Home Salute Potenziale nuovo trattamento della leucemia mieloide acuta

Potenziale nuovo trattamento della leucemia mieloide acuta

Immagine: Public Domain.

La tirosina chinasi è un enzima proteico che ha molte funzioni all’interno delle cellule, tra cui la segnalazione, la crescita e la divisione cellulare. A volte questi enzimi possono essere iperattivi, il che aiuta le cellule tumorali a sopravvivere e moltiplicarsi. Un inibitore della tirosina chinasi (TKI) è un farmaco somministrato ad alcuni pazienti affetti da leucemia mieloide acuta (LMA) per bloccare le azioni della tirosina chinasi iperattiva, con l’obiettivo finale di arrestare o rallentare la crescita delle cellule tumorali.

Vedi anche: Leucemia mieloide acuta: approvato nuovo trattamento dal SSN in Inghilterra

 In uno studio pubblicato sulla rivista Leukemia, l’autore principale dello studio Ami Patel, MD, ricercatore dell’Huntsman Cancer Institute (HCI) e assistente Professore nella divisione di ematologia e tumori ematologici dell’Università dello Utah, ha dimostrato che i fattori prodotti dalle cellule di supporto del midollo osseo hanno permesso alle cellule della leucemia di sopravvivere al trattamento con Quizartinib, un tipo di TKI. Quando Quizartinib è stato combinato con un altro TKI chiamato Dasatinib, le vie di sopravvivenza alternative sono state chiuse, portando a una morte più efficace delle cellule della leucemia. Patel e colleghi ritengono che questo studio aiuti a delineare un potenziale nuovo approccio terapeutico nei pazienti con LMA che hanno una mutazione in un gene chiamato FLT3.

La leucemia mieloide acuta è un tipo di tumore del sangue che colpisce i globuli bianchi nel corpo. Circa il 30% di tutti i pazienti con LMA ha una mutazione in una tirosina chinasi chiamata FLT3. Questa proteina si trova sulla superficie delle cellule del sangue e si lega a una molecola specifica chiamata FL all’esterno della cellula. Normalmente, il legame di FL attiva il recettore FLT3 e provoca la crescita cellulare. Quizartinib è un tipo di inibitore FLT3 sviluppato per pazienti con LMA con mutazioni FLT3.

I pazienti con LMA rispondono bene a Quizartinib inizialmente, ma di solito la loro malattia recidiva poco dopo il trattamento. “È sorprendente vedere come gli inibitori di piccole molecole hanno trasformato la cura del cancro in così tanti pazienti affetti da leucemia”, ha affermato Patel. “Tuttavia, la realtà che fa riflettere è che anche i farmaci nuovi ed eccitanti spesso funzionano solo per controllare la leucemia per un periodo di tempo finito prima che il paziente sviluppi resistenza ai farmaci e recidive”-

Utilizzando campioni di sangue e midollo donati da pazienti con LMA all’HCI, Patel ha scoperto che i fattori prodotti dalle cellule di supporto del midollo osseo vengono assorbiti dalle cellule della leucemia, attivando percorsi di sopravvivenza che le proteggono da Quizartinib. Una delle vie di segnalazione attivate nelle cellule della leucemia è la via STAT5. Patel ha anche scoperto che questi fattori del midollo osseo accelerano la produzione di energia nelle cellule , consentendo la sopravvivenza del tumore. Il trattamento della leucemia con una combinazione di Quizartinib e Dasatinib ha superato gli effetti protettivi delle cellule di supporto del midollo osseo in questo studio di laboratorio e ha ucciso le cellule della leucemia in modo più efficace rispetto al solo Quizartinib.

Patel prevede di utilizzare questi risultati per supportare gli studi futuri sulla resistenza a TKI in un altro tipo di leucemia chiamata leucemia mielomonocitica cronica. Collettivamente, le intuizioni di questi studi saranno utilizzate per sviluppare studi clinici per migliorare le opzioni di trattamento per i pazienti affetti da leucemia.

Fonte:EurekAlert


ULTIMI ARTICOLI

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...

La prevenzione delle metastasi è una nuova arma nella guerra al cancro

Immagine:Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0. Il Prof. Michael Lisanti e la Prof.ssa Federica Sotgia hanno fatto una scoperta che potrebbe trasformare il cancro in...

Oltre placche e grovigli: una varazione genetica può aumentare il rischio di declino cognitivo

Immagine: Public Domain. Una variazione genetica in alcune persone può essere associata al declino cognitivo che non può essere spiegato dai depositi di due proteine...