellule p21high nel grasso umano ex vivo e mitiga la resistenza all’insulina dopo lo xenotrapianto in topi immunodeficienti. I nostri risultati gettano le basi per perseguire il target delle cellule p21high come nuova terapia per alleviare la resistenza all’insulina.

Fonte: Fight Aging

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...