Promettente nuova classe di anticorpi protegge dall’infezione da HIV-1

HIV

Immagine: l’anticorpo IgM ha più braccia per catturare il virus e questo lo rende più efficiente nell’aggregazione del virus, impedendogli di passare attraverso la barriera della mucosa e di entrare nel resto del corpo.

Un gruppo di scienziati del Texas Biomedical Research Institute si è concentrato su una nuova difesa contro l’HIV-1, il virus che causa l’AIDS. Guidato da Ruth Ruprecht, il team ha usato un modello animale per mostrare per la prima volta che un anticorpo chiamato Immunoglobulin M (IgM) era efficace nel prevenire l’infezione dopo l’esposizione al virus  dell’AIDS. In tutto il mondo, circa il 90% dei nuovi casi di HIV-1 è causato dall’esposizione al virus delle cavità della mucosa come il rivestimento interno del retto o della vagina.

“L’IgM è una sorta di anticorpo dimenticato“, ha detto il Dottor Ruprecht, scienziato e Direttore del programma di ricerca sull’AIDS del Texas Biomed. “La maggior parte degli scienziati riteneva che il suo effetto protettivo fosse troppo breve per essere sfruttato come qualsiasi tipo di schermo protettivo contro un agente patogeno invasivo come l’HIV-1”.

Lo studio è stato pubblicato nell’edizione del 17 luglio 2018 della rivista AIDS.  L’articolo è elencato come “Fast Track”, indicando che questi nuovi ed eccitanti dati dovrebbero ricevere un’attenzione speciale.

( Vedi anche: Nuovo candidato vaccino contro l’HIV).

Le scimmie Rhesus del Southwest National Primate Research Center nel campus Texas Biomed sono servite come modelli per lo studio in vivo. Gli scienziati hanno prima trattato gli animali con una versione artificiale di IgM, che è prodotta naturalmente da plasmacellule situate sotto l’epitelio (il rivestimento superficiale delle cavità del corpo). Mezz’ora più tardi, gli stessi animali sono stati esposti a SHIV (virus dell’immunodeficienza umana-simian). Quattro dei sei animali trattati in questo modo erano completamente protetti dal virus. Gli animali sono stati monitorati per 82 giorni.

Il team del Dr. Ruprecht ha scoperto che l’applicazione degli anticorpi IgM ha provocato quella che viene chiamata immunizzazione. Le IgM ammassavano il virus, impedendogli di attraversare la barriera mucosa e di diffondersi nel resto del corpo. La tecnica di introdurre anticorpi preformati nel corpo per creare l’immunità è nota come immunizzazione passiva.

L’IgM ha un’alta affinità per i suoi antigeni e “li afferra molto velocemente e non li lascia andare”, ha spiegato il Dott. Ruprecht. “Il nostro studio rivela per la prima volta il potenziale protettivo delle IgM anti-HIV-1 della mucosa, che ha una capacità cinque volte superiore di legarsi alle particelle virali rispetto alla forma standard di anticorpi denominata IgG, in pratica apre una nuova area di ricerca: l’IgM può fare più di quanto non gli sia stato dato credito “.

Un editoriale di accompagnamento afferma che il Dr. Ruprecht ha “dato il via a una nuova ondata nella valutazione dell’attività degli anticorpi IgM nel neutralizzare l’HIV-1 … e lei e il suo gruppo, hanno ampiamente allargato l’orizzonte peri neutralizzare gli anticorpi dell’HIV-1, che, come agenti singoli o combinati, possono essere utilizzati per la prevenzione e il trattamento dell’HIV-1″.

Questa indagine ha utilizzato le risorse che sono state supportate dalla concessione P51 OD011133 del Southwest National Primate Research Center dall’Office of Research Infrastructure Programs e National Institutes of Health.

Fonte: EurekAlert 

Altri articoli su HIV