HomeSalutePellePsoriasi: responsabili un trio di proteine

Psoriasi: responsabili un trio di proteine

(Psoriasi-Immagine: il Croft Lab ha catturato come la proliferazione delle cellule della pelle, come si vede nella psoriasi (indicata con colorazione viola), è diminuita quando l’attività TWEAK è stata bloccata. Credito: Rinkesh Gupta, Istituto di immunologia di La Jolla).

Circa 7,5 milioni di americani soffrono di psoriasi, una malattia autoimmune che si manifesta con chiazze di pelle arrossata e infiammata ed eruzioni cutanee dolorose e squamose. Sebbene esistano trattamenti efficaci per la psoriasi, non tutti rispondono a queste terapie e per molti il ​​sollievo è temporaneo.

“Queste terapie non riducono la malattia del 100% e non curano la malattia”, afferma il Professor Michael Croft, Ph.D. dell’Istituto La Jolla per l’immunologia (LJI).

- Advertisement -

Ora Croft e il suo team del Centro per l’autoimmunità e l’infiammazione di LJI hanno scoperto come una proteina chiave chiamata TWEAK danneggia le cellule della pelle nei pazienti affetti da psoriasi. Le loro scoperte, nei topi e con le cellule della pelle umana in laboratorio, suggeriscono che prendere di mira TWEAK può aiutare a controllare la malattia.

“Pensiamo che TWEAK potrebbe essere considerata un potenziale bersaglio per il trattamento della psoriasi“, afferma Rinkesh Gupta, Ph.D., borsista post-dottorato presso LJI e primo autore del nuovo studio pubblicato su Science Immunology. “È bello avere questa possibilità di sviluppare una nuova opzione terapeutica”.

I risultati dello studio si basano sul lavoro precedente del Croft Lab che mostra che TWEAK può interagire con il tipo più comune di cellule della pelle, chiamate cheratinociti. Studiando topi carenti di TWEAK, i ricercatori hanno scoperto che TWEAK è un fattore di infiammazione in un modello di psoriasi.

Il nuovo studio mostra che TWEAK non funziona da solo. Studiando i cheratinociti umani, i ricercatori hanno scoperto che TWEAK si unisce ad altre due proteine, chiamate fattore di necrosi tumorale (TNF) e interleuchina-17 (IL-17), per innescare l’infiammazione. Questo trio sembra controllare la produzione di molecole infiammatorie e l’espressione di ulteriori proteine ​​associate all’infiammazione nei pazienti con psoriasi.

- Advertisement -

Vedi anche:Psoriasi: una proteina aiuta a combattere l’infiammazione

“Il fatto che lavorino insieme suggerisce che lmalattia è essenzialmente guidata da tutte e tre quelle particolari proteine ​​allo stesso tempo“, afferma Croft. “L’implicazione principale è che TWEAK sarà anche un buon bersaglio farmacologico, come è già stato dimostrato per TNF e IL-17”.

Per testare questa ipotesi, i ricercatori hanno utilizzato un modello murino di psoriasi per confrontare un inibitore TWEAK con le terapie che inibiscono IL-17 o TNF.

I risultati suggeriscono che il team di ricerca è sulla strada giusta. “Se inibisci TWEAK dal lavorare sul suo recettore sui cheratinociti, ottieni lo stesso effetto terapeutico di quando inibisci TNF o IL-17“, afferma Gupta. Questa scoperta è particolarmente incoraggiante perché TNF e IL-17 sono entrambi bersagli farmacologici approvati dalla FDA per la psoriasi.

Sebbene restino ancora da fare studi clinici sull’uomo, Croft vede un futuro per gli inibitori TWEAK come terapie per molti tipi di malattie della pelle. “Pensiamo che TWEAK sia coinvolto nell’infiammazione della pelle in generale”, afferma Croft.

Il suo laboratorio sta ora studiando il ruolo di TWEAK nella dermatite atopica, chiamata anche eczema, un tipo molto comune di infiammazione della pelle, specialmente nei neonati e nei bambini piccoli. Croft dice che anche se la psoriasi e la dermatite atopica sono malattie distinte, hanno alcune cose in comune e non ci sono tanti buoni trattamenti per la dermatite atopica.

“C’è sicuramente molto spazio per miglioramenti nel trattamento dei pazienti con dermatite atopica”, dice il ricercatore.

Fonte: Science Immunology 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...