HomeSalutePellePsoriasi pustolosa generalizzata:nuovo farmaco migliora segni e sintomi

Psoriasi pustolosa generalizzata:nuovo farmaco migliora segni e sintomi

(Psoriasi pustolosa generalizzata-Immagine Credit Public Domain).

La psoriasi pustolosa generalizzata (GPP) è una condizione della pelle rara e pericolosa per la vita per la quale non esistono trattamenti approvati. È caratterizzata da episodi di eruzioni diffuse di pustole sterili e dolorose (vesciche di pus non infettivo). C’è un’elevata necessità insoddisfatta di trattamenti in grado di risolvere rapidamente e completamente i segni e i sintomi delle riacutizzazioni del GPP. Le riacutizzazioni influiscono notevolmente sulla qualità della vita di una persona e possono portare al ricovero in ospedale con gravi complicazioni, tra cui insufficienza cardiaca, insufficienza renale, sepsi e morte.

Uno studio clinico ha dimostrato che Spesolimab, un nuovo anticorpo selettivo umanizzato, blocca l’attivazione del recettore dell’interleuchina-36 (IL-36R), una via di segnalazione all’interno del sistema immunitario dhe si è dimostrata coinvolta nella patogenesi di diverse malattie autoimmuni, compresa la psoriasi pustolosa generalizzata. Il nuovo farmaco ha dimostrato una rapida eliminazione delle pustole in pazienti adulti con psoriasi pustolosa generalizzata (GPP) che hanno manifestato una riacutizzazione.

- Advertisement -

Lo studio ha raggiunto l’endpoint primario; il 54% dei pazienti non ha avuto pustole visibili dopo una singola dose di Spesolimab, rispetto al 6% che ha ricevuto un placebo alla prima settimana.

Vedi anche:Psoriasi: perchè alcuni farmaci sono inefficaci

La linea di fondo sembra essere che lo Spesolimab è rapidamente efficace nella maggior parte dei pazienti entro una settimana dalla sua prima infusione endovenosa. Questo risultato è significativo perché la psoriasi pustolosa generalizzata è una condizione pericolosa per la vita che compromette l’integrità della pelle. I pazienti sono frequentemente ospedalizzati e spesso muoiono per sepsi o altre complicazioni.

L’autore senior dello studio, Mark Lebwohl, MD, ha dichiarato: “La psoriasi pustolosa generalizzata è una rara condizione pericolosa per la vita in cui le funzioni protettive della pelle vengono perse, lasciando i pazienti vulnerabili alla perdita di elettroliti, sostanze nutritive e fluidi per la pelle, causando insufficienza cardiaca ad alta gittata, sepsi e persino morte. Fino ad ora, altri trattamenti utilizzati per questa condizione non sono stati efficaci in modo affidabile e sono spesso troppo lenti per una condizione così pericolosa. Si spera che lo Spesolimab sia il primo trattamento approvato negli Stati Uniti Stati per la psoriasi pustolosa e finalmente avremo un trattamento affidabile e rapidamente efficace per questa malattia devastante”.

- Advertisement -

Fonte:New England Journal of Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...