Proteina ​​collegata a riacutizzazione della BPCO identificata

Broncopneumopatia ostruttiva

I ricercatori del RIKEN Advanced Science Institute e la Nippon Medical School in Giappone, hanno identificato una proteina che può essere coinvolta nella riacutizzazione di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).Questa proteina, Siglec-14, potrebbe servire come un nuovo potenziale bersaglio per il trattamento della riacutizzazione della BPCO.

In uno studio pubblicato oggi sulla rivista Cellulare e scienze della vita molecolare, i ricercatori dimostrano che i pazienti affetti da BPCO che non esprimono Siglec-14, un glicano riconoscimento di proteine, sono meno suscettibili di peggioramento rispetto a quelli che lo fanno.

La BPCO è una condizione cronica in cui si danneggiano le vie aeree e gli alveoli nei polmoni, rendendo sempre più difficile il passaggio dell’aria . E ‘la  quarta causa  di morte nel mondo e la sua prevalenza è in aumento.Esacerbazione o un improvviso peggioramento dei sintomi della BPCO,  spesso scatenati da un’infezione batterica o virale, conduce direttamente al declino della qualità della vita fino alla morte del paziente.

L’evidenza  ha dimostrato che Siglec-14, che è costituito da innate cellule del sistema immunitario, si lega ai batteri che spesso causano la riacutizzazione della condizione.Il team di ricerca, condotto da Takashi Angata e Naoyuki Taniguchi (RIKEN Advanced Science Institute) e Drs. Takeo Ishii e Kozui Kida (Clinica Respiratoria, Nippon Medical School),  hanno ipotizzato che la presenza di Siglec-14 può influenzare la frequenza degli episodi di esacerbazione nei pazienti con BPCO.

Il team ha analizzato la correlazione tra il genotipo di SIGLEC14 gene e la frequenza delle riacutizzazioni di BPCO durante 1 anno di monitoraggi di  135 pazienti affetti da BPCO, ed ha trovato che i pazienti che non hanno Siglec-14 (31 pazienti) subiscono molti meno episodi di riacutizzazione ( quasi l’80% in meno) in media, rispetto a quelli che presentano Siglec-14 (104 pazienti).

Questi risultati  suggeriscono che i pazienti con BPCO possono essere stratificati in base al genotipo SIGLEC14 per la cura più efficace e personalizzata. Implicano anche che Siglec-14 proteina è coinvolta nella riacutizzazione della BPCO, e che un composto che blocca gli eventi infiammatori innescati da Siglec-14, potrebbe essere usato per prevenire o trattare l’esacerbazione della BPCO.

Fonte Scienze della vita cellulare e molecolare , 2013, DOI: 10.1007/s00018-013-1311-7


Altri articoli su Broncopneumopatia ostruttiva