HomeSalutePellePrurigo nodularis: individuato nuovo mediatore

Prurigo nodularis: individuato nuovo mediatore

(Prurigo nodularis-Immagine Credit Public Domain).

Sebbene sia stato segnalato per la prima volta nel 1880, sono state condotte poche ricerche sul prurigo nodularis (PN), una malattia infiammatoria cronica della pelle caratterizzata da noduli sodi e intensamente pruriginosi che compaiono su braccia, gambe e busto. Il prurigo nodularis interrompe il sonno e la qualità della vita di chi ne soffre e, sebbene la sua causa sia in gran parte sconosciuta, è spesso collegato a ulteriori complicazioni di salute come malattie cardiovascolari, malattie renali croniche e diabete di tipo 2. Colpisce anche in modo sproporzionato gli afroamericani.

Sfortunatamente, il prurigo nodularis (PN) non dispone di terapie approvate dalla Food and Drug Administration statunitense. Tuttavia, come risultato di una nuova ricerca della Johns Hopkins Medicine, ora si sa di più sulle cause alla base di questa condizione e delle sue malattie associate, intuizioni che potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti. Nel loro studio, pubblicato per la prima volta online il 22 marzo 2021, sul Journal of Investigative Dermatology, i ricercatori hanno esaminato la relazione tra l’RNA messaggero delle cellule della pelle, materiale genetico che dirige le cellule a produrre proteine e le molecole circolanti nel sangue che mediano l’infiammazione sistemica, per identificare potenziali cause del PN. “Tale ricerca è vitale”, afferma Shawn Kwatra, MD, assistente Professore di dermatologia presso la John Hopkins University School of Medicine, “perché il prurito nodularis è “tremendamente sottovalutato” rispetto ad altre condizioni infiammatorie della pelle, come la psoriasi, che ha più terapie approvate. C’è un urgente bisogno di comprendere meglio lo sviluppo di questa condizione, che ha un forte impatto sulla vita dei pazienti, causando prurito insopportabile, disturbi del sonno e disagio psicosociale”.

- Advertisement -

Vedi anche:Prurito cronico: marijuana medica possibile terapia

Per fornire nuovi dati che potrebbero consentire lo sviluppo di terapie mirate, Kwatra e i suoi colleghi si sono concentrati sulla connessione tra l’infiammazione sistemica nel sangue e la pelle. Nello specifico, i ricercatori hanno scoperto che i linfociti T CD4+ circolanti nel sangue, noti come cellule T helper perché consentono al sistema immunitario di adattarsi a diverse condizioni e i linfociti T CD8+, comunemente indicati come cellule T killer perché cercano e distruggono le cellule infette o danneggiate e secernono livelli aumentati di interleuchina-22 (IL-22), una proteina (nota come citochina) che provoca infiammazione della pelle, ispessimento e cicatrici. È stato anche dimostrato che IL-22 è associato al diabete di tipo 2 nei pazienti.

I ricercatori hanno scoperto che la secrezione di IL-22 da parte di un sottoinsieme di cellule T CD4+ note come cellule Th22 ha provocato un aumento “a valle” della segnalazione chimica in tutta la pelle che ha mediato l’infiammazione che porta alla PN. Il team di ricerca ha utilizzato una tecnica nota come analisi della variazione del set genetico per dimostrare che queste cellule Th22 fanno parte di una via immunitaria molto disregolata (un’interruzione nel normale equilibrio del sistema immunitario che spesso porta a un’iperattivazione) e correlata più fortemente con l’intensità del prurito segnalati da pazienti con prurigo nodularis.

“Questo studio fornisce prove dirette che il prurigo nodularis è una malattia infiammatoria sistemica, con l’infiammazione del sangue circolante che funge da collegamento tra le malattie della pelle e altre comorbidità, come la resistenza all’insulina e l’ipertensione”, afferma Kwatra. “Identificare i collegamenti tra le condizioni di prurito cronico e altri problemi di salute sottostanti ci mostra che è importante che i pazienti con prurito nodularis vengano trattati precocemente in modo che l’ infiammazione sistemica non contribuisca allo sviluppo di problemi di salute più gravi”.

- Advertisement -

Fonte:Journal of Investigative Dermatology 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...