HomeSaluteTumoriMelanoma: dieta ricca di fibre migliora la risposta all'immunoterapia

Melanoma: dieta ricca di fibre migliora la risposta all’immunoterapia

(Melanoma-Immagine Credit Public Domain).

Una dieta ricca di fibre può aiutare alcune persone in cura per il melanoma a rispondere al trattamento immunoterapico influenzando il microbioma intestinale, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori del Centro per la ricerca sul cancro del National Cancer Institute (NCI), parte del National Cancer Institute (NCI), parte del National Cancer Institute (NCI), Institutes of Health e l’MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas. I risultati dello studio, che ha analizzato sia le persone con melanoma che i modelli murini della malattia, sono apparsi il 24 dicembre 2021 su Science.

Tra i pazienti con melanoma avanzato sottoposti a immunoterapia con bloccanti del checkpoint immunitario, quelli che hanno consumato almeno 20 grammi al giorno di fibra alimentare sono sopravvissuti più a lungo senza che la malattia progredisse. Al contrario, l’uso di integratori probiotici sembrava ridurre in qualche modo l’efficacia dei regimi di blocco del checkpoint immunitario. I probiotici sono microrganismi vivi tipicamente consumati come integratore per migliorare la salute dell’intestino.

- Advertisement -

I dati suggeriscono che si può mirare alla composizione del microbiota intestinale e influenzare la capacità del paziente di rispondere all’immunoterapia“, ha affermato Giorgio Trinchieri, MD, capo del Laboratorio di immunologia integrata del cancro nel Centro per la ricerca sul cancro dell’NCI, uno dei i coordinatori dello studio. “Consumare una dieta ricca di fibre, che includa quindi frutta, verdura e legumi, potrebbe migliorare la tua capacità di rispondere all’immunoterapia”.

L‘immunoterapia con bloccanti del checkpoint immunitario aiuta a ripristinare la capacità naturale del sistema immunitario di riconoscere e uccidere le cellule tumorali. Questi farmaci sono stati trasformativi nel melanoma, migliorando la durata di vita di alcune persone con malattia avanzata, a volte di anni. Tuttavia, per molti pazienti, i bloccanti del checkpoint immunitario non riescono a fermare la crescita dei loro tumori. Diversi studi hanno suggerito che la composizione dei batteri nell’intestino può influenzare la risposta all’immunoterapia.

Vedi anche:Proprietà anti-melanoma scoperte in un+ascidia

“La domanda è: possiamo cambiare la composizione del tipo di batteri nell’intestino e migliorare la capacità di risposta del paziente?” dice il Dottor Trinchieri.

- Advertisement -

In uno studio precedente, il Dottor Trinchieri e un altro gruppo di collaboratori hanno mostrato che alcune persone con melanoma che inizialmente non hanno risposto al trattamento con un bloccante del checkpoint immunitario, hanno risposto dopo aver ricevuto un trapianto fecale da un paziente che aveva risposto al farmaco. Il trapianto fecale, hanno concluso, ha introdotto diversi batteri intestinali che hanno contribuito a rendere più facile per le cellule immunitarie invadere e uccidere i loro tumori.

“È stato anche dimostrato che l’assunzione di fibre alimentari e l’uso di integratori probiotici influenzano la composizione dei batteri intestinali. Sempre più malati di cancro stanno assumendo integratori probiotici nel tentativo di migliorare la loro salute intestinale, ma si sa poco su come i probiotici, che sostanzialmente cambiano l’ecologia dei batteri intestinali, hanno un impatto sulla risposta immunoterapeutica”, ha detto.

Anche la connessione tra l’assunzione di fibre e la risposta immunoterapeutica non è stata chiara. Tuttavia, un recente studio condotto da Romina Goldszmid, Ph.D., anch’essa del Centro per la ricerca sul cancro dell’NCI, ha mostrato che i topi nutriti con una dieta ricca di pectina, che è una fibra abbondante nelle mele, sono stati in grado di prevenire la crescita del tumore attivando cellule immunitarie e riprogrammazione del microambiente tumorale.

Nel nuovo studio, il Dott. Trinchieri e i co-conduttori dello studio Carrie R. Daniel, Ph.D., MPH e Jennifer A. Wargo, MD, dell’MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas e i loro collaboratori, hanno esaminato la composizione di microrganismi fecali (il microbiota intestinale), abitudini alimentari e uso di integratori probiotici tra i pazienti in trattamento per melanoma avanzato con bloccanti del checkpoint immunitario.

Tra i 128 pazienti di cui era nota l’assunzione di fibre alimentari, quelli che hanno riferito di consumare almeno 20 grammi di fibra alimentare al giorno (una quantità che i ricercatori hanno designato come “sufficiente” ai fini di questo studio) hanno vissuto più a lungo senza che il loro cancro progredisse rispetto a quelli che consumato meno fibra alimentare. Ogni aumento di 5 grammi nell’assunzione giornaliera di fibre alimentari corrispondeva a un rischio inferiore del 30% di progressione della malattia.

I ricercatori hanno anche esaminato l’impatto della fibra alimentare sulla risposta al trattamento con farmaci anti-PD-1, una categoria di bloccanti del checkpoint immunitario, in modelli murini di melanoma. Per imitare le diverse diete nei pazienti con melanoma, i ricercatori hanno nutrito i topi con una dieta ricca o povera di fibre, hanno iniettato ai topi cellule di melanoma e poi hanno trattato i topi con una terapia anti-PD-1. I topi trattati con una dieta ricca di fibre avevano ritardato la crescita del tumore dopo il trattamento anti-PD-1, rispetto ai topi trattati con una dieta povera di fibre.

I ricercatori hanno quindi ripetuto gli esperimenti su topi privi di germi, ovvero topi che non hanno batteri nelle viscere. “Nei topi privi di germi, la dieta non ha fatto alcuna differenza nella risposta immunoterapeutica”, ha detto il Dott. Trinchieri. “Ciò suggerisce che la dieta sta influenzando la risposta alla terapia del checkpoint immunitario modificando la composizione del microbiota intestinale”.

Il Dottor Trinchieri ha osservato che un possibile meccanismo attraverso il quale la fibra alimentare esercita il suo effetto benefico è l’aumento dei tipi di batteri nell’intestino, come le Ruminococcaceae, che producono alti livelli di alcuni acidi grassi a catena corta che hanno un effetto antitumorale.

“Abbiamo visto un aumento di uno di questi acidi grassi a catena corta, il propionato, nei topi che sono stati nutriti con una dieta ricca di fibre”, ha detto il Dott. Trinchieri. “Inoltre, i pazienti il ​​cui cancro ha risposto all’immunoterapia avevano una maggiore abbondanza di batteri Ruminococcaceae nel loro microbiota intestinale rispetto a quelli che non hanno risposto alla terapia”.

I ricercatori hanno anche esaminato l’impatto dei probiotici sui batteri intestinali nel modello murino di melanoma. I topi nutriti con probiotici hanno avuto una risposta ridotta al trattamento con farmaci anti-PD-L1 e hanno sviluppato tumori più grandi rispetto ai topi di controllo. Ulteriori analisi hanno mostrato che i topi nutriti con probiotici avevano livelli più bassi di cellule immunitarie che uccidono il tumore, suggerendo una risposta immunitaria indebolita.

Nello studio sull’uomo, quasi un terzo dei pazienti ha riferito di aver assunto un integratore probiotico nell’ultimo mese. Sebbene i ricercatori abbiano notato che la piccola dimensione del campione e la varietà di probiotici utilizzati dai pazienti rendessero difficile trarre conclusioni definitive sull’associazione tra l’uso di probiotici e la risposta ai bloccanti del checkpoint immunitario, hanno osservato che i pazienti che consumavano i più alti livelli di fibra alimentare senza uso di probiotici è sopravvissuto più a lungo.

“L’impatto della fibra alimentare e dei probiotici sul microbiota intestinale è solo una parte del quadro più ampio”, ha avvertito il Dott. Trinchieri. “Molti fattori possono influenzare la capacità di un paziente con melanoma di rispondere all’immunoterapia. Tuttavia, da questi dati, il microbiota sembra essere uno dei fattori dominanti“.

Sono giustificati studi più ampi che dovrebbero includere tumori diversi dal melanoma.

Fonte:Science

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...