Primo passo verso la terapia genica per la distrofia maculare o malattia di Best

La distrofia maculare vitelliforme, nota anche come malattia di Best, è parte di un gruppo di condizioni chiamate bestrophinopathies che colpiscono bambini e giovani adulti. Una rara forma  di degenerazione retinica che tocca la macula, il punto della massima acuità visiva che può anche rimanere normale per molti anni. Si tratta di una condizione causata da mutazioni ereditarie nel gene best1.

I ricercatori dell’Università della Pennsylvania, grazie al loro nuovo studio, hanno ottenuto risultati “incoraggianti” che segnano il primo passo chiaro nello sviluppo di una terapia genica che potrebbe prevenire la perdita della vista o addirittura ripristinare la vista, in individui affetti da distrofia maculare.

La ricerca, condotta nei cani, che hanno naturalmente sviluppato una malattia simile alla malattia di Best o distrofia maculare, è stata condotta da Karina E. Guziewicz e Gustavo D. Aguirre della Facoltà di Medicina Veterinaria di Penn.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLoS ONE.

“Il primo passo nella progettazione di una terapia genica per queste condizioni è quello di fare in modo che essa sia  in grado di indirizzarsi alle cellule che sono state colpite”, ha detto Aguirre.”Questo è ciò che il nostro studio ha fatto.”

Aguirre ha già progettato terapie di successo per le altre forme di cecità che colpiscono sia i cani che gli esseri umani, tra cui la retinite pigmentosa, amaurosi congenita di Leber e acromatopsia.

La versione nel “cane” della degenerazione maculare si chiama retinopatia multifocale (CMR) canina e condivide molte delle caratteristiche della condizione umana. Sapendo che la malattia di Best e CMR, come anche altri problemi di visione, sono condizioni ereditarie attribuibili a mutazioni in un singolo gene, i ricercatori della Penn Vet hanno cercato di consegnare una copia sana del gene best1 ad una porzione di retina, per sostituire la copia malfunzionante .

Come in un precedente lavoro, gli scienziati hanno eseguito questa consegna usando un vettore – un virus innocuo geneticamente modificato per trasportare materiale genetico specifico. Il carico comprendeva sia la versione umana che quella canina di best1.

I ricercatori hanno iniettato il vettore in 18 retine di cani che presentavano copie normali del best1 o una copia normale e una copia mutata. Per assicurarsi che il gene iniettato stava nella posizione corretta nella retina, i ricercatori hanno taggato il vettore con una proteina fluorescente verde. I ricercatori hanno poi testato due differenti vettori, chiamati rAAV2 / 1 e rAAV2 / 2, entrambi i quali sono allo studio per l’utilizzo in studi clinici umani per altri tipi di terapia genica visione-correlate.

Iniettando il vettore sotto la retina, i ricercatori hanno poi monitorato l’espressione della proteina fino a sei mesi.

Essi hanno trovato che l’espressione è aumentata entro quattro/sei settimane dopo l’iniezione ed è rimasta stabile per sei mesi – un segno che la terapia sarebbe stata duratura.

I ricercatori sono stati sorpresi, tuttavia, di vedere che i cani che avevano ricevuto iniezioni dal vettore rAAV2 / 1 presentavano alcune “cellule verdi ” che mostravano danni alle cellule cono, ossia le cellule fotorecettrici  presenti sulla retina che sono sensibili alle forme ed ai colori e permettono la visione dei colori e acuità visiva centrale.

“E ‘stata una scoperta fortuita, perché quando abbiamo esaminato la retina nelle sezioni sembrava perfettamente normale”, ha detto Aguirre. “Ma quando abbiamo esaminato queste cellule verdi abbiamo trovato che tutte le cellule cono erano morte. Questa terapia, estesa a tutta la retina, potrebbe avere implicazioni significative per la disabilità visiva, la capacità di vedere i colori e funzione in piena luce.”

Il risultato solleva le questioni circa la potenziale utilità di rAAV2 / 1 in future terapie.

“Uno degli obiettivi del nostro studio è stato quello di confrontare i due vettori”, ha detto Guziewicz. “Ora sappiao che il rAAV2 / 2 vettore è il candidato chiaro per la terapia genica”.

Entrambe le versioni umane e canine di best1 si comportavano allo stesso modo, offrendo l’ incoraggiamento che un tale approccio si potrebbe tradurre negli esseri umani.

La distrofia maculare è una malattia relativamente rara che colpisce circa una persona su 10.000 e gli approcci in fase di perfezionamento per il suo trattamento, potrebbe essere estesi ad altre malattie maculari.

“Alcuni dei tratti distintivi della distrofia maculare sono comuni ad altre patologie “, ha detto Guziewicz “Se funziona,la nostra scoperta potrebbe beneficiare altri tipi di degenerazione maculare che colpiscono le cellule epiteliali del pigmento retinico.”

“Il nostro lavoro preliminare ci fa sentire molto ottimisti”, ha concluso il Dott.r Aguirre.

 

 

Fonte PLoS ONE , 2013; 8 (10): e75666 DOI: 10.1371/journal.pone.0075666